2013

Pacific Rim

/ 20136.7333 voti
Pacific Rim
Pacific Rim

La Terra è attaccata da giganteschi alieni, noti come Kaiji, provenienti da un portale interdimensionale negli abissi dell'Oceano e per combatterli gli esseri umani sviluppano una tecnologia di interconnessione mentale che permetta loro di pilotare enormi robot chiamati Jaeger e contrastare la guerra imminente contro queste creature. Ultima speranza dell'umanità sono un ex-pilota Jaeger poco incline alle regole di condotta e una giovane allieva desiderosa di vendetta.
thomasanderson ha scritto questa trama

Titolo Originale: Pacific Rim
Attori principali: Idris ElbaCharlie HunnamRinko KikuchiClifton Collins Jr.Max MartiniRobert Kazinsky, Ron Perlman, Charlie Day, Burn Gorman, Robert Maillet, Heather Doerksen, Larry Joe Campbell, Brad William Henke, Diego Klattenhoff, Santiago Segura, Jane Watson, Jung-Yul Kim, Joshua Peace, Mana Ashida, Joe Pingue, Milton Barnes, Brian Frank, Ellen McLain, David Fox, Jake Goodman, Robin Thomas, Julian Barnes, David Richmond-Peck, Sebastian Pigott, Victoria Marie, J.C. Kenny, Robert Morse, Mike Chute, Duncan McLeod, Louis Paquette, Matthew G. Taylor, Frank Nakashima, Terry Belleville, Farzad Sadrian, Mishu Vellani, Clive Walton, Peter Kosaka, Yiren Stark, Mark Luu, Charles Luu, Lance Luu
Regia: Guillermo del Toro
Sceneggiatura/Autore: Travis Beacham, Guillermo del Toro
Colonna sonora: Ramin Djawadi
Fotografia: Guillermo Navarro, Checco Varese, Richard Brooks Burton
Costumi: Kate Hawley, Renee Fontana
Produttore: Guillermo del Toro, Jon Jashni, Mary Parent, Thomas Tull, Callum Greene
Produzione: Usa, Canada
Genere: Azione, Fantascienza, Supereroi
Durata: 131 minuti

per amatori esigenti / 14 Marzo 2019 in Pacific Rim

Guillermo Del Toro, Mecha giganti in stile Anime, mostroni interspazioni alla Godzilla… un film che nonostante la sceneggiatura piatta ed i dialoghi pressochè nulli si deve lodare a prescindere. Peccato il sequel sembra abbia seguito un percorso diverso.

io amo Evangelion / 1 Ottobre 2018 in Pacific Rim

E del Toro con questo film voleva davvero che qualcuno ci vedesse autorialità?
Va bene l’ispirazione ma copiare così palesemente Evangelion mi sembra un po’ troppo.
E’ un film senza mordente paragonabile alla miriadi di lungometraggi sulla fine del mondo, alieni mostri. Nessuno mi ridarà i soldi e il tempo perso nel vedere ciò. Eppure ci avevo sperato, da ex bambino appassionato di robottoni,avevo adorato il labirinto del fauno ma invece niente.
Citando Fantozzi “questo film è una cagata pazzesca”

Leggi tutto

Buona la prima… / 26 Luglio 2018 in Pacific Rim

La terra invasa da strani alieni che vogliono conquistare il pianeta.
La trama è scontata ma non nego che lo sviluppo e la spettacolarità degli effetti è molto valida.
Piacevole e per nulla noioso.
Ho solo paura di una cosa: ne sono usciti degli altri…
Ad maiora!

Solito e diverso blockbuster / 29 Ottobre 2016 in Pacific Rim

Arrivo un po’ tardi a parlare dell’ultima opera cinematografica di Guillermo del Toro. Che dire. Lo spettacolo è stato di un livello assoluto per le quasi due ore di durata del film, e non è nemmeno azzardato arrivare ad affermare che con “Pacific Rim” si sia raggiunto il massimo fino ad oggi nella perfezione degli effetti digitali e di computer grafica: ci sono enormi robottoni alti come palazzi e dinosauri simil-godzilla che si danno battaglia a suon di ca**otti, coltellate, sciabolate e bombe, ma sembra tutto vero, percettibilmente autentico. È una realizzazione estetica impeccabile. E sotto questo punto di vista il blockbuster “Pacific Rim”, perché di questo si tratta, funziona. Forse basterebbe. Un tempo, qualche decennio fa, probabilmente la dimensione ludica e visiva sarebbe bastata, e a poco importava la storia, che aveva comunque i suoi punti di interesse dentro la sua seppur naturale e convenzionale, ma necessaria, struttura evolutiva della narrazione. Oggi no. La storia ci interessa (almeno mi interessa), e anche tanto. Ma senza pretendere da questa chissà quali riflessi metafisici o riscontri filosofici; non importa se metta in moto o meno il cervello, può anche lasciarlo spento, mi so accontentare anche solo di una bella dose di adrenalina e divertimento. Però basta con la solita minestra, con la solita, sempre uguale, storiella, quella appunto che già si vedeva decenni fa, ed è rimasta tale uguale fino ad oggi, per questo genere di film. Cervello spento sì, ma pretendo originalità, qualcosa di accattivante: voglio sobbalzare dalla poltrona non solo per un effetto incredibile, per uno scontro mozzafiato, per una battaglia epica, ma anche per un’attesa narrativa che viene completamente ribaltata, per un po’ di suspense, per una sorpresa improvvisa. Senza inventare chissà cosa: ma solo una semplice sceneggiatura un tantino più costruita, lavorata, che sicuramente non intaccherebbe la natura del prodotto, ma che, anzi, lo renderebbe un qualcosa di ancora più eccezionale.
Questo è. Strano che un regista come Guillermo del Toro, dallo stile particolare e più propriamente autoriale accettasse la sfida o l’impegno di realizzare un blockbuster di questa portata. Risulta meno strano se pensiamo alla materia trattata: robot giganti, i Jaeger, che combattono i mostri alieni che vogliono invadere la terra, i Kaiju. Mostri e creature fantastiche che sono una vera e propria passione del regista messicano. La prova quindi era accattivante: e la visione di conseguenza da non perdere, se parliamo, come in questo caso, di un regista comunque affermato e apprezzato anche dalla critica (e dal sottoscritto). Il risultato che ne esce l’ho già ampiamente riassunto poche righe sopra. Tuttavia “Pacific Rim” è un blockbuster che seppur con il solito plot banale e scontato alla base (buoni contro cattivi, alieni che invadono la terra e simili a Godzilla con un tocco dei dinosauri di Jurrasic Park, l’eroe che salva il mondo, l’esercito che si mobilita, esercito nel quale ci sono sempre i solito scienziati mezzi pazzi che fanno la loro parte importante e alla fine indispensabile per il completamente della missione, bomba nucleare, qualche sacrificio che ci sta sempre bene, e vissero felici e contenti) sa anche di diverso, di nuovo: un diverso che piace, e che deriva sicuramente dalla mano sapiente del suo regista. Del Toro è autorevole nel rappresentare gli scontri con un crescendo di spettacolarità e di intensità unico, ma soprattutto è la sua sempre misteriosa, quanto intrigante, e profonda fantasia che riesce a dipingere in modo del tutto originale il suo immaginario di mostri e robot, sullo sfondo di un’ambientazione quasi sempre notturna, fatta di colori e luci improvvise. Ma è nella storia della protagonista femminile, pilota e copilota del Jaiger, anch’esso protagonista della salvezza del pianeta, che riconosciamo il vero del Toro: la sua attenzione, misurata in inquadrature allo stesso tempo intimiste e sofisticate, curate e spiazzanti, al mondo dei bambini, e il loro confrontarsi con entità fantastiche, fiabesche, che siano cattive o buone. È in quel flashback che troviamo lo “scontro” per eccellenza del film.
“Pacific Rim” è sicuramente un film da vedere. Al cinema. Perché ci riconcilia con il cinema puro, delle origini, di Melies; quel cinema che realizza sogni, nello specifico di tutti coloro che sono cresciuti guardando in tv “Goldrake” e “Mazinga”. È un cinema che va perfezionato. Ma è un cinema di cui sentiamo, comunque sia, un necessario e sempre crescente bisogno.

Leggi tutto

15 Giugno 2015 in Pacific Rim

Non ho mai amato i robot, ne’ Del Toro, ma questo film mi ha fatto rivalutare tantissimo entrambi xD tralasciando alcune lacune nella storia, il tema Lovecraftiano dei mostri che arrivano dal fondo degli oceani non può non appassionare chi apprezza il genere. Tutto il film si è rivelato piacevole, senza mai arenarsi o diventare noioso, merito anche dei personaggi, tutti molto piacevoli e ben interpretati (per quanto un filino stereotipati).
Ma nonostante queste piccole pecche il film rimane molto bello, mi ha coinvolta tantissimo.

Leggi tutto