1998

Pi greco - Il teorema del delirio

/ 19987.4251 voti
Pi greco - Il teorema del delirio
Pi greco - Il teorema del delirio

Max Cohen, matematico geniale ed eccentrico, è convinto che la natura parli all'uomo attraverso il linguaggio della matematica: nella certezza che ogni cosa esistente possa essere rappresentata attraverso i numeri e che fra questi numeri emergano degli schemi ricorrenti, si concentra sull'elaborarne uno che possa prevedere l'andamento delle quotazioni in Borsa; i suoi studi però attirano l'attenzione di qualcuno molto interessato ai possibili risultati, e Max inizia a non sentirsi più al sicuro...
laschizzacervelli ha scritto questa trama

Titolo Originale: Pi
Attori principali: Sean GulletteMark MargolisBen ShenkmanSamia ShoaibPamela HartAjay Naidu, Joanne Gordon, Stephen Pearlman, Kristyn Mae-Anne Lao, Lauren Fox, Clint Mansell, Espher Lao Nieves, Stanley B. Herman, Oren Sarch, Abraham Aronofsky
Regia: Darren Aronofsky
Sceneggiatura/Autore: Darren Aronofsky, Sean Gullette, Eric Watson
Colonna sonora: Clint Mansell
Fotografia: Matthew Libatique
Produttore: Eric Watson
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Thriller, Fantascienza
Durata: 84 minuti

…. / 24 Aprile 2016 in Pi greco - Il teorema del delirio

Non ci ho capito una mazza

26 Gennaio 2014 in Pi greco - Il teorema del delirio

E’ forse un monito questo film? Un invito a non peccare di hýbris, a godere della bellezza della natura (le foglie mosse dal vento) senza per forza cercare di ricondurla ad uno schema logico-matematico, verità così profonda e potente da poterci condurre alla follia?
Non mi era molto chiaro dove volesse andare a parare l’autore, non volevo credere si trattasse di una semplice rappresentazione del delirio. Poi il finale mi ha chiarito tutto. O almeno, questa è stata la mia personalissima interpretazione (non ho letto le vostre recensioni, ma sono curiosa di sapere quale messaggio sia arrivato ad altri!). Parlo da mente razionale e sognatrice allo stesso tempo, che ama conciliare le due cose, o almeno, ci prova.

Leggi tutto

6 Febbraio 2013 in Pi greco - Il teorema del delirio

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Un film che avrei dovuto vedere tempo fa, supercinema superindipendente superamericano, l’esordio di Aronofsky, quello del recente The Wrestler, per intenderci. Perché non l’ho visto prima?
Bianco e nero forzatamente sgranato e un personaggio matematicamente fulminatissimo, sorta di scienziato matto ma non cattivo, che insegue numeri e sequenze in ogni dove con lo scopo di trovare lo schema che gli permetta di prevedere gli andamenti della borsa (‘sti americani se non pensano ai soldi non son contenti). Ebreo, per cui viene perseguitato anche da un gruppo di ortodossi tutti torah e cabbala e bar mitzvah che sostengono che quello stesso numero, di 216 cifre, per cui lui sta impazzendo sia anche il nome di Dio. La vicina gliela darebbe anche ma lui NO! è troppo impegnato a giocare coi numeretti.
Una delle critiche lette è che dal punto di vista della scienza matematica vera non sta in piedi ma pe’ nniente.
Ciò che c’è di buono è, invece e appunto, il non capirci nulla e lasciarsi portar via, fino a infilarsi il trapano nella cabeza. Anche quello, è vero, è finzione, è sogno, è una brutta canzone di Ligabue con palco e realtà, che è?
La soundtrack invece è straseriamente elettrico-elettronica, i rimandi evidenti sono a Lynch e in particolare a Eraserhead. Beh, credo, ma non saprei dire come no.

Leggi tutto

6 Ottobre 2012 in Pi greco - Il teorema del delirio

Sorprendente sin dai titoli di testa.
Mi è piaciuto il lavoro svolto dalla regia per questo film:le musiche (infinitamente apprezzato lo “zampino” di Mansell), i simboli, gli effetti e le inquadrature.
I momenti segnati dalle allucinazioni -o comunque dallo stato di malattia di Max- sembrano essere i più limpidi dell’intero film.
In quei brevi momenti riusciamo a comprendere ciò che realmente potrebbe accadere.
La scoperta di un Dio e dell’esistenza stessa (il bianco oltre la porta) ed i tentativi di disfarsi di quello schema che avrebbe, invece, dovuto chiarire non solo l’andamento della borsa ma,apparentemente, tutto il funzionamento della vita -anche spirituale.
La simbologia è facilmente captabile all’interno del film, come è appunto la presenza incessante di spirali.
Non è altrettanto facile la comprensione.
Un 8 è meritato per l’intera struttura del film.

Leggi tutto

28 Marzo 2012 in Pi greco - Il teorema del delirio

Ho scoperto questo film tramite una locandina trovata su internet e leggendo una parte della trama mi sono incuriosito ma non nego che alla fine non ho fatto una grande scoperta. Numeri che danno il significato di tutto, addirittura del Dio che dovrebbe governarci. Si entra nel paranoico e nel folle fino a non rendersi conto più della realtà.

Sembra che manchi qualche cosa…
Forse la cosa più importante: un senso logico…
Peccato…

Leggi tutto