2016

Veloce come il vento

/ 20167.3220 voti
Veloce come il vento
Veloce come il vento

Giulia, adolescente appassionata di motori e pilota nel campionato GT sotto la guida del padre Mario, è costretta a far fronte ad una miriade di grossi problemi sopravvenuti proprio dopo la morte del genitore. A complicare ancora di più le cose, concorre il ritorno a casa di suo fratello Loris, ex-pilota tossicodipendente.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Veloce come il vento
Attori principali: Stefano AccorsiMatilda De AngelisPaolo GraziosiLorenzo GioielliRoberta MatteiCristina Spina, Giulio Pugnaghi, Rinat Khismatouline, Tatiana Luter, Alexia Murray, Lorenzo Patané, Giulio Pugnaghi
Regia: Matteo Rovere
Sceneggiatura/Autore: Filippo Gravino, Francesca Manieri, Matteo Rovere
Colonna sonora: Andrea Farri
Fotografia: Michele D'Attanasio
Costumi: Maria Cristina La Parola
Produttore: Domenico Procacci, Elia Mazzoni
Produzione: Italia
Genere: Drammatico, Sport
Durata: 119 minuti

Il voto sarebbe un 6.5 / 29 Gennaio 2018 in Veloce come il vento

Discreto film italiano.
Giulia De Martino (la bella sorpresa Matilde De Angelis) è una promettente diciasettenne pilota del campionato italiano GT; durante una gara del campionato, il padre ha un malore e muore. Al funerale si presenta Loris (Stefano Accorsi), il fratello tossico che non vedeva da 10 anni e per non separarsi dal fratellino più piccolo, Giulia è costretta ad accettarlo in casa (insieme alla sua ragazza, tossica come lui). Loris era stato un buon pilota di rally e sarà utile per dare consigli di guida a Giulia, però al tempo stesso continua a drogarsi ed alcuni comportamenti sopra le righe nuoceranno a Giulia.
Tolto l’inizio (abbastanza patetica la sceneggiata di Loris al funerale del padre) e il finale (qualche interrogativo di troppo lasciato aperto), in mezzo il film ha un buon svolgimento dove non si assiste alla solita conversione lineare di Loris, ma è più un percorso fatto di alti (pochi) e bassi (molti) con finale non troppo scontato. Bravissima l’esordiente Matilde De Angelis, anche se dopo metà film l’attenzione si sposta quasi più su Loris che sul suo personaggio (Giulia).

Leggi tutto

Iper sopravvalutato / 29 Agosto 2017 in Veloce come il vento

Si vabbè , mi aspettavo chissàcosa io…dopo le belle recensioni di…praticamente chiunque e anche dalla critica.
Invece mi son ritrovato un milkshake di Cars (il cartone) , Fast and Furious 1 e 2 in salsa italiota.
Trama non esattamente imprevedibile , giusto per usare un eufemismo…praticamente dopo 15 min , si capisce come finisce…
Ma il problema non è quello, semmai la recitazione : io Accorsi non lo sopporto e quindi – ammetto – sono di parte. Ma mi è sembrato MOLTO peggio del solito , con frasi e gestualità che forzano moltissimo il suo personaggio. Idem gli altri protagonisti, salvo solo la tossica compagna di Accorsi/Loris , che è l’unica che ha recitato proprio bene.
Belle le riprese in pista , quasi da dimenticare tutto il resto…anche se c’è molto di peggio in giro , per carità.

Leggi tutto

“VAI BALLERINOOOOO!!!!” / 17 Agosto 2017 in Veloce come il vento

Un Stefano Accorsi perfetto, fantastico, incredibile.
Una storia molto emozionante e adrenalinica.
Azione e sentimenti.
Perché perdersi questo film.
Motivo non ne trovo.
Anche qui il tempo non ti permette di scherzare.
O ti muovi, o agisci o sei semplicemente un sopravvissuto.
Preferisco vivere.
Ad maiora!

Finalmente Accorsi / 2 Giugno 2017 in Veloce come il vento

Accorsi nella sua più bella e riuscita prova d’attore.
Un film concepito per farti sentire l’odore dei motori, per alzare l’adrenalina e come nei migliori film americani, tifare
per il riscatto del “predente”.
Regia ottima che sostiene una storia azzeccata
e appassionante. Fotografia eccezionale.

7,5 / 19 Aprile 2016 in Veloce come il vento

Finalmente anche noi italiani tra i vari “Zalone” e “Troppo Napoletani” di turno
iniziamo a sfornare film di prima fascia (quantomeno nell’ultimo decennio).