Bad Boy Bubby

/ 19937.539 voti
Bad Boy Bubby

Bubby è un uomo di trentacinque anni, ma ha l'età mentale di un bambino. Ha sempre vissuto confinato in uno squallido appartamento insieme alla propria madre, che abusa regolarmente di lui fisicamente e psicologicamente, e non conosce affatto la realtà esterna. Un giorno le circostanze lo costringono ad uscire fuori di casa; ha inzio allora tra stupore ed incoscienza il suo assurdo viaggio alla scoperta del mondo reale.
icarus ha scritto questa trama

Titolo Originale: Bad Boy Bubby
Attori principali: Nicholas HopeNicholas HopemaschioRalph CotterillfemminaClaire BenitoSyd BrisbaneSyd BrisbanefemminaUllie BirvéNatalie Carr, Celine O'Leary, Carmel Johnson, Grant Piro, Audine Leith, Lucia Mastrantone, Nikki Price, Mostra tutti

Regia: Rolf de HeerRolf de Heer
Sceneggiatura/Autore: Rolf de Heer
Colonna sonora: Graham Tardif
Fotografia: Ian Jones
Produttore: Domenico Procacci, Rolf de Heer, Giorgio Draskovic
Produzione: Australia, Italia
Genere: Drammatico, Commedia, Poliziesco
Durata: 114 minuti

Dove vedere in streaming Bad Boy Bubby

11 Febbraio 2014 in Bad Boy Bubby

C’è dell’enigma di Kaspar Hauser nel film “Bad boy Bubby” diretto da Rolf de Heer. Anzi, la pellicola in questione è una buona via di mezzo fra Herzog e Kynodontas di Yorgos Lanthimos.
Bad boy Bubby è un validissimo compromesso fra luci ed ombre, pazzia e raziocinio, amore e morte. Un tunnel disturbante, grottesco che vede un’uscita luminosa e, a suo modo, dolce.

Tutto comincia in Australia, tutto finisce in Australia.

Lo spettatore si ritrova in un tugurio, una specie di sottoscala lurido abitato da due strane figure: una grassa e decadente matrona romana, da un lato, dall’altro il suo tenero bambino, un pargolo mai cresciuto chiamato Bubby.
Bubby ha trentacinque anni ma in realtà è come se ne avesse cinque e mezzo. Parla a malapena, viene lavato dalla madre, non è in grado di leggere o scrivere, non è mai uscito di casa perché la madre lo ha convinto che l’aria all’esterno sia avvelenata. Vive costretto fra quattro mura, legato da un cordone ombelicale a una madre maniacale che lo opprime controllandolo ora dopo ora, giorno dopo giorno. Una madre che lo controlla fisicamente e psicologicamente, una madre che oltretutto abusa sessualmente del suo “bambino”.
Bubby non si rende conto della situazione e crede che tutto questo sia normale. Eppure, eppure, sfoga la sua rabbia su un gatto, suo unico amico tanto che arriverà ad ucciderlo per verificare un esperimento cruciale per gli sviluppi della storia. L’autore del film riesce a trattare una serie svariata di temi non risultando mai pesante, volgare, pornografico. Il film spazia dalla violenza domestica alla solitudine passando a tematiche più dolci trattate con tatto, in modo più che delicato.
Eccolo quindi il nostro disadattato curare i meno fortunati, in prima linea se si parla di assistenza sociale. Il film abbandona così la pesantezza del contesto famigliare per concentrarsi sulla rinascita del protagonista. Si abbandona l’oscurità, il grottesco, e si fa entrare la luce. Uscito dalla prigionia, entrato a contatto con i piccoli piaceri della vita: una pizza alle quattro stagioni e una bottiglia di birra, una canzone e un gruppo di amici, l’amore fatto donna nella persona di Angel (nomen omen).

Bubby risorgerà ma i continui abusi lo hanno deviato. Non parlo della passione, oserei dire feticcio, per i seni sproporzionati bensì il non riconoscere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato.
Bubby, si, cerca la felicità (e la trova) ma il prezzo da pagare sarà alto. I trentacinque anni di prigionia risultano una tappa per arrivare alla felicità, un punto determinante che ha segnato la figura del protagonista perché se da un lato egli risulta dolce, innocente, dall’altro è nella sua innocenza che vanno cercati i germi del male.
Bad boy Bubby è una favola agrodolce, un film con un lieto fine mai smielato che consiglio a voi tutti.

DonMax

link del film completo:

http://www.nowvideo.sx/video/5e81b86272b37

Leggi tutto

E’ nostro dovere insultare dio / 8 Settembre 2013 in Bad Boy Bubby

Film malato, disturbante e molto originale, se cercate qualcosa di diverso e inaspettato è da vedere assolutamente. Un’ altra grande prova di Tonino Accolla. Dialoghi stupendi, questo su tutti… http://youtu.be/SxAWVcAmIDM

16 Agosto 2013 in Bad Boy Bubby

Visto un sacco di anni fa, ma mi ricordo che mi era piaciuto molto.E’ uno di quei film molto strani, che solitamente o piacciono molto o fanno schifo… Devo dire che a me piacciono i film in cui si parla di persone in qualche modo “disturbate”, specialmente quando vengono così ben interpretati, come in questo caso. Non so se mi devo preoccupare: sarà mica che in qualche modo mi riconosco in queste personalità un po’ folli? (Però giuro che non ho mai fatto le cose che fa Bubby!!)
P.s.: Dopo aver scritto la recensione sopra mi era venuta voglia di rivedere questo film: non ci sono riuscita per via delle scene decisamente sgradevoli con un gatto. Ora, siccome sono sempre stata molto amante degli animali e mai avrei tollerato un film con scene di sofferenze dei medesimi, i casi sono due: o ne avevo visto una visione un po’ edulcorata o, con l’età, la mia sensibilità è di molto aumentata. Vero è che la scena in questione non era terribile, ma Bubby procurava tormento al gatto e io non lo potevo sopportare. Preferisco che mi rimanga il ricordo del resto del film, e mantengo il voto.

Leggi tutto