Regression

/ 20155.5123 voti
Regression

1990, Minnesota. La giovane Angela Gray accusa il padre di un crimine orrendo, ma alcune sedute con uno psicologo forense fanno emergere dai racconti dell'uomo un terribile segreto di portata nazionale.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Regression
Attori principali: Ethan HawkeEthan HawkeEmma WatsonEmma WatsonDavid ThewlisDavid ThewlisLothaire BluteauLothaire BluteauAaron AshmoreAaron AshmoreDale Dickey, David Dencik, Devon Bostick, Peter MacNeill, Adam Butcher, Jacob Neayem, Aaron Abrams, Catherine Disher, Julian Richings, Kristian Bruun, Wendy Lyon, Maura Grierson, Patrick Garrow, Janet Porter, Deborah Grover, Lenno Britos, Pamela MacDonald, Goran Stjepanovic, James Preston Rogers, Heather Lapine, Carrie Eklund, Adrian Griffin, Stephen Hughes, Vanessa Spencer, Noah Segura, Attila Sebesy, Alli McLaren, Mackenzie Kerfoot, Mostra tutti

Regia: Alejandro AmenábarAlejandro Amenábar
Sceneggiatura/Autore: Alejandro Amenábar
Colonna sonora: Roque Baños
Fotografia: Daniel Aranyó
Costumi: Sonia Grande
Produttore: Bob Weinstein, Harvey Weinstein, Fernando Bovaira, Alejandro Amenábar, Christina Piovesan
Produzione: Spagna, Canada
Genere: Thriller, Horror
Durata: 106 minuti

Dove vedere in streaming Regression

Non male / 26 Novembre 2019 in Regression

Anche se poi ero arrivata a capire chi fosse davvero il colpevole quando fanno vedere chi è che telefona al Detective, immaginavo che dietro ci fosse anche un’altro personaggio. Una scena che non capisco, forse perché ho frainteso è quella del Reverendo che porta a casa la nonna della protagonista. Parla come se fosse colpevole e che sia quindi davvero la nonna dietro tutto questo. Ma poi così non sembra. E il classico caso di scena morta sul nascere oppure sono io che mi sono sbagliata?

Leggi tutto

Il voto sarebbe un 6.5 / 27 Dicembre 2016 in Regression

Thriller/Horror un pò particolare, più psicologico che splatter.
L’indagine inizia come un “normale” caso di molestie domestiche; Angela (Emma Watson) svela al detective Bruce Kenner (Ethan Hawke) particolari sempre più inquietanti che portano il detective a indagare sui riti satanici con la collaborazione del Professore Kenneth Raines (David Thewlis).
Alcuni particolari inquietano e disturbano lo spettatore (e non solo visto che Kenner piomba sempre più nella paranoia), il film attira comunque l’attenzione con una storia inquietante con qualche iniezione di soprannaturale.
La regressione è una sorta di ipnosi indotta per recuperare i ricordi della persona sottoposta a questo trattamento.

Leggi tutto

Non manca nulla / 21 Dicembre 2016 in Regression

C’è tutto: ossessione religiosa, crocefissi e rosari, dominazione psicologica, il maligno sotto ogni sua forma.
Riti satanici, violenze sessuali, sacrifici animali ed umani, il tutto in un caso che pare arrivare alla soluzione già dopo venti minuti ed invece no, proprio come nel titolo, si regredisce.
Nel complesso è ben realizzato e gli attori discreti, ma i “riferimenti” son troppi: L’esorcista, The others, Rosemary’s Baby, Shining.
Peccato.

Leggi tutto

La scontatezza fatta film / 17 Dicembre 2016 in Regression

Ad inizio anni 90, con gli USA in piena isteria di massa sul satanismo, la storia racconta appunto di una ragazza (Emma Watson) che si rifugia in una chiesa denunciando il padre in quanto autore di violenze sessuali ai suoi danni. Il detective Kenner (Ethan Hawke) indaga, con l’aiuto di uno psicologo, ricorrendo appunto alla tecnica della regressione. Saltano fuori agenti coinvolti, sette sataniche, tutto e di più. E se la verità invece fosse un’altra? E soprattutto, se fosse dannatamente prevedibile? Un film brutto, noioso e, appunto, prevedibilissimo, con anche il cast poco ispirato, stessa cosa per il regista, dal quale era decisamente normalmente aspettarsi un titolo più interessante. Invece proprio non ci siamo.

Leggi tutto

Regressione mentale / 14 Dicembre 2015 in Regression

Dopo sei anni di silenzio, il regista Alejandro Amenábar torna a lavorare per il grande schermo con “Regression”, riprendendo proprio quell’elemento di suspense con il quale aprì la sua carriera nel 1996 con “Tesis”, film in cui aveva già perlustrato il territorio dell’orrore e del suo potere sublimante e ipnotico. D’altronde, è proprio questo aspetto che caratterizza la firma di Amenábar, nonostante il regista spagnolo abbia tastato vari generi, dal dramma all’horror: basti pensare a film come “Apri gli occhi”, nonché la sua più celebre ed acclamata pellicola, ovvero “The others”. Con “Regression”, Amenábar riporta alla luce la sua passione per il cinema horror e per il poliziesco americani degli anni ’70 e per pellicole come “L’esorcista” e “Rosemary’s Baby”; a tal proposito cerca di ricreare dei toni cinematografici il più possibile vicini a quell’epoca, tenendo presente una cura estetica corrispondente alle sue intenzioni. Il film si rifà ad episodi realmente accaduti negli Stati Uniti negli anni ’80, ma non è questo ciò che ci interessa: il suo obiettivo è quello di rovistare in una soffitta impolverata, quale è la mente umana, circuita da un “male” che trova le sue scorciatoie attraverso la perdita di cognizione e di morale, ma ancor di più tramite meccanismi psicologici, inconsci o indotti, che arrivano a infestarla con profonde manipolazioni.

Così, con il pretesto dell’indagine del detective Bruce Kenner, sapientemente interpretato da un poliedrico Ethan Hawke, trova