Recensione su Il ventre dell' architetto

/ 19877.436 voti

23 gennaio 2013

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Greenaway rulez, pur se ormai mi attendo dai suoi film degli orgasmi intellettual-visionari incomprensibili. Uno dei più semplici, da questo punto di vista, tutto concentrato com’è nella vivisezione di una Roma poco più che disabitata e delle sue architetture. Detto da uno che non c’è mai stato, non so come uno straniero potrebbe figurarsi Roma dopo aver visto il film. Roma vuota di persone vive e popolata di statue. Colonnati. Epoche artistiche a cavallo l’una dell’altra. Smbra non esistano stanze normali, a Roma si vive solo in ambienti barocchi e/o dagli alti soffitti affrescati. Persino la sauna.
L’architetto Kracklite (belin che nome figo) va in Italia con la moglie per curare una mostra (tra l’altro il tipo, il quale, ehi, è vero, ricorda non dico tanto ma abbastanza Orson Welles, c’era anche in Cocoon e, soprattutto, in Rambo, me lo ricordo benissimo).
Omo de panza omo de costanza, farà in tempo a prendersi un carcinoma (auguri), farsi fottere la moglie subito dopo averla messa incinta, farsi fottere la mostra che stava organizzando, suicidarsi dal Vittoriano etc. Ossessionato dalle pance, passa i giorni a scrivere lettere a architetti morti e fotografare busti e ventri di statue. E farne fotocopie su fotocopie. Incrociando personaggi strippati quanto lui; un tipo che gira la città con uno scalpello per staccare i nasi a tutti i busti che incontra, e via dicendo.
Ventri di pietra di statue di pietra, con vita eterna. Ventre della moglie con seme di vita futura. E lui la disprezza e trascura. Ventre suo con cancro cromato di serie. Roma ombelico del mondo. E temo si potrebbe continuare. Perché sostanzialmente Greenaway è matto.
Ottima figura ci fanno gli italiani, che quando non vengono corrotti corrompono in prima persona (o comunque ti fottono la moglie). Ottima figura ci fa Kracklite, sbronzo in una vasca con una bottglia di Sambuca Molinari. Onore!

Lascia un commento

jfb_p_buttontext