2017

Tutto quello che vuoi

/ 20177.271 voti
Tutto quello che vuoi
Tutto quello che vuoi

Trastevere. Alessandro, ventiduenne inquieto, accetta malvolentieri di fare compagnia a un anziano ed elegante vicino di casa, l'ultraottantenne Giorgio, poeta ormai dimenticato con qualche problema di memoria. Durante i pomeriggi trascorsi insieme ad Alessandro, la memoria di Giorgio sembra migliorare e dalle sue brume emergono quelli che sembrano essere indizi per una curiosa caccia al tesoro.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Tutto quello che vuoi
Attori principali: Giuliano MontaldoAndrea CarpenzanoArturo BruniVittorio Emanuele PropizioRiccardo VitielloDonatella Finocchiaro, Antonio Gerardi, Raffaella Lebboroni, Andrea Lehotska, Carolina Pavone, Aurora Quattrocchi, Eleonora Danco, Alessio D'Amico
Regia: Francesco Bruni
Sceneggiatura/Autore: Francesco Bruni
Colonna sonora: Carlo Virzì
Fotografia: Arnaldo Catinari
Produttore: Beppe Caschetto
Produzione: Italia
Genere: Drammatico, Commedia
Durata: 106 minuti

Gradevole ed empatico / 9 Gennaio 2019 in Tutto quello che vuoi

Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni è film estremamente gradevole e ben realizzato sulla crescita e sul valore della memoria (che, in questo senso, vagamente, per via del contesto storico e dell’anzianità del co-protagonista, mi ha ricordato la sottotrama de La finestra di fronte di Ozpetek) e molto ben interpretato, in cui spiccano i due attori protagonisti, il giovane Andrea Carpenzano (molto bravo anche ne La terra dell’abbastanza dei gemelli D’Innocenzo) e del grande vecchio Giuliano Montaldo, dotato -a 87 anni- di una presenza scenica impeccabile e premiato per questa interpretazione ai David 2018.

Nonostante l’apparente “normalità” della trama e la prevedibilità di alcuni passaggi narrativi, compresa la declinazione in racconto di formazione, il film di Bruni si distingue per il carattere leggero ma prodondamente empatico, legato, a mio parere, a un buon lavoro di scrittura che ha definito con precisione caratteri del contesto e dei personaggi (bello anche quello di Laura, la vicina di casa, interpretata da Raffaella Lebboroni).

Da vedere.

Leggi tutto

Sorprendente / 15 Febbraio 2018 in Tutto quello che vuoi

Solo la gente ignorante considera il cinema italiano “finito”. Perchè in realtà è più vivo che mai. Questo film (come tanti altri, negli ultimi anni) ne è la conferma. Il film viaggia sulla linea semi-comico/drammatico. Accoppiata vincente. Personaggi e attori eccellenti. Fa riflettere, e tanto. Sostanzialmente è la storia di un giovane, Alessandro, “un pò allo sbando”, a cui viene quasi imposto di fare una sorta di assistenza (più una sorta di compagnia) ad un vicino di casa, ottantenne, un signore distino, un vecchio poeta con problemi di memoria, Giorgio. Passando i pomeriggi insieme, Alessandro scopre degli indizi che porterebbero ad un tesoro, sepolto da Giorgio in qualche parte durante la guerra….

Leggi tutto

La chiameremo RRRoma / 4 Agosto 2017 in Tutto quello che vuoi

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Ah e ò, come ahò. Roma, quartierino, quattro ragazzi sfaccendati sui 20, molto flaneurs. Stanno al bar, fischiano alle gnocche, fanno a botte. Alessandro viene costretto dal padre a far compagnia a un signore con l’Alzheimer. Costui si chiama Giorgio G (come quello della Gialappa’s O_O ma pecché?), e fu poeta benemerito, ha in soggiorno le foto con Pertini e così via. Si conoscono e ricordi dalla affiorano nebbia. Di quando era piccolo e gli americani l’avevano portato oltre la linea gotica. Insomma parte un viaggio, con Alessandro e la sua ghenga di amici (la punto al dito: questa è una cit. dagli Aristogatti), alla ricerca di qualcosa, sotto una croce, in un lago. Già dalla locandina di questo film si pensa “mbofsì, è la solita roba col vecchio rincitrullito e il giovane scavezzacollo, che impareranno a migliorarsi l’uno con l’altro”. E invece… sì! Però al contempo riesce ad evitare una serie non finita di trappole retoriche e melensaggini, sia nella sceneggiatura che nella costruzione e svolgimento dei personaggi. Per cui a tanto si accenna ma poi sta fuori campo (il bacio). Alessandro ha una storia con la milf di Riccardo, e gli altri amici fanno scassare, particolarmente quello ciccio, ma io sono un fan, ci deve sempre essere un amico ciccio in ogni cumpa. Never più without #amicociccio. Dapprincipio tutto parte così pessimo quartieri poveri e anvedi che zinne che dici “gawrsh”, e ti senti Pippo, e ti domandi quando arriverà Bonolis o spaco botilia. Invece poi nessuno finisce come sarebbe finito se questa fosse stata una serie tv di canale 5 – ma che è, un complimento? Ma che davèro? Giorgio, e l’attore, sono enormi. Perché è sperduto senza smettere di essere un signore e distinto poeta, e parla aulico a quell’altro che non capisce un ca**o, e finirà che non ci stava con la testa ma avrà chiuso tutti i cerchi. Giuliano Montaldo (Giorgio) è un regista e attore che ha lavorato con chiunque, semidimenticato come il poeta che impersona – no ma vattela a vedere una filmografia se hai coraggio, c’è Klaus Kinski, Achtung! Banditi, Pontecorvo e Cassavettes. Cazzo, sembra una canzone dei Baustelle. Per cui i temi finiscono (anche) per essere la memoria (trasmissione della) e l’incontro, e alla fine i quattro ragazzotti, che all’inizio erano ripieni di niente, se ne vanno dal funerale cantando la canzone degli uomini liberi. Ma ci arrivano pezzo per pezzo, attraverso versi di dolore incisi sul muro e ricerche in biblioteca, dove finalmente A. conosce la zecca, ehm, la tipa comunista e totalmente fuori moda che balla il twist e gli fa passare la voglia di milf – questo era per romantica una pennellata dare. Per cui chiuderà tutti i conti, si fa pestare da chi aveva pestato, abbracciapadre che per reazione avevodiato. Passato e consapevolezza fanno sentire liberi, e prima di baciarla bisogna chiedere “posso?”

Leggi tutto

Da vedere / 14 Maggio 2017 in Tutto quello che vuoi

Una piacevole sorpresa, pensavo ad un film leggero e ho trovato un film profondo anche se ha molte scene ironiche. Assolutamente da vedere.