Billie Burke: Biografia completa, filmografia completa, scheda Attrice

Female
Billie Burke

Billie Burke è nata Mary William Ethelbert Appleton Burke il 7 agosto 1885 a Washington, DC. Suo padre era un clown da circo, e da bambina ha girato gli Stati Uniti e l'Europa con il circo (prima dei film e dopo il palco, i circhi erano la più grande forma di intrattenimento al mondo). Si potrebbe dire che Billie sia stata allevata per lo spettacolo. Alla fine la sua famiglia si è stabilita a Londra, dove ha avuto la fortuna di vedere spettacoli teatrali nello storico West End della città, e ha deciso che voleva diventare un'attrice teatrale. All'età di 18 anni, ha fatto il suo debutto sul palcoscenico e la sua carriera era iniziata e funzionante. Le sue esibizioni sono state molto ben accolte ed è diventata una delle attrici più famose per abbellire il palcoscenico. Broadway fece un cenno e poiché New York City era ormai riconosciuta come la capitale mondiale del palcoscenico, era lì che avrebbe tentato la fortuna. Billie è arrivata a New York quando aveva 22 anni e il suo slancio non si è fermato. È apparsa in numerose commedie ed era solo una questione di tempo prima che Hollywood arrivasse a chiamare, che è esattamente quello che è successo. Ha fatto il suo debutto cinematografico nel ruolo principale in Peggy (1916). Il film è stato un successo, ma poi di nuovo la maggior parte dei film lo sono stati, poiché la novità dei film non si era esaurita da allora The Great Train Robbery (1903) all'inizio del secolo. Nello stesso anno, è apparsa in Gloria’s Romance (1916). Tra un lavoro e l'altro al cinema, prendeva il suo posto sul palco perché non solo era il suo primo amore, ma aveva parti recitative. Billie si considerava più che un'attrice: anche lei sentiva di essere un'artista. Credeva che il palco fosse un modo per raggiungere personalmente un pubblico, qualcosa che non poteva essere fatto nelle immagini. Nel 1921, è apparsa come Elizabeth Banks in The Education of Elizabeth (1921), poi si ritirò. Aveva sposato l'impresario Florenz Ziegfeld Jr. delle famose Ziegfeld Follies e, con gli investimenti in borsa, non c'era bisogno di lavorare.

Ciò che gli Ziegfeld non avevano in programma era "Ottobre nero" nel 1929. I loro investimenti azionari furono spazzati via nel crollo, che fece precipitare la Grande Depressione, e Billie non ebbe altra scelta che tornare sullo schermo. I film erano diventati ancora più grandi di dieci anni prima, soprattutto dopo l'introduzione del suono. Il suo primo ruolo di sostanza è stato quello di Margaret Fairlfield in Febbre di vivere (1932). Come artista, amava il fatto di avere dialoghi, ma ha dovuto lavorare ancora di più perché suo marito era morto lo stesso anno del suo debutto a parlare – e il lavoro che ha fatto. Uno dei momenti salienti della sua carriera è arrivato come la signora Millicent Jordan in David O. Selznick 'S Pranzo alle otto (1933), co-protagonista Lionel Barrymore , Wallace Beery , John Barrymore e Jean Harlow – Compagnia inebriante, certo, ma Billie si è esibita in una performance eccezionale nei panni della signora Jordan, la moglie sbadata di un uomo la cui compagnia di navigazione è in difficoltà finanziarie e che stava cercando di convincere qualcuno a prestare i soldi alla sua azienda per evitare il disastro. Il suo personaggio amava organizzare cene perché una cena al Jordans aveva una reputazione nella società del sangue blu di New York come il momento clou della stagione. Con tutto il dramma e gli intrighi che accadono intorno a lei, la sua preoccupazione principale è che è un uomo a meno di avere una disposizione completa dei posti a sedere. Il film è stato un successo e ancora una volta Billie è tornata al top. Nel 1937, ha avuto uno dei suoi ruoli più affettuosamente ricordati in La via dell’impossibile (1937), un film che alla fine avrebbe prodotto due sequel, e tutti e tre furono dei successi al botteghino. Nel 1938, Billie ricevette la sua prima e unica nomination all'Oscar per la sua interpretazione di Emily Kilbourne in Gioia di vivere (1938). Questa è stata probabilmente la migliore interpretazione della sua carriera cinematografica, ma era destinata a essere immortalata per sempre nel classico Il mago di Oz (1939). A 54 anni – e non guardandoci da nessuna parte – ha interpretato Glinda, la buona strega del nord. Gli anni Quaranta videro Billie più impegnata che mai: fece 25 film tra il 1940 e il 1949. Ne fece solo sei negli anni Cinquanta, quando la sua invecchiamento divenne evidente. Aveva 75 anni quando ha fatto la sua apparizione sullo schermo finale come Cordelia Fosgate in John Ford È occidentale I dannati e gli eroi (1960). Billie si ritirò definitivamente e visse a Los Angeles, in California, dove morì all'età di 85 anni per cause naturali il 14 maggio 1970.

Luogo di nascita: Washington, District of Columbia, USA
Data di nascita: 07/08/1884
Data di morte: 15/05/1970

Lascia un commento