?>Recensione | La parete di fango | capolavoro

Recensione su La parete di fango

/ 19587.212 voti

capolavoro / 6 aprile 2017 in La parete di fango

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

cara maestra.

Ieri sera ho visto The Defiant Ones di Stanley Kramer. Stanley Kramer, uno che nel’52 produsse una pellicola innocentissima come Mezzogiorno di Fuoco (sarcasmo), in un periodo in cui si lottava per la parità dei diritti ti tira fuori una bomba come The Defiant Ones.
Probabilmente affascinato da quello che gli accadeva intorno, dall’aria di cambiamento che si respirava e dagli anni che stava vivendo, dai discorsi di Martin Luther King e, perché no?, mosso dal fiuto da produttore che lo contraddistingueva, Kramer ci ha lasciato una meravigliosa storia sul rispetto dell’altro. C’è l’azione, c’è il carcere, c’è l’amicizia virile, c’è la fuga. Ma soprattuto c’è il sostegno reciproco e la comprensione. Tutto quello che serve e qualcosina di più. La storia è bellissima, i protagonisti sono due evasi interpretati da Tony Curtis (Piombo Rovente <3 ) e Sidney Poitier (primo divo black nonché ispettore Tibbs <3) e sono costretti l'uno all'altro da questa catena che non si spezza.
Il personaggio interpretato da Tony è un razzista che vorrebbe vivere la sua vita al massimo pur non capendo i suoi limiti; quello interpretato da Sidney è arrabbiato poiché il mondo lo giudica per il suo colore e non per quanto valga realmente. Ma i due sono costretti a collaborare, eh, perché sono inseguiti dallo sceriffo, dalla polizia e da un gruppo di cacciatori a cui non dispiace il sangue.
Durante la fuga, incatenati l'uno all'altro, i due imparano a rispettarsi ma il pericolo è sempre in agguato..
Signora maestra, io sono rimasto davvero colpito dalle scene d'azione e da come viene rappresentato il tempo che passa. Ma anche la sequenza in cui la mdp fa una panoramica verso l'alto e subito dopo si passa al primo piano di Curtis sdraiato sul letto non
è passata in sordina. Il ritmo è bello serrato e, se accetta un consiglio, le direi di recuperarlo.

E poi va bene, a Kramer gli voglio un mondo di bene perché non solo ci ha lasciato un film come Vincitori e vinti che è una bomba a mano, ma l'anno dopo The Defiant Ones diresse pure quella bomba atomica de L'ultima spiaggia.

1 commento

  1. paolodelventosoest / 7 aprile 2017

    Kramer mi manca quasi del tutto! Di suo ho visto solo la deliziosa commedia “Indovina chi viene a cena?”, grazie per questa segnalazione (e quelle in calce al tuo commento 😉 )

Lascia un commento

jfb_p_buttontext