Coffee and Cigarettes

/ 20036.8168 voti
Coffee and Cigarettes

Una raccolta di undici piccoli film: in ognuno di essi personaggi unici (Steve Buscemi, Iggy Pop, Tom Waits, Meg White, Roberto Benigni, Jack White, Alfred Molina, Bill Murray e molti altri) conversano amabilmente sorseggiando caffè e fumando sigarette.
Andrea ha scritto questa trama

Titolo Originale: Coffee and Cigarettes
Attori principali: Roberto BenigniSteven WrightJoie LeeCinqué LeeSteve BuscemiIggy Pop, Tom Waits, Joseph Rigano, Vinny Vella, Vinny Vella Jr., Renee French, E.J. Rodriguez, Alex Descas, Isaach De Bankolé, Cate Blanchett, Meg White, Jack White, Alfred Molina, Steve Coogan, Bill Murray, William Rice, Taylor Mead, RZA, The GZA
Regia: Jim Jarmusch
Sceneggiatura/Autore: Jim Jarmusch
Colonna sonora: Skatalites, Iggy Pop
Fotografia: Robby Müller, Ellen Kuras, Frederick Elmes, Tom DiCillo
Produttore: Jason Kliot, Joana Vicente
Produzione: Usa
Genere: Commedia
Durata: 96 minuti

..e tu sei Bill incula-fantasmi Murray! / 9 Gennaio 2013 in Coffee and Cigarettes

La noiosa opera indipendente di Jim Jarmusch, di cui ne è regista, produttore e sceneggiatore, è composta da 11 cortometraggi girati all’interno di spogli angoli di bar, ed è il risultato della somma di alcuni mini-filmati iniziati a girare nel lontano ’86 per il Saturday Night Live.

Le inquadrature per ogni corto, possono contarsi sulle dita di una mano, in quanto non si spazia mai oltre i volti dei protagonisti o il soggetto del tavolo, categoricamente ripreso dall’alto.
La camera è immobile, ciò che c’è intorno è lasciato all’immaginazione.
Ma riesce a catturare alla perfezione la semplicità e la bellezza che risiede nei quotidiani gesti di bersi un caffè. O di accendersi una sigaretta.
E lo sketch “più perfetto” in questo senso, è indubbiamente quello che vede come protagonista Renée French. Sensuale. Divina. Inavvicinabile.

Peccato però che le scenografie siano rese ancora più insipide dalla scelta del bianco & nero, presentando solo qualche sporadico dettaglio psichedelico che spicca sul vuoto circostante.
I dialoghi, base portante del film, non sono soddisfacenti, né simpatici, tantomeno interessanti, nonostante la varietà dei temi trattati dai diversi commensali nella successione di situazioni.

L’unica cosa che colpisce è la lista di volti noti, che però non basta a reggere la noia che attanaglia ogni secondo del film.
C’è Benigni, Buscemi, la Blanchette che si sdoppia per recitare la sua parte, Iggy Pop, i fratelli White (quelli degli White Strapes), c’è Bill Murray che interpreta sé stesso estremizzando la personalità schizzata di un caffeinomane convinto e molte altre celebrità che nel tempo si sono prestati a girare questi micro-film. Probabilmente solo per fare un favore al regista.. ma con un risultato piuttosto deludente.

Star che si perdono nel grigiore sia visivo che sostanziale di Coffee and cigarettes, un carosello di sketch superficiali, che hanno in comune persone che parlano di cose prive di senso, fumando e bevendo caffè.
Nient’altro.

Leggi tutto

25 Giugno 2012 in Coffee and Cigarettes

Seduti attorno ad un tavolino a gustare caffè e fumare sigarette, si susseguono gli episodi che coinvolgono le tante star del casting: Benigni è un nevrotico distratto, Buscemi un cameriere amante di Elvis, Waits un musicista che non le manda a dire, Murray un cameriere assuefatto dalla caffeina e dal tabacco.
Lo stile di Jarmusch è inconfondibile: bianco e nero, scene cupe e che si richiamano (i tavolini a scacchi, le astruse teorie della terra come cassa di risonanza acustica), dialoghi distratti e imbarazzati. Un esercizio di stile, diverse variazioni sul tema.

Leggi tutto