Storia di un matrimonio

/ 20197.3292 voti
Storia di un matrimonio

Charlie, regista teatrale, e Nicole, sua moglie, attrice, passano attraverso un estenuante divorzio che li porta all'esasperazione personale e creativa.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Marriage Story
Attori principali: Adam DriverAdam DriverScarlett JohanssonScarlett JohanssonLaura DernLaura DernAlan AldaAlan AldaRay LiottaRay LiottaJulie Hagerty, Merritt Wever, Azhy Robertson, Wallace Shawn, Martha Kelly, Mark O'Brien, Julia Greer, Matthew Maher, Eric Berryman, Mickey Sumner, Jasmine Cephas Jones, Gideon Glick, Motell Gyn Foster, David Turner, Raymond J. Lee, Mary Wiseman, Pete Simpson, Irene Choi, Matthew Shear, Becca Blackwell, Brooke Bloom, Hannah Dunne, McKinley Belcher III, Roslyn Ruff, Santiago Mallan, Robert Smigel, Amanda Rovner, Carlos Jacott, Sarah Jones, Dean Wareham, Bashir Salahuddin, Vinny Chhibber, Ayden Mayeri, Erin Evans, Lucas Neff, Annie Hamilton, Tunde Adebimpe, Jordyn Curet, Justin Claiborne, Kyle Bornheimer, Pilar Holland, Emily Cass McDonnell, Andrew Steven Hernandez, Amir Talai, Juan Alfonso, Connie Marie Flores, Jeremy Barber, Rich Fulcher, Mary Hollis Inboden, Peter Oliver, Mostra tutti

Regia: Noah BaumbachNoah Baumbach
Sceneggiatura/Autore: Noah Baumbach
Colonna sonora: Randy Newman
Fotografia: Robbie Ryan
Costumi: Mark Bridges, Melissa Walker
Produttore: Noah Baumbach, David Heyman, Craig Shilowich
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Commedia, Romantico
Durata: 137 minuti

Dove vedere in streaming Storia di un matrimonio

Sufficienza solo per le prove attoriali / 4 Dicembre 2020 in Storia di un matrimonio

Di Adam Driver e della Johansson, altrimenti si sarebbe beccato un 5.
Pesante, noioso, troppo “generico” nel deragliamento del rapporto e nell’incattivirsi dei due anche per la faccenda dell’affidamento del bambino.
Sembra la storia di qualunque coppia americana (della società medio-alta) che divorzia.
Secondo me è un po’ sopravvalutato.

Impegnativo / 8 Marzo 2020 in Storia di un matrimonio

C’è da dire che riconosco a Baumbach una certa bravura come scrittore, le sue sceneggiature sono impeccabili, su questo c’è ben poco da discutere.
Stesso discorso per la recitazione, un Adam Driver e una Scarlett Johansson credibilissimi, viscerali oserei dire, ruolo della vita per entrambi.
Ho visto recitare bene Adam Sandler solo tre volte in vita mia, in Punch-Drunk Love, nel più recente Uncut Gems e in The Meyerowitz Stories (la scena della distruzione della macchina del vecchio è qualcosa di spassoso, non ridevo cosi tanto da una vita).
Tutto questo per dire che Baumbach ha tutte le skill per fare il botto: sceneggiature solide, regia di mestiere e incredibile direzione degli attori.

Tutta via ho fatto una fatica immane nel rimanere sveglio durante la prima metà del film, ho trovato il montaggio troppo lento, volevo spararmi in un ginocchio per uscire da quell’anestesia cerebrale e provare qualcosa, cioè i primi 40 minuti il film è proprio soporifero.

Il dramma familiare rappresentato l’ho trovato profondamente veritiero e credibile, nessun buco di trama mancante riempito alla meno peggio, non una parola fuori posto ma se devo aspettare i litigi coniugali e gli scontri in aula tra avvocati per impedire alle mie palpebre di essere attratte fortemente dalla gravità, non ci siamo proprio.
Tuttavia la mia onestà intellettuale mi impedisce di dare un voto inferiore al 7.
Magari tra dieci anni lo rivedrò, mi ci rivedrò e cambierò idea…Per ora sto bene da single.

Leggi tutto

Mah… / 10 Febbraio 2020 in Storia di un matrimonio

A livello artistico è ottimamente recitato e ben diretto.
Ma il resto è la pesantezza unica.
Questa storia è davvero triste anche se lascia aperto uno spiraglio di felicità, come un equilibro raggiunto.
Eppure non mi senti di lodare come eccellente questo film, nè tantomeno un film da candidatura all’Oscar per miglior film.
Come lavoro artistico meriterebbe un 7,5, eppure si becca il mio mediocre.
5.

Leggi tutto

Film tecnicamente perfetto ma insostenibilmente pesante. / 22 Gennaio 2020 in Storia di un matrimonio

La fine di un matrimonio vista dall’interno, lo sgretolamento di un legame che sembrava indissolubile tra due persone seguito passo dopo passo dove tutti ne escono sconfitti ma si sa, la vita va avanti e alla fine può accadere anche che tutto si aggiusti.
Un film realistico, elegante, malinconico, intenso, dall’impostazione teatrale(ossia basato quasi esclusivamente sull’egregia interpretazione attoriale) ma per me insostenibilmente lento e soporifero, una rivisitazione del film di Richard Benton del 1980 “Kramer contro Kramer” (che io reputo sopravvalutato) ma molto meno coinvolgente.
Sia Scarlett Johansson che Adam Driver offrono interpretazioni eccelse ma se fossi una giurata dell’Academy non conferirei l’Oscar né all’una né all’altro. (La Johnansson l’ho apprezzata molto di più in “Jojo Rabbit”).
Un film che definirei kafkiano, una denuncia contro quella che ormai è diventata l’industria del divorzio ma a me ha coinvolto ed emozionato pochissimo.
Comunque una visione la merita.

Leggi tutto

Storia di un matrimonio, e della sensazione di un divorzio / 17 Gennaio 2020 in Storia di un matrimonio

Certe situazioni sono difficili da esprimere attraverso una sceneggiatura, attraverso delle immagini. Certe sottigliezze, certe cose impalpabili come volontà che cambiano con gli eventi, amori sinceri, magari eterni, eppure non protraibili, non per rabbia, per torti subiti o per violenze, ma per qualcosa di meno esplicito, che ha più a che fare con il progetto di vita, con cosa è la vita per ciascuno di noi, cose di cui nemmeno conosciamo la risposta, di cui non sapremmo formulare una domanda ma di cui sentiamo una necessità incostante. Storia di un matrimonio si occupa di queste contraddizioni invisibili, che si esprimono intermittenti e nonostante i nostri propositi; si occupa di non-scelte e di punti di vista che pensano di essere paralleli e si accorgono, ad un tratto, di non esserlo. è un film che ti lascia sensazioni e non parole, riflessioni ma non teorie, perché comunica attraverso sensazioni e, alla fine, ciò che restituisce è l’esatta sensazione di un certo divorzio.

Leggi tutto