8 Recensioni su

Alien: Covenant

/ 20176.4134 voti

Alien: Covenant / 19 Ottobre 2018 in Alien: Covenant

Leggo una valanga di commenti negativi e offensivi verso questo film, e sinceramente non ne capisco il motivo. Io l’ho trovato un ottimo prodotto fantascientifico che intrattiene dal primo all’ultimo minuto. Effetti speciali molto buoni e il contesto generale del film è pauroso al punto giusto, cosa che succede molto di rado ultimamente in pellicole di questo genere. Si poteva fare di meglio invece nella scelta del cast: nessun nome di grido ad eccezione di Fassbender.

Leggi tutto

Tollerabile solo per un’ora / 5 Settembre 2017 in Alien: Covenant

Il film è tollerabile fino allo scadere della prima ora: non originalissimo ma non privo di una certa suspense, e con le azioni sul pianeta misterioso che risultano abbastanza dinamiche. Ma all’apparizione di un certo sopravvissuto del film precedente (Prometheus) tutto deraglia: la trama diviene prevedibilissima, con una «sorpresa» finale talmente ovvia da far pensare per un attimo allo spettatore che il regista lo stia inducendo volutamente in errore; Michael Fassbender gigioneggia atrocemente, tra lezioni di flauto dolce e filosofia da scienziato pazzo; il tutto è dominato da una sensazione opprimente di dejà-vu, visto che ci viene somministrarto un centone dei film precedenti della serie, con situazioni ricalcate pedissequamente. Sarebbe ora di staccare la spina a questa serie oramai comatosa, ma temo che dovremo sorbircene chissà quante altre puntate.

Leggi tutto

Non male, 6.5 / 22 Agosto 2017 in Alien: Covenant

Il film in sé è bello: mantiene il fascino della saga di Alien ma con quegli ingredienti in più che ha il cinema di genere dei giorni nostri.
E’ stato criticato ma tutto sommato anche se un pò ripetitivo il film scorre, con qualche prevedibile scena e dejà vù.
Più che capire da dove nasce l’Alien, mi pare che si ripeta la storia della vecchia saga con qualche aggiunta.
Carino, niente di nuovo. Più action rispetto a Prometheus.
6.5.

Leggi tutto

Il troppo , stroppia / 25 Maggio 2017 in Alien: Covenant

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Il film è divisibile in 3 parti
1 parte: praticamente la prima ora è un dejavu della prima parte di Prometheus…mega astronave , l’androide si sveglia , sveglia gli umani, si va su sto cavolo di pianeta , si atterra , si esplora il pianeta… metà film , va in questo. Il tutto, abbastanza noioso , oltre che ripetitivo.
2 parte : Alien vs Blade Runner … un mischiume di filosofia tra androidi , con tutti i clichè del caso… uomo vs androide… chi ha creato chi… chi è superiore e perchè…dialoghi mistici… il tutto che non c’entra una beata fava con Alien. Ridley, te la sei presa che non ti hanno fatto fare il remake? chissà.

3 parte : ed eccoci finalmente… che dopo 1 film e 3/4 , vediamo per la prima volta lo Xenomorfo fatto e finito che ci ricordavamo!!! c’è voluto un pò…ma ce l’abbiamo fatta. Gli ultimi 20-30 minuti sono effettivamente godibili e ricalcano i caratteri che avevano caratterizzato l’Alien che tutti ricordiamo…angustia,corridoi,spazi stretti.
Poi sopratutto lo Xenomorfo è tornato “LUI”…Nero come la pece,grosso, cattivo, con la dobbia bocca…non quei vermiciattoli / coniglietti/esserini schifosi che per un film e 3/4 ci siamo dovuti sorbettare.

X finire , in mezzo a tutti questi difetti , la cosa buffa è che in 2h di film non hanno nemmeno spiegato chiaramente il rapporto tra gli Ingenieri e gli umani , che era il chiaro cliffhanger con cui finiva Prometheus.

Non so, mi sembra che si siano volute mettere insieme, tante, troppissime cose…nemmeno troppo importanti per chi vuole vedere un ALIEN. Tralasciando invece quelle importanti che avevano fatto grande questo film.

