Tirate sul pianista

/ 19607.148 voti
Tirate sul pianista

Parigi. Chico, braccato da due malviventi, chiede aiuto al fratello Charlie Kohler, il pianista di una strampalata band che si esibisce in un piccolo locale di periferia non proprio elegante. I due si ignorano da tempo e Charlie sembra non gradire la visita del fratello che, riesce rocambolescamente a fuggire dal locale e dagli inseguitori. Il pianista, che passa per un timido, s'innamora di Lena, la cameriera. Nel frattempo sono svelati alcuni eventi della vita passata di Charlie.
jossi ha scritto questa trama

Titolo Originale: Tirez sur le pianiste
Attori principali: Charles AznavourCharles AznavourMarie DuboisMarie DuboisNicole BergerNicole BergerMichèle MercierMichèle MercierSerge DavriSerge DavriClaude Mansard, Richard Kanayan, Albert Rémy, Jean-Jacques Aslanian, Daniel Boulanger, Claude Heymann, Alex Joffé, Boby Lapointe, Catherine Lutz, Laure Paillette, Alice Sapritch, Mostra tutti

Regia: François TruffautFrançois Truffaut
Colonna sonora: Georges Delerue
Fotografia: Raoul Coutard
Produttore: Pierre Braunberger
Produzione: Francia
Genere: Thriller, Poliziesco
Durata: 85 minuti

Dove vedere in streaming Tirate sul pianista

La sequenza fotografica / 28 Febbraio 2021 in Tirate sul pianista

La prima recensione che scrivo la dedico alla fotografia che qui io trovo di un folgorante incredibile. Da fotografa, da designer di libri fotografici annoto per me stessa che è da studiare e voglio ricordarmi di quanto lo ho guardato rapita dalle sequenze e dalle inquadrature. Mi è sembrato di vedere a muro quello che inseguo nei libri.
Vorrei invece sapere vedere il film in lingua originale perché trovo spesso difficoltà con le voci date agli attori per i film di questi anni.

Leggi tutto

19 Marzo 2013 in Tirate sul pianista

Probabilmente, in questo caso, soffro di soggezione nei confronti di Truffaut, ma confesso che ho grosse difficoltà ad attribuire un voto a questa pellicola: la storia mi ha intrigata molto, le scelte tecniche altrettanto (tra l’altro, curiosissimi i due originali inserti-lente: il primo ritrae il titolare del bar in tre momenti cronologicamente diversi; il secondo è quello della madre di uno degli inseguitori che cade morta stecchita, quando il figlio giura il falso sulla sua vita), ma -forse complice la legnosità di Aznavour- non ho provato alcuna empatia nei confronti del protagonista e della sua vicenda.

Leggi tutto