1987

Gli Intoccabili

/ 19877.9468 voti
Gli Intoccabili
Gli Intoccabili

Chicago, 1930: in pieno Proibizionismo la città è in balia delle bande criminali che si contendono il traffico clandestino degli alcoolici, sulle quali regna indisturbata quella capeggiata dallo spietato gangster Al Capone; la situazione sembra irrecuperabile ma l'arrivo in città del giovane e determinato Eliot Ness, agente federale al servizio del Dipartimento del Tesoro, darà una svolta inaspettata agli eventi. Vincitore dell'Oscar per il Miglior attore non protagonista assegnato a Sean Connery nel 1988.
laschizzacervelli ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Untouchables
Attori principali: Kevin Costner, Sean Connery, Charles Martin Smith, Andy García, Robert De Niro, Richard Bradford, Jack Kehoe, Brad Sullivan, Billy Drago, Patricia Clarkson, Vito D'Ambrosio, Steven Goldstein, Peter Aylward, Don Harvey, Robert Swan, John J. Walsh, Del Close, Colleen Bade, Greg Noonan, Sean Grennan, Larry Viverito Sr., Kevin Michael Doyle, Mike Bacarella, Michael P. Byrne, Kaitlin Montgomery, Aditra Kohl, Charles Keller Watson, Larry Brandenburg, Chelcie Ross, Tim Gamble
Regia: Brian De Palma
Sceneggiatura/Autore: David Mamet
Colonna sonora: Ennio Morricone
Fotografia: Stephen H. Burum
Costumi: Marilyn Vance, Winnie D. Brown
Produttore: Art Linson
Produzione: Usa
Genere: Azione, Drammatico, Poliziesco, Storia
Durata: 119 minuti

De Palma, Connery, De Niro, Morricone… les jeux sont faits / 3 Ottobre 2016 in Gli Intoccabili

Un film memorabile per ritmo, sceneggiatura, fotografia.
Un cast di primo piano (a Kevin Costner basta solo trovare il ruolo giusto), assecondato splendidamente dal gotha dei doppiatori italiani.
Una colonna sonora forse non tra le migliori composte dal Maestro Morricone, ma di certo calzante.
Cosa manca a questo film per renderlo un film da 10?
Forse... continua a leggere » una certa originalità stilistica.
De Palma cita Ėjzenštejn (scena della carrozzina sulla scalinata, ovviamente) e non credo sia bello quando una pellicola viene ricordata, da un punto di vista registico, soprattutto per la citazione di un film altrui.
In ogni caso è un film che si guarda e riguarda sempre volentieri.

15 Giugno 2015 in Gli Intoccabili

Capolavoro assoluto.Storia bellissima, dietro c'è un cast pazzesco, un regista di calibro e un altrettanto Morricone che ci mette la sua firma. Un film che resterà nella storia.

Non lo avevo ancora visto / 16 Gennaio 2013 in Gli Intoccabili

un bellissimo film di Brian De Palma, un cast eccezionale fatto di stelle del cinema: Kevin Costner ( recente vincitore di un golden globes come attore in una miniserie) Sean Connery ( che grazie a questo film ha vinto l’oscar come attore non protagonista nel 1988) Robert De Niro, Andy Garcia e il lavoro di Ennio Morricone per la colonna sonora di sicuro... continua a leggere » lo elevano al di sopra di moltissimi film. Benché io non ami Kevin Costner ( affatto anzi) e benché Ennio Morricone ( che io rispetto e ammiro sia chiaro) non mi piaccia tantissimo ( per un fatto di sonorità sia chiaro nulla da dire sui suoi immensi capolavori) trovo che il film giri tutto per il verso giusto e che la frase finale di Capone: sei solo chiacchere e distintivo sia fenomenale. Diciamo che ogni frase che esce dalla bocca di De Niro diventa un cult ( Ma dici a me? Ma dici a me?) la storia oltretutto si regge in piedi molto bene, ha il fascino degli anni 30 con gli uomini in giacca e cravatta e cappello e il proibizionismo che nel cinema fa tanto bene. Insomma la pellicola mi è incredibilmente piaciuta tanto, tra tutti i film che ho visto ho sempre snobbato questo proprio per Kevin Costner ( errore mio) e indubbiamente può essere d’ispirazione verso un amante del cinema che riconosce il tocco di De Palma e qualche citazione a certi film d’autore ( la sparatoria nella stazione con la carrozzina del bambino che cade dalle scale: Corazzata Potemkin docet) il film diventa un film davvero godibile e di effetto a cui assolutamente asssegno un 8/10 e non solo stra- consiglio ma invito a comprare il dvd per rimpinzare una collezione eventuale di film cult.

8 Febbraio 2012 in Gli Intoccabili

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Chicago, anni trenta: durante il periodo del Proibizionismo, la città è governata dal boss mafioso Al Capone, il cui commercio si basa principalmente sul contrabbando di alcool. L'agente del Tesoro Eliot Ness decide di combattere Capone organizzando una crociata contro il suo impero economico. Le prime indagini di Ness, che organizza una serie di... continua a leggere » irruzioni nei magazzini ove è nascosta la merce di contrabbando, portano alla scoperta di alcuni casi di corruzione all'interno del Dipartimento di Polizia.
A questo punto Ness decide di mettere a punto una squadra di collaboratori fidati e addestrati in modo speciale per combattere il crimine: sono James Malone, anziano poliziotto alle soglie della pensione, George Stone, italoamericano particolarmente abile con le armi Oscar Wallace, un contabile che viene assegnato a Ness da Washington e che tenta di dimostrare la disonestà di Capone studiando gli aspetti fiscali e tributari legati all'attività criminale del boss.
Insieme, i quattro inizieranno la loro lotta al crimine, che li porterà a scoprire molte più cose di quante immaginassero, e che inevitabilmente metterà a rischio anche le loro vite…

Basato sull’autobiografia di Elliott Ness, l’agente federale che riuscì a far arrestare e condannare Al Capone, è uno dei più bei film degli anni ’80, un vero gioiellino per stile, recitazione, regia e anche look(tutti gli abiti sono firmati Armani!).
Quindi molto più di un semplice gangster movie, genere in cui è stato fatto rientrare per via delle sue caratteristiche principali. Un film bellissimo, intenso, emozionante e accattivante, girato con ritmo incalzante e coinvolgente, soprattutto nelle scene degli inseguimenti (tra tutti, l’inseguimento nelle praterie del Montana) e delle sparatorie (straordinaria la scena della sparatoria alla stazione, con un chiaro rimando a LA CORAZZATA POTEMKIN).
Presenti anche il pathos, in particolare nelle scene dove si tratta delle vittime della guerra al crimine(all’inizio, anche una bambina), e la parte “serena” della storia, nelle scene dove si vede Elliott Ness felice con la propria famigliola. Insomma non manca nulla, ma credo che qualsiasi descrizione sia riduttiva…se non l’avete visto, dovete vederlo! E vedrete un “signor film”, ve lo garantisco.
Per quanto riguarda gli attori, ho trovato tutti molto efficaci, da Kevin Costner (attore che non mi è mai particolarmente piaciuto, tranne in questo e pochi altri film) ne ruolo del protagonista, a Sena Connery nel ruolo del poliziotto anziano James Malone, ruolo per il quale l’attore vinse il suo unico Oscar come miglior attore non protagonista, al giovane Andy Garcia in quello che è forse l’unico ruolo incisivo della sua scialba carriera (altro attore che non amo molto…si era capito?!).
Ma la stella del film è Rober de Niro nel ruolo di Al Capone, un ruolo praticamente perfetto, sbruffone, a tratti quasi simpatico se non fosse per la violenza di cui è intriso: sua tra l’altro quella che è entrata di diritto tra le battute più famose della storia del cinema, quando rivolto a Ness gli grida “sei tutto chiacchiere e distintivo!”.
Come detto il film vinse l’Oscar come miglior attore protagonista, ma ricette altre tre nomination: Ennio Morricone per la colonna sonora, migliori costumi e miglior scenografia.
Possiamo ben dire comunque che l’Italia ha dato grande contributo per questo film: colonna sonora, abiti, attori e purtroppo anche protagonisti….
negli anni ’60 dallo stesso libro era stata tratta una famosa serie Tv dallo stesso titolo; in più, da anni è in programma il prequel del film, diretto dallo stesso De Palma, che finora non ah potuto realizzarlo per problemi personali prima e burocratici poi.Sembra che le cose però si siano sbloccate, tanto che esiste già il cast: Gerard Butler nel ruolo di James Malone da giovane, e Nicholas Cage(orrore e dannazione!!!!!) nel ruolo di Al Capone giovane. Il film narrerebbe la storia dell’ascesa di Al Capone nel mondo del crimine.
Staremo a vedere….