2005

Elizabeth I

/ 20056.45 voti
Elizabeth I
serie tvElizabeth I

Elizabeth I è una delle figure più complesse della storia moderna. Emblema di una monarchia illuminata, guida secolare e coerente di una nazione travagliata da intestine lotte di religione, Elisabetta fu prima di tutto un esempio costante di dedizione e sacrificio personale per tutti i suoi sudditi (antepose sempre la ragione di stato ad ogni suo pur legittimo desiderio di donna), ma fu anche, cosa ancor più importante, faro di un’idea di tolleranza e di libertà di pensiero che, con la sua luce, illuminò, nel bene come nel male, l’Europa tutta. Raccontare in un film la storia di un personaggio di tale statura implica inevitabilmente due conseguenze di non poco conto. La prima è di carrattere strettamente narrativo: narrare, infatti, gli aspetti più reconditi della sua vita privata equivale, volenti o nolenti, ad affrontare decenni interi della storia della nazione che la regina ebbe l’onere di governare. Forse per nessun’altra figura storica la confusione tra pubblico e privato, infatti, è, come nel caso della Regina Vergine, così fatale. L’intera vita di Elisabetta si svolse letteralmente sotto i riflettori di un pubblico che l’idolatrava, costringendola, con questo, a vivere in una vera e propria prigione di cristallo. Anche le storie d’amore più turbolente, anche i non pochi abbandoni a momenti di lancinante romanticismo con uomini più giovani, dovevano passare al vaglio dell’approvazione o della riprovazione del Consiglio. E tutto ciò che poteva contraddire l’immagine pubblica di una sovrana incorruttibile e infinitamente saggia veniva bellamente taciuto e tenuto fuori dalla portata di occhi ed orecchie dell’intera sudditanza. Il regno di Elizabeth fu, insomma, un fulgido esempio di scaltre operazioni di immagine, l’inizio di un processo di “mediatizzazione” del potere che non può lasciare indifferenti mezzi di comunicazione di massa come il cinema o la televisione. La seconda conseguenza che incontra chiunque si accosti alla figura della sovrana più amata della storia inglese è, invece, di carattere più propriamente stilistico. Raccontare la storia della sovrana comporta, infatti, il doversi costantemente confrontare col rischio dell’agiografia pura e semplice. In questa trappola è caduto bellamente, tanto per fare un esempio a noi vicino, Shekar Kapur che alla regina del rinascimento inglese ha dedicato i primi due film di una progettata trilogia il secondo dei quali è stato presentato, non senza qualche sbadiglio, alla seconda edizione della Festa del cinema di Roma. E ci dispiace che un regista indiano che avrebbe potuto avere qualcosa in più da dire sulla regina che diede il via al colonialismo nelle terre d’oriente, ricada su un ritratto così pompieristico e così poco contrastato della regina e della donna (tiene a galla i risultati soprattutto la superba prova d’attrice di Cate Blanchett che presta corpo e soprattutto voce ad Elizabeth). Non cade in questa trappola invece la miniserie in quattro ore prodotta dalla BBC con Helen Mirren (inutile direlo: sublime) nel ruolo principale. E non ci cade perché il regista che l’ha realizzata incredibilmente, nonostante le non poche tentazioni di melodramma o più pulita tragedia che la storia pura e semplice non può non portarsi dietro, riesce, per tutto il tempo, a rimanere fedele ad un’idea di televisione che mantiene intatta la sua anima didattica. È un film storico, questo Elizabeth I, fatto da chi la storia la vuole insegnare per davvero. Un film che cerca una limpidezza quasi rosselliniana senza dimenticare che la regina, oltre che grande condottiera di nazioni, fu anche patrona delle arti e del teatro. Un film dall’anima quasi shakespeariana, quindi, in cui la dimensione corale (la storia del paese) si fonde con la dimensione personale (le debolezze della donna, ma anche la sua ferrea tempra di sovrana) in maniera davvero esemplare. Ma anche, e la cosa non è certo una sorpresa per un prodotto inglese sia pure televisivo, una palestra per attori perfetti.

Attori principali: Helen Mirren, Jeremy Irons, Barbara Flynn, Ben Pullen, Diana Kent, Douglas Reith, Eddie Redmayne, Erick Deshors, Ewen Bremner, Hugh Dancy, Ian McDiarmid, Jamie Glover, Jérémie Covillault, Malcolm Terris, Martin Savage, Patrick Malahide, Rimantas Bagdzevičius, Simon Woods, Toby Jones, Will Keen
Genere: Drama, Mini-Series
Network: Channel 4

Non ci sono recensioni

inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Stagione 1

1x1 - Prima parte

Focuses on the relationship between Elizabeth I and the Earl of Leicester, her admirer and trusted advisor. They agree they cannot marry because of strategy and politics, but Leicester remains on intimate terms with her and her advisor. He feels threatened by the Queen's interest in the Duke of Anjou as a suitor and does what he can to disrupt the courtship. The Queen also has to deal with threats posed by Mary Queen of Scots, culminating in the latter's execution after involvement in plots against Elizabeth, as well as war with Spain. There is victory over the Armada and Spanish threat, but Elizabeth's joy at this is overshadowed by the death of Leicester.

AUTORE: Nigel Williams
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2005-09-29

1x2 - Seconda parte

Deals with the final part of Elizabeth's reign and her relationship with the young and ambitious Earl of Essex. Her obvious affection for him causes concern to Walsingham, Cecil and Burghley, and as Essex becomes increasingly demanding, disobedient and ambitious, Elizabeth ultimately has to deal with him as a potential threat to her throne and position.

AUTORE: Nigel Williams
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2005-10-06