L'uomo nell'alto castello

/ 20157.459 voti
serie tvL'uomo nell'alto castello

Dal romanzo 'La svastica sul sole' di Philip K. Dick. In un universo storico alternativo, la Germania nazista e le altre potenze dell'Asse hanno vinto la Seconda Guerra Mondiale e, ora, dominano gran parte del mondo. Gli Stati Uniti sono scomparsi e i loro territori sono stati divisi tra Germania e Giappone.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Man in the High Castle
STAGIONI/EPISODI: 4 Stagioni , 40 episodi, conclusa
Durata episodi: 60 min.
Attori principali: Alexa DavalosAlexa DavalosJoel de la FuenteJoel de la FuenteJason O'MaraJason O'MaraBrennan BrownBrennan BrownChelah HorsdalChelah HorsdalFrances Turner, Rufus Sewell
Creata da: Ridley ScottRidley Scott
Produttore: Frank Spotnitz, Ridley Scott, David W. Zucker
Produzione: Usa, Gran Bretagna, Canada
Genere: Drama, Fantasy, Thriller
Network: Amazon

Dove vedere in streaming L'uomo nell'alto castello

Un thriller, diverso dal romanzo di Dick / 15 Settembre 2019 in L'uomo nell'alto castello

Ho visto solo le prime tre puntate e mi sono fermato lì.
Non perché non la trovi un’ottima serie: è costruita molto bene, sia per sceneggiatura che per regia.
Semplicemente non era quello che mi aspettavo. Questa serie ha infatti un’atmosfera ben diversa dal romanzo di Dick a cui è ispirata. E’, sostanzialmente, un thriller, ambientato in una cupa ucronia, dove la Germania nazista e il Giappone hanno vinto la seconda guerra mondiale.
Il mondo angosciante dove vivono i personaggi, è davvero ben rappresentato. La tensione è altissima in tutte le puntate che ho visto, quindi suppongo lo sia anche per il resto della serie.
Se si vuole vedere una serie thriller e drammatica, penso possa essere una buona scelta.

Leggi tutto

nuovo ed originale, ottimo / 2 Settembre 2019 in L'uomo nell'alto castello

mi è piaciuto molto, devo iniziare la terza stagione ma posso con certezza affermare che nel panorama delle nuove serie TV è un bella ventata di aria fresca positiva.

Il corso diverso della Storia / 8 Febbraio 2018 in L'uomo nell'alto castello

Una delle migliori serie in circolazione, è l’adattamento del romanzo ucronico controfattuale scritto da Philip K. Dick nel 1962, uscito in Italia col titolo La svastica sul sole, in anni di piena Guerra Fredda e psicosi per la guerra atomica.
Il mondo, compresi gli Stati Uniti, è stato diviso in aree di influenza tra tedeschi e giapponesi, usciti vittoriosi dal Secondo conflitto mondiale, con delle zone neutrali intermedie. L’Italia, detto per inciso, non ha nessun ruolo di rilievo politico negli equilibri del mondo, nonostante l’adesione alle potenze dell’Asse, nemmeno in questa realtà rovesciata. Siamo nel 1962 e anche qui le due superpotenze “alternative” sono vicine a un conflitto atomico.

L’idea del romanzo di Dick è ripresa fedelmente ma con sviluppi articolati ed originali. Il medium ispiratore della Resistenza in nordamerica, un romanzo nel romanzo di Dick, diventa una serie di filmati nella serie tv, con un evidente parallelismo tra contenitore e contenuto. In linea con la visione della realtà a più livelli alternativi ma reciprocamente influenzabili, tipica dello scrittore statunitense, l’interazione non è qui solo tra realtà fattuale e controfattuale, come nel libro, ma anche tra piani temporali differenti.

I personaggi principali vivono un percorso caratterizzato dalla perdita dell’innocenza, sfumando via via i loro contorni inizialmente univoci e definiti. Mi permetto di rilevare, pena la blasfemia, che uno di questi, l’alto ufficiale del Reich a New York, interpretato da Rufus Sewell, mi è sembrato così riccamente delineato e sfaccettato, contraddittorio, rappresentativo della mediazione tra obblighi della ragion di Stato e libero arbitrio, che non se ne vedevano di simili dai tempi di Walter White di Breaking Bad.

Una serie ben scritta, malgrado qualche banalità nel collegamento tra i piani temporali, e in continuo crescendo, con una seconda stagione, a mio parere, migliore della prima. E’ prevista una terza stagione ma con un nuovo showrunner, in sostituzione del precedente Frank Spotnitz.

Leggi tutto