Recensione su La grande fuga

/ 19638.079 voti

19 marzo 2014

The Great Escape.
MASTERPIECE.

Correva l’anno 1943, i tedeschi aprirono lo Stalag Luft Nord. Lo Stalag Luft Nord era un campo di prigionieri di guerra di massima sicurezza creato per detenere i più astuti criminali di guerra.
Fra questi si ritrovarono qui rinchiusi una serie di esperti dell’evasione militare, artisti della fuga, strateghi dell’ultima ora ed incalliti patrioti Liberal-Democratici (o presunti tali).
Il film, neanche a dirlo, è basato su una storia terribilmente vera. La vicenda è si drammatica ma allo stesso tempo rocambolesca, donchisciottesca e a tratti divertente. Cosa succede ai protagonisti del film ? A causa del gran numero di tentativi di evasione effettuati dai piloti alleati, il comando tedesco in quegli anni decise di concentrare tutti gli “specialisti” in fughe in un unico campo. E’ così che “tutte le mele marce” si ritrovarono in un unico “paniere” .

In questo modo i nazisti, senza volerlo, riunirono i migliori esperti della storia militare che dettero vita a ciò che divenne LA GRANDE FUGA. La grande fuga è stata la più grande evasione compiuta prima di allora, uno spettacolo epico e d’impatto che emoziona, diverte e commuove. Sublime e a renderlo così è stato sia il lavoro del regista John Sturges (Il vecchio e il mare; i magnifici sette) sia la collaborazione con il compositore Elmer Bernstein sia il lavorio degli sceneggiatori W.R. Burnett (Il Piccolo Cesare) e James Clavell.
Formidabile il cast nel quale spiccano tra gli altri CHARLES BRONSON E JAMES COBURN oltre ad un impareggiabile Steve McQueen nei panni di un testardo capitano che inizierà comportandosi da freerider fregandosene ampiamente del resto del “MUCCHIO” ma che cambierà i modi di vedere le cose arrivando a riflettere su quanto l’unione faccia la forza. Il personaggio interpretato da McQueen incarna l’ “americano”, un tipo orgoglioso e testardo, della serie “mi spezzo ma non mi piego”.
Gli altri prigionieri invece appartengono alla Royal Air Force Britannica ed è dai loro ufficiali prigionieri che parte la direttiva concernente un massiccio tentativo di fuga, basato sulla realizzazione di tre tunnel (chiamati Tom, Dick ed Harry) che avrebbero dovuto consentire l’evasione di 250 prigionieri, ma..

Signore e signori, non c’è retorica e anche se ci fosse ricordatevi sempre: “La II guerra mondiale per gli americani fu una crociata. Da un lato gli Yankees (che non gassavano certo le persone pur avendo dei campi di prigionia in suolo patrio) assieme ai Sovietici, ai Britannici e al Commonwealth, dall’altro i nazi-fascisti e i nipponici che attuarono una vera e propria epurazione”. Uno scontro fra civiltà, una guerra dei mondi. La pellicola in questione è un inno alla resistenza. Un inno alla creazione del disordine per destabilizzare i gerarchi del campo e per mettere in difficoltà l’intero Terzo Reich.
Alti ed altri livelli.

DonMax

Lascia un commento

jfb_p_buttontext