Recensione su Non essere cattivo

/ 20157.7199 voti

Io ci provo a non essere cattivo… / 28 dicembre 2015 in Non essere cattivo

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

“Non essere cattivo” è la scritta sulla maglietta di un orsacchiotto regalato ad una bimba in fin di vita. Il gesto più dolce nell’esistenza scombussolata e autodistruttiva di Cesare, un ragazzo che ha preso solo calci in c**o dal destino.
Pochi legami veri, uno di questi è con l’amico fraterno Vittorio, suo compagno di spaccio, risse e sbronze.
Vittorio vuole uscirne e cercherà di salvare l’anima persa del socio.
Adeguarsi alla società, lavorare, metter su famiglia. Il sogno di tanti. Il desiderio della gente normale.
Ma Caligari ci mostra, con una forza devastante, come questa vita non sia fatta per tutti. E’ che semplicemente c’è chi non è tagliato per la serenità. Forse quando vieni al mondo, proprio nel momento esatto in cui atterri piangendo tra le braccia di un medico, qualcosa decide che non sarai mai felice. E non ne esci più.
Ti sforzi. Ci provi a “non essere cattivo”, ma come si fa? Hai perso troppo. E ciò che ti circonda è un labirinto di mer*a senza vie di fuga.
Un film che fa male come un pugno di ferro avvolto in carta vetrata e, forse proprio per questo, ti fa sentire bene.
Almeno per un po’.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext