La nona porta

/ 19996.1374 voti
La nona porta

Dean Corso è un esperto in libri e manoscritti antichi, che si procura con mezzi spesso poco ortodossi per poi rivenderli a ricchi collezionisti; uno di questi, Boris Balkan, gli commissiona un'indagine su un preziosissimo testo esoterico del Seicento, acquistato da un uomo suicidatosi poco dopo aver venduto il libro: Balkan vuole assicurarsi che la copia in suo possesso non sia un falso, e per averne la certezza Corso deve confrontarlo con le altre uniche due copie esistenti, che si trovano in Europa. A quanto pare però anche qualcun'altro ambisce a possedere quel libro, qualcuno davvero senza scrupoli, e Corso si troverà suo malgrado coinvolto in una situazione molto pericolosa. Tratto dal romanzo Il club Dumas di Arturo Pérez-Reverte.
laschizzacervelli ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Ninth Gate
Attori principali: Johnny DeppFrank LangellaLena OlinEmmanuelle SeignerBarbara JeffordJack Taylor, José López Rodero, James Russo, Willy Holt, Allen Garfield, Tony Amoni, Jacques Dacqmine, Joe Sheridan, Rebecca Pauly, Catherine Benguigui, Maria Ducceschi, Jacques Collard, Dominique Pozzetto, Emanuel Booz, Lino Ribeiro de Sousa, Asil Raïs, Bernard Richier, Marinette Richier
Regia: Roman Polanski
Sceneggiatura/Autore: Roman Polanski, John Brownjohn, Enrique Urbizu
Colonna sonora: Wojciech Kilar
Fotografia: Darius Khondji
Costumi: Anthony Powell, Germinal Rangel
Produttore: Roman Polanski, Michel Cheyko, Wolfgang Glattes
Produzione: Spagna, Francia, Portogallo
Genere: Thriller, Horror
Durata: 133 minuti

Quando lo danno in TV , alla fine me lo guardo sempre / 3 Aprile 2017 in La nona porta

Non lo definirei un filmaccio da far passare alla storia , ma in fin dei conti trovo sempre avvincente la perfetta miscela di esoterismo e caccia al tesoro che domina film.
In più la Seigner è PERFETTA per la parte che recita , forse anche più di Johnny Depp , che già di per sè è nella sua comfort zone di protagonista bello e dannato , tra qualche sigaretta e un bicchiere di superalcolico.

Leggi tutto

MANCINO / 31 Gennaio 2017 in La nona porta

“In difesa del diavolo, va detto che abbiamo sentito una sola campana. Dio ha scritto tutti i libri.” (cit.)

il potenziale è quello del capolavoro ma il risultato è quello dell’occasione mancata. La storia è interessantissima, il cast è di ottimo livello, colonna sonora raffinatissima e la regia…che te lo dico a fare. Ma allora cosa c’è che non va? In realtà nulla, il film è godibile ma purtroppo ci sono numerose bucce di banana disseminate qua e là.

Per un oretta buona si viaggia su ottimi livelli. L’indagine si dipana tra misteri ed enigmi, i personaggi si rivelano a poco a poco, simbolismo ovunque e il male prende forma.
Il film perde colpi dalla scena di lotta sul canale in Francia, quando l’elemento “magico” entra in scena. Sarà l’effetto un po’ posticcio, sarà la piega che comporta questa rivelazione ma tutto il film perde un punto sul tabellone. Da qui in avanti avremo il terrore di assistere ad altri scivoloni inattesi.

Credo che Polanski abbia fatto il film che si era messo in testa di voler fare…esattamente come lo voleva fare. Di classe ma bruttarello, bruttarello ma sofisticato, sofisticato ma accessibile, accessibile ma per pochi.

Voto: 6,5

Leggi tutto

28 Febbraio 2015 in La nona porta

Da Polanski mi aspetto decisamente di piu’. Le premesse iniziali erano davvero splendide, un thriller in mezzo ai libri, invece tutto si e’ ridotto a una mezza delusione, come se ci fosse qualcosa che manca o che poteva essere fatto meglio.
Un film insipido e poco incisivo, un film che, come scritto sopra, parte molto bene, ma che poi si perde del tutto, soprattutto a causa di una trama noiosissima e una regia debole(a vedere questo film e’ come se il talento di Polanski non fosse mai esistito), un film che alla fine mi ha messo una tristezza infinita, ancor piu’ se penso al Polanski dei bei tempi andati(“L’inquilino del terzo piano”, “Rosemary’s baby”).
Ho visto molti film di questo regista e posso dire con certezza che si tratta uno dei suoi peggiori…ed e’ un vero peccato date le premesse iniziali…
Il finale poi e’ alquanto poco originale e verosimile…
Adesso sono curiosa di leggermi il romanzo di Arturo Perez – re verte, “Il club Dumas”.

Leggi tutto

Troppo noioso per parlare di satana / 25 Giugno 2014 in La nona porta

Non ho capito benissimo il perchè, più il mistero si andava a sbrigliare, più diventava se possibile noioso e inconcludente. Il finale pecoreccio Style è stato orrendo. Non so bene come poter definire questo film, un fallimento, un piattume, un non lo so. Di fatto mi aspettavo da Polanski qualcosa di più visto il tema. Bocciatissimo. Depp era a tratti irritante.

Leggi tutto

Pessimo / 6 Luglio 2013 in La nona porta

non ho altre parole