4 Recensioni su

Il genio della truffa

/ 20036.7128 voti

bello / 6 Maggio 2020 in Il genio della truffa

Regia cast e comparto tecnico quasi perfetti. Un grande film che si lascia rivedere con piacere

L’UOMO FIAMMIFERO GENIO DELLA TRUFFA / 22 Marzo 2020 in Il genio della truffa

Roy è un truffatore che soffre di una forma lieve di agorafobia e svariati altri disturbi ossessivi compulsivi. La sua vita viene sconvolta da una scoperta spiazzante.

Il film è semplicemente divertente e comodo da seguire. Una bella sceneggiatura funzionale con diversi punti di svolta. Il titolo italiano è vagamente fuorviante in quanto si è naturalmente portati a credere che si tratti una sorta di “prova a prendermi”. Non è così. A onor del vero nemmeno il titolo originale ti fa capire bene di cosa tratti il film. “L’uomo fiammifero”? ma che è? Boh.

Cominciamo col dire che Nicolas Cage è straordinario in questo ruolo bello sfaccettato e ci regala una gran bella performance. I debiti col fisco non l’avevano ancora investito e potersi permettere il lusso di scegliere i copioni migliori pagava in termini di qualità. Considerazioni extra cinematografiche a parte, Cage è perfettamente calato in parte. Accentra l’attenzione su di sé e tiene sempre la scena senza cali.
Bravissimi e simpatici anche Rockwell e Lohman.

Alla regia un Ridley Scott inedito. Spensierato e leggero, quasi solare per certi versi. Pochi virtuosismi per il regista di South Shields che si limita a raccontarci una storia senza volerci riempire gli occhi a tutti i costi.

Gran bel film assolutamente da annoverare tra i migliori lavori anni 2000 sia di Cage che di Scott.

Voto: 7 virgola qualcosa.

Leggi tutto

Scontato / 28 Novembre 2012 in Il genio della truffa

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

A metà film si capisce già come andrà a finire!

24 Febbraio 2012 in Il genio della truffa

Discreta l’incursione di Ridley Scott nella commedia.
Nicolas Cage è molto bravo nella parte del truffatore pieno di tic e manie, ipocondriaco.
Prima parte un pò lenta ed è quasi un peccato che non ci si addentri nei dettagli delle truffe.
Ma all’entrata in scena della figlia quattordicenne interpretata magnificamente da Alison Lohmann (“White Oleander”) il film decolla fino a un bel finale (non mi addentro nei particolari).
Bravo anche Sam Rockwell visto recentemente in “Confessioni di una mente pericolosa”.

Curiosità: Durante il provino Alison Lohmann ha fatto credere a Ridley Scott di avere veramente 14 anni. Per prepararsi al suo ruolo la giovane attrice ha trascorso molto tempo con la cugina adolescente rubandole tic e comportamenti.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.