Recensione su Il corpo di Jennifer

/ 20094.3284 voti

19 dicembre 2012

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Un film brutto abbastanza da aver visto, in effetti.
Dunque c’è Megan Fox che è la gnocca troia della scuola (scontato slurp), e ha la solita amica loser. Anzi, l’intera storia è raccontata in flash back dalla loser. Insomma che quando vanno a un concerto e scoppia un incendio Megan viene portata via dalla band, che la crede una vergine, per fare un sacrificio a Satana. Per diventare famosi, perché hanno trovato le istruzioni su internet. Il problema è che Megan, figurati, gnocca com’è, non ha più nessun buco vergine da quel dì, anzi, deve avere una bernarda tipo il traforo del Frejus (scusate, mi andava di dirla U_U); per cui si trasforma in una specie di morto vivente, con superpoteri vari e che ha bisogno di mangiarsi una persona ogni tot per stare bene. Iniziano i delitti, Megan seduce e arrapa le vittime poi se le mangia, e l’unica ad aver capito tutto e che la combatterà fino a sconfiggerla è proprio la sua amica sfigata. Alcune cose buffe, divertenti, originali e boh, ci sono pure, si sfotte il perbenismo americano ecc. Il problema non è tanto la singola battuta arguta quanto il fatto che letteralmente non c’è la storia sotto a reggere la baracca, e non si capisce come quella furbastra di Diablo Cody, l’ex spogliarellista e blabla a cui si deve la splendida sceneggiatura di Juno, non sia riuscita a scriver qualcosa di meglio. Le ultime parole pronunciate da Megan sono “La… mia… tetta…”, dopo esser stata colpita a morte. E per il resto appunto, è un teenager horror venuto male, ci sono gli emo, le musichette gggiovani, cose così. Onore solo a Chip, il fidanzato della loser, perché tiene un MONOCICLO accanto al letto.
E poi non ho capito a che serviva il fatto che ci fosse un prof con un braccio monco. Francamente speravo che lei gli facesse un pompino e se lo mangiasse. Ma forse vedo troppi porno.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext