La rabbia giovane

/ 19737.695 voti
La rabbia giovane

Ispirato a una storia vera .Film d'esordio del regista Terence Malick. Un'adolescente che vive soltanto con il padre-padrone s'innamora di un ragazzo ribelle. Lo seguira in un vortice di omicidi e di fughe on the road.
luca.curtaz ha scritto questa trama

Titolo Originale: Badlands
Attori principali: Martin SheenSissy SpacekRamon BieriWarren OatesAlan VintCharles Fitzpatrick, Gary Littlejohn, John Carter, Bryan Montgomery, Terrence Malick, Charlie Sheen, Emilio Estevez, John Womack Jr., Gail Threlkeld
Regia: Terrence Malick
Sceneggiatura/Autore: Terrence Malick
Colonna sonora: George Aliceson Tipton
Fotografia: Tak Fujimoto, Brian Probyn, Stevan Larner
Costumi: Rosanna Norton
Produttore: Edward R. Pressman, Terrence Malick, Louis A. Stroller, Jill Jakes
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Thriller, Azione
Durata: 94 minuti

L’arbitrarietà del male / 20 Marzo 2016 in La rabbia giovane

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Memorabile primo lungometraggio di uno dei registi stilisticamente più discussi di Hollywood, ma considerato uno dei grandi nomi del cinema contemporaneo.
Ispirato ad un vero fatto di cronaca, la storia ricorda anche quella di Bonnie & Clyde, quest’ultima narrata pochi anni prima nel film che, insieme a Il laureato, aveva aperto la stagione della Nuova Hollywood, all’interno della quale un film come Badlands non può che calarsi perfettamente, pur discostandosene per altri versi.
Nella storia dei due ragazzi fuggitivi, freddamente coinvolti in un sentimento che tutto ricorda fuorché la passione (e richiamando in ciò il finale de Il laureato), non emerge con nettezza un disagio sociale. Il male sembra fine a se stesso e privo di giustificazione, o comunque avente una mera funzione utilitaristica e una connotazione fatalista.
Il protagonista (un buon Martin Sheen) si atteggia a novello James Dean (come ricorda anche lo sceriffo nel finale) ed il suo modo di agire è totalmente arbitrario e per certi versi assurdo. Tanto più che Malick insiste nella sua caratterizzazione di bravo ragazzo, educato e gentile, fino all’epilogo, che viene reso in tal modo paradossale e surreale.
I meravigliosi paesaggi che ispirano il titolo originale fanno da sfondo ma sono anche i protagonisti di una storia che parla, in fin dei conti, dell’isolamento dell’uomo.
Il tentativo di tornare nella natura che compiranno i due poco dopo l’omicidio del padre di lei, finirà presto, ancorché per cause esterne.
Interessantissima la colonna sonora, che alterna brani di Orff (tra cui il tema ricorrente della Musica Poetica) a pezzi anni Cinquanta come il Love is strange di Mickey and Sylvia.
Malick già utilizza alcuni espedienti che caratterizzeranno il suo modo di fare cinema, in primis la narrazione fuori campo lasciata alla voce di Holly, un personaggio che nasconde la freddezza con cui accoglie i crimini del suo ragazzo dietro il non del tutto convincente alibi della giovane età. È nella mancata (o per meglio dire tardiva) reazione di Holly alla lucida follia di Kit uno degli elementi più controversi che il furbo regista getta nel calderone emozionale di uno spettatore che non può che risultarne turbato.

Leggi tutto

7,5 / 4 Novembre 2013 in La rabbia giovane

Paradossale. Una narrazione che non mi sarei mai aspettato avendo visto l’opera di Malick a ritroso, come se l’appellativo “giovane” potesse simboleggiare un precoce modo di sceneggiare e girare. Meno autoriale dei film più recenti, “La rabbia giovane” si pone alla stregua del grottesco. Per poco meno dell’intera durata del film la narrazione in voce fuori campo è in mano alla co-protagonista, di indole ingenua e di giovanissima età. La crudeltà delle azioni intraprese è totalmente oscurata da un noncurante modo di proporle, come a raccontare una storia lontana, di non molto interesse. Quasi come se la gioventù giustificasse l’omicidio, il protagonista fa incetta di cadaveri, ma l’errore è esperienza, soprattutto quando si è giovani, e allora cosa può essere mai un delitto. Disarmante narrazione in toni pacati, sottende una profonda analisi volta all’eccesso (o forse no?) dei migliori anni della nostra vita, disarticolando il meccanismo filmico. Nell’ultima parte la voce fuori campo passa il testimone al protagonista, educato e in cerca di fama, attento alla creazione del suo personaggio, ma ingenuamente, quasi dovesse venire naturale. Grandi colpi di genio in questo film meno intimo e più hollywoodiano per Malick, che ha dalla sua una già consapevole regia, un talento per l’intuizione spaziale e una solidissima sceneggiatura.
Colonna e montaggio sonoro che sono una lezione di interazione tra video e audio, da studiare.

Leggi tutto

19 Agosto 2013 in La rabbia giovane

Le due cose che ho apprezzato maggiormente del film sono gli stupendi paesaggi e la narrazione fatta da holly (oltre al resto della sceneggiatura), due elementi che contribuiscono a dare al film un dolce e sublime sapore di poesia..

13 Gennaio 2013 in La rabbia giovane

Geniale esordio di Terrence Malick. Totalmente artistico, nell’estetica e nello script, con ottime interpretazioni, primo passo nella poetica dell’uomo secondo Malick. Lascia senza parole.