Leggi tutto

Il voto sarebbe un 6.5 / 15 Maggio 2017 in Alien: Covenant

Carino questo altro prequel di Alien che si colloca dopo Prometheus; meno filosofeggiante a parte la scena introduttiva con Weyland (Guy Pearce) e David (Michael Fassbender), e più horror e azione.
L’astronave Covenant è in viaggio verso il pianeta Origae-6 con un carico di coloni in ipersonno ed embrioni; i membri dell’equipaggio vengono bruscamente svegliati dall’androide Walter (sempre Michael Fassbender) dopo uno scontro dell’astronave con una tempesta di neutrini che ha danneggiato pesantemente la nave e causato anche alcuni morti.
Un trasmissione radio sconosciuta (vi suona familiare?) li attira verso un pianeta sconosciuto che ha i parametri vitali simili alla Terra.
Da qui in avanti non dico più nulla sulla trama per non svelare troppo ma l’equipaggio dell’astronave avrà diversi incontri ravvicinati con gli esseri xenomorfi. Alcune scene in sala hanno suscitato più risate che orrore: in effetti alcune ricalcano i clichè degli horror oppure sono un pò “strane” come la donna che mentre sta per sparare a un Alien scivola sul sangue del suo compagno dilaniato precedentemente; l’ambientazione con gli spazi aperti è interessante ma suscita meno suspense rispetto agli spazi chiusi dell’astronave. Il personaggio di Daniels (Katherine Waterston vista in “Animali fantastici e dove trovarli”), tormentata dalla morte del marito ma tosta e determinata, ricalca quello di Ellen Ripley senza raggiungerne la grandezza. Michael Fassbender è un pò inquietante nelle due versioni di androide: Walter e il ritrovato David (che era il personaggio di Prometheus).
C’è anche un cameo di James Franco (oltre che in immagini di Noomi Rapace).
Sono previsti altri film della serie.

Leggi tutto

Solo un divertente monster movie / 14 Maggio 2017 in Alien: Covenant

Più semplice seguire i fan che farsi seguire recita il vecchio adagio di abramsiana memoria, comoda scappatoia a cui Scott ormai fa fede e tra filosofia per principianti in mezzo ad un intrattenimento grossolano nella frenesia di far tornare i conti, ciò che ne deriva, più che a Alien, assomiglia a Tremors.

Bel film, bravo Scott / 12 Maggio 2017 in Alien: Covenant

Sequel di Prometheus, con il quale Ridley Scott continua la serie prequel del suo Alien, Covenant risulta essere un titolo molto bello, con diversi spunti interessanti. Nel 2104 la nave Covenant, diretta verso un lungo viaggio per colonizzare un lontano pianeta, viene colpita da un’esplosione nello spazio e l’equipaggio viene svegliato. C’è già un problema, con la morte del capo. Ad assistere l’equipaggio, il sintetico Walter (Michael Fassbender, qui come sempre fenomenale e doppiamente impegnato). Durante le riparazioni viene captata una frequenza stranamente familiare da un pianeta non troppo lontano e l’equipaggio decide di andare a controllare. L’idea si rivelerà essere disastrosa, perché su quel pianeta troveranno il sintetico David, scampato al disastro Prometheus e i nostri amici xenomorfi. E non solo. Diverse rivelazioni e sorprese ci attendono, ovviamente anche scene violente e horror. Dopo alcuni film un po’ fiacchi -ad eccezione del bellissimo The Martian- Ridley Scott sembra essersi ripreso alla grande, e, pur non proponendo chissà cosa per quanto riguarda il franchise di Alien, porta comunque un titolo solido con, come detto diversi spunti di riflessione e personaggi molto interessanti. Come detto Fassbender ruba, come suo solito, la scena, ma anche il resto del cast fa un’ottima figura: abbiamo Katherine Waterstone, Billy Crudrup, Danny McBride e Demian Bichir nei ruoli principali. Un film che consiglio sia ai fan di Alien, che agli amanti dei bei film sci-fi/horror.

Leggi tutto

Come una serie TV / 12 Maggio 2017 in Alien: Covenant

Allora, questo film si colloca prima del primissimo ALIEN e subito dopo il recentissimo PROMETHEUS. Di quest’ultimo ricordo solo che non mi fece impazzire proprio perché lo ritenevo una brutta copia del migliore ALIEN.
Ma a questo punto visto che in pratica fa parte della famiglia dovrò rivedermi meglio anche PROMETHEUS e cercare di capire un po’ meglio il tutto. Sta diventato una vera saga ma tornando al film uscito proprio ieri devo dire che è molto interessante e piacevole. Con colpi di scena e un finale che (anche se per me scontato e ovvio) bello proprio per fare in modo che ci sia la continuità tra i vari episodi.
Nessun attore sugli scudi ma tutti molto bravi.
Bello…
Consigliato.
Ad maiora!

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.