Vivarium

/ 20196.937 voti
Vivarium

Gemma e Tom sono una giovane coppia alla ricerca di una bella casa che possa accogliere la loro famiglia in crescita. Credono di averla trovata, ma, in realtà, si ritrovano intrappolati in un labirintico e assurdo quartiere.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Vivarium
Attori principali: Imogen PootsImogen PootsJesse EisenbergJesse EisenbergEanna HardwickeEanna HardwickeJonathan ArisJonathan ArisSenan JenningsSenan JenningsMolly McCann, Danielle Ryan, Olga Wehrly, Jack Hudson, Michael McGeown, Mark Quigley

Regia: Lorcan FinneganLorcan Finnegan
Sceneggiatura/Autore: Garret Shanley
Colonna sonora: Kristian Eidnes Andersen
Fotografia: MacGregor
Costumi: Catherine Marchand, Kevin Jamotte
Produttore: Brendan McCarthy, John McDonnell, Todd Brown, Nick Spicer, Aram Tertzakian, Lorcan Finnegan, Gabe Scarpelli, Brunella Cocchiglia, Ryan Shoup, Maxime Cottray
Produzione: Belgio, Danimarca, Irlanda
Genere: Thriller, Fantascienza
Durata: 97 minuti

Dove vedere in streaming Vivarium

Labirintico / 8 Luglio 2021 in Vivarium

Film particolare (a dir poco).
Gemma (Imogen Poots) e Tom (Jesse Eisenberg) sono una giovane coppia alla ricerca di una casa. Si recano presso un’agenzia immobiliare dove trovano Martin, un tipo
particolare che li accompagna a vedere una casa in un nuovo quartiere in costruzione,
Yonder (Laggiù in inglese). Il quartiere è particolare: case tutte uguali pervase da un silenzio innaturale ma la cosa peggiore è che Martin scompare e loro due non
riescono più a uscire da quel quartiere. E non sarà l’unica cosa strana…
Film che per metà è abbastanza interessante e anche vagamente inquietante; poi forse i miei gusti verso film più lineari (o con qualche spiegazione in più) hanno fatto scendere il mio gradimento. Cercavo anche di dare un senso al film ma non sono sicuro di averlo trovato,
ma forse bisogna solo “godersi” la pellicola senza farsi troppe domande.
Bravi i due interpreti però, viste anche alcune recensioni, mi aspettavo qualcosa di più o forse di diverso, soprattutto nella seconda parte. Inoltre il bambino insopportabile, uno dei peggiori che abbia mai visto, non aiuta a migliorare la valutazione.

Leggi tutto

Cosa ho visto?! / 2 Gennaio 2021 in Vivarium

Ho visto un incubo a occhi aperti, un incubo diventato realtà, di una società schiavizzata, sempre alla ricerca del perbenismo che si tramuta in autodistruzione.
Il film mette curiosità sin dall’inizio, e pian piano diventa sempre più disturbante.
Un film difficile da spiegare ma ne consiglio la visione, che credo sia molto soggettiva: io, come dicevo, ci ho visto noi stessi intrappolati nello stereotipo della bella casa (dove sono anche tutte uguali), dove tutto è schematico e tutto in un loop della nostra routine.
Le scene in cui il bambino è piccolo sono davvero inquietanti: lui che urla, ripete le cose con tono di voci dei protagonisti… davvero bravo poi!
Da vedere!
7.

Leggi tutto

Cool!!! / 2 Aprile 2020 in Vivarium

Il nome non promette niente di buono ma vi garantisco che il film mi ha quasi entusiasmato. Tom e Gemma (Jesse Eisenberg e Imogen Poots) cercano casa. Un giorno entrano in un’agenzia e conoscono Martin, un inquietante agente immobiliare che li porta a Yonder, misterioso quartiere suburbano che pare dipinto da Magritte. Dopo aver visitato la “casa perfetta”, e aver perso le tracce del surreale Martin, i due scoprono che Yonder è un labirinto in cui ogni strada li riporta al punto di partenza. E qui mi fermo, sì, esattamente dove inizia il delirio. Qualcuno l’ha definito un thriller ad alta tensione, qualcun altro “a socio-political sci-fi and surrealist horror” (e si è bevuto il cervello), per me è semplicemente roba buona, di impronta seventies e ad alto impatto emotivo. Funziona! I più “musoni” potranno ricavarci una metafora sociale mica da ridere, i semplicioni, invece, si godranno uno spettacolo angosciante al punto giusto, senza farsi tante domande. Must see garantito. Potete tranquillamente scommetterci un dito del/della vostra/o partner.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.