2016

your name.

/ 20168.1194 voti
your name.
your name.

Mitsuha è un'adolescente che vive in un paesino rurale sui monti del Giappone, ma sogna Tokyo. Rei, invece, è un ragazzo appassionato di disegno che vive proprio nella grande metropoli, dove studia e lavora come cameriere in un ristorante italiano. Un giorno, al suo risveglio, Mitsuha si ritrova nel corpo del ragazzo, in città. Contemporaneamente, Rei si sveglia con le fattezze di Mitsuha, nel suo paesino montano. Inizialmente, entrambi pensano che si tratti di un sogno particolarmente realistico, ma i fatti smentiranno le loro supposizioni.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: 君の名は。
Attori principali: Ryunosuke KamikiMone KamishiraishiMasami NagasawaEtsuko IchiharaRyou NaritaAoi Yuki, Nobunaga Shimazaki, Kaito Ishikawa, Tani Kanon, Masaki Terasoma, Sayaka Ohara, Kana Hanazawa, Kazuhiko Inoue
Regia: Makoto Shinkai
Sceneggiatura/Autore: Makoto Shinkai
Colonna sonora: Natsuko Makino, Jiro Murayama, Yojiro Noda, Uni Pex, Takahito Sakurai
Fotografia: Hitomi Fukuzawa
Produttore: Genki Kawamura, Yoshihiro Furusawa, Katsuhiro Takei, Kouichirou Itou, Keiji Ota, Minami Ichikawa, Noritaka Kawaguchi
Produzione: Giappone
Genere: Orientale, Drammatico, Fantasy, Romantico, Animazione
Genere:
Durata: 106 minuti

Che belle tette che ho / 5 Ottobre 2017 in your name.

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

In Giappolandia due ragazzi sui 17 y-o, Mitsuha (che non è un’amica di Frances-ha anche se sembrerebbe) e Taki. La prima vive in un villaggio, tra le montagne, scuola, figlia del sindaco ma vive nel tempio con nonna e sorella, sputa il sake per conservarlo perché la tradizione così vuole, e ovviamente vorrebbe la grande città. Taki Tokio a vive col padre, scuola, lavora in un ristorante italiano dove vorrebbe bombarsi la capocameriera (alla fine non se l’è bombata nessuno, please parliamone u_u). A una certa i due iniziano a sognare di vivere la vita nel corpo dell’altro, intere giornate; così spesso che si abituano, si scrivono note e consigli su cosa è successo, bisticciano, si danno consigli. Quindi prima parte tutta sul tema dello scambio di corpi, come mille altri prima, con linea comica dettata da Taki che ogni volta che si sveglia nel corpo di Mitsuha non riesce a fare a meno di toccarsi le tette per i primi 20 minuti, anche quando ha promesso a lei che fatto non lo avrebbe. Tutto ad un tratto il legame si spezza. — per evitare lo spoiler IMHO puoi fermarti qui e vedere il film — Taki parte con due amici per cercare il villaggio di Mitsuha, ma a caso, ha solo un disegno e i suoi ricordi. Scopre che quello è Itomori, ma che il villaggio non esiste più, distrutto dalla caduta di una cometa spezzata tre anni prima. Ed è a quel punto che ciao, le linee temporali a puttane bellamente se ne vanno e nulla ha più senso, nondimeno tantissimo piangi quando in testa ti fa clic il meccanismo per cui lei è stata morta sempre, insieme a tutti gli altri a cui affezionato ti eri. O forse. Taki riaccende somehow la connessione, e finalmente si incontrano, sul bordo di un tramonto trasparente. Prima di sparire all’altra l’uno, si scrivono i nomi sulle mani (c’ho i pugni nelle dita!), ma lui scrive a lei “ti amo” (il romanticismo sucks, sempre), lei non fa in tempo. Scordano tutto. Anni dopo (sette, sono sette, dillo!), la cometa è caduta lo stesso ma grazie al piano di Taki ha fatto meno strage di prima. Taki e Mitsuha vivono a Tokio con la sensazione di aver perso qualcosa (your name). Finalmente, in un finale reiterato e straziante dove pensi che se questi non si ritrovano appicchi fuoco alla sedia del cinema, sul far di una scalinata si incrociano e riconoscono, insieme ai loro fottuti nomi.
Inseguito ho questo film per almeno mesi, morte alla distribuzione dei giappi che dura solo tre giorni per mungere i biglietti. Laddove il commerciale incontra la meraviglia, non so voi ma ho pianto come un vitello. Attenzione, un vitello di Kobe eh. Per le stelle cadenti che sono belle sempre ma a metà del guado diventano la morte per lei, per i treni che si incrociano e allontanano e il destino e le porte che scorrono a fare da cesura a tante delle scene. Lungo un binario che è sempre doppio, lei e lui, il ri-conoscimento (e innamoramento) dell’altro, la dicotomia villaggio/città, e modernità/tradizione e insomma, mancavano solo Mai dire banzaiii e i feticisti delle mutandine delle studentesse su internet e i ristofuzion sushi allyoucaneat e poi ci sarebbe stato tutto il jap che conosciamo. Ok, Kurosawa, Miyazaki e Ozu. No dai, Ozu nel villaggio c’era, e c’eravamo noi e una ca**o di cometa scissa in due che giùgiù arrivava bellissima.

Leggi tutto

Carino / 27 Gennaio 2017 in your name.

Non al livello di altri film, ma carino.
Trama abbastanza interessante soprattutto dalla seconda metà in poi, personaggi simpatici. Grafica non male per i paesaggi.
Da vedere come film leggero.

Paradossi e tenerezza / 8 Dicembre 2016 in your name.

Pur rimanendo nel solco narrativo dei suoi precedenti lavori, di film in film Shinkai dimostra di progredire esponenzialmente dal punto di vista estetico: raggiungendo livelli di dettaglio ambientale davvero impressionanti per definizione e abbondanza, con il trascorrere del tempo egli ha migliorato notevolmente anche il character design, giungendo infine ad un buon equilibrio tra forma e sostanza.

Con il temporalmente complesso Kimi no na wa, però, il regista nipponico fa un leggero passo indietro rispetto al suo ultimo lungometraggio, Il giardino delle parole (che, qui, dà il nome al ristorante italiano in cui lavora il giovane protagonista!), poiché torna a sublimare il solito interessante tema della distanza, ricorrendo nuovamente ai suoi amati paradossi temporali (vedi, per esempio, La voce delle stelle, 5 centimetri al secondo), un cliché narrativo che rischia di diventare elemento esclusivo della sua produzione.
Al di là di questo, il film in oggetto è una tenera storia d’amore, divertente e avvincente, ricca di colpi di scena, che, a proposito di sentimenti, parla anche di affezione per le tradizioni, dell’unità della famiglia, dell’importanza degli amici, della dicotomia tra folklore e modernità nella cultura giapponese.

Da più parti, visto anche il puntuale successo di pubblico riscosso in patria dai suoi lavori, Shinkai viene ritenuto concretamente un possibile erede di Miyazaki Hayao: personalmente, preferisco non fare paragoni tra i due, perché, al di là dell’altissima qualità estetica dei rispettivi lavori, credo che i loro film abbiano origini diverse, nascano -insomma- da esigenze creative differenti.
Vista l’attenzione per il contesto rurale dimostrato in questo film, però, ho come l’impressione che Shinkai abbia attinto coscientemente dalla filmografia di Miyazaki: in particolare, ritengo che gli “omaggi” più espliciti siano rappresentati dal potere magico del nome desunto da La città incantata e dalla rappresentazione fisica e caratteriale delle due sorelle, una sorta di versione cresciuta di Satsuki e Mei di Totoro.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.