We want sex

/ 20107.4147 voti
We want sex

A causa di un abbassamento di qualifica che le definisce non specializzate, tra le 187 donne lavoratrici dello stabilimento di Dagenham (Londra) addette alla cucitura dei rivestimenti interni delle auto Ford, comincia a prendere piede la consapevolezza che è necessario farsi valere, per ottenere condizioni di lavoro migliori e, sopratutto, la parità nel trattamento economico riconosciuto ai 55.000 operai uomini. La rivolta sindacale lascerà un segno indelebile nella storia dell'industria e del giuslavorismo occidentale. Ispirato a eventi realmente accaduti (1968).
wigelinda ha scritto questa trama

Titolo Originale: Made in Dagenham
Attori principali: Sally HawkinsSally HawkinsBob HoskinsBob HoskinsMiranda RichardsonMiranda RichardsonGeraldine JamesGeraldine JamesRosamund PikeRosamund PikeAndrea Riseborough, Daniel Mays, Jaime Winstone, Kenneth Cranham, Rupert Graves, John Sessions, Roger Lloyd Pack, Richard Schiff, Lorraine Stanley, Nicola Duffett, Matthew Aubrey, Phil Cornwell, Karen Seacombe, Thomas Arnold, Sian Scott, Robbie Kay, Andrew Lincoln, Joseph Mawle, Gina Bramhill, Marcus Hutton, Joseph Kloska, Miles Jupp, Frank Baker, Philip Perry, Peter-Hugo Daly, Simon Armstrong, Matilda Cole, Romy Taylor, Angus Barnett, Birgitta Bernhard, Laurie Cannon, William Ivory, Nico Tatarowicz, Denis Gilmore, Danny Huston, Mitchell Mullen, Matt King, Noah Taylor, Victoria Watkins, Craig Randall, Mostra tutti

Regia: Nigel ColeNigel Cole
Sceneggiatura/Autore: William Ivory
Colonna sonora: David Arnold
Fotografia: John de Borman
Costumi: Louise Stjernsward
Produttore: Stephen Woolley, Christine Langan, Norman Merry, Tim Haslam, Elizabeth Karlsen, Paul White
Produzione: Gran Bretagna
Genere: Drammatico, Commedia, Storia
Durata: 113 minuti

Dove vedere in streaming We want sex

22 Dicembre 2012 in We want sex

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Questo titolo che hanno messo nella versione italiana è manifestamente troppo idiota, per cui ho lasciato la locandina originale. Sembra di andare a vedere un porno.
Invece è una commedia, come spesso accade very british, sulle donne dello stabilimento Ford di Dagenham che entrano in sciopero in seguito alla decisione dell’azienda di classificarle come operaie non specializzate per pagarle meno. Il fermo del loro lavoro finisce per bloccare anche quello degli uomini, che tentano, capoccia dei sindacati in testa, di farle desistere. Ma loro andranno fino in fondo, gli hombres si dovranno adeguare e la Ford, grazie anche all’appoggio di una balda ministra per il non ricordo cosa, se la piglierà nel culo. Oh yeah!
Nel gruppo delle donne ovviamente ci sono le brave e doverose caratterizzazioni. Così Rita diventa la leader, e protagonista, la cui famiglia solo alla fine comprende quanto è importante la sua lotta e l’appoggia, poi c’è la vecchia col marito mezzo schizzato, la ninfomane (figa), la gnocca stupida (pleonastico ma… figa pure lei), la cicciona, ecc.
Il film ha qualche difetto di sceneggiatura, che appare soprattutto nella facilità con cui tutti i nodi vengono al pettine, e qualche grossa qualità, soprattutto la visione corale d’insieme della vita di fabbrica nel corso dei ’60s, la vita nei quartieri popolari ecc.. Dal collettivo si dipanano le storie e le debolezze private delle protagoniste, che cambieranno il mondo dando il via a una serie di riforme che in tutti i paesi del primo mondo porteranno alla parità (sì, ok, solo nominale, lo so che non c’è neanche adesso -.-‘) di retribuzione del lavoro maschile e femminile.

Leggi tutto

14 Agosto 2012 in We want sex

Bellissimo! Una storia vera e toccante, raccontata con ironia e attenzione. Mi è piaciuto davvero tanto. Lo rivedrò presto.

http://www.lacasadialchemilla.com/2012/05/sono-diritti-non-privilegi.html

.. uniti si vince! / 2 Marzo 2011 in We want sex

…Quando la solidarietà tra donne è vincente, grazie anche ad uomini che sanno ascoltare e tacere quando occorre.
Film asciutto, senza “lamentele”, con donne che, al di là di una rivendicazione economica, la famosa “emancipazione”, cercano e trovano rispetto, solidarietà.
Bello il rapporto tra la protagonista, Rita e la moglie di un capo che intuisce l’importanza della ribellione e trova la forza di dire “no”.
Film esemplare rispetto agli equilibri tra uomini e donne che al di là di “Guerre di genere”iniziano a guardarsi come compagni di viaggio.

Leggi tutto

Rimpianti / 24 Febbraio 2011 in We want sex

Come realizzare, piangendo, che abbiamo perso ogni conquista sindacale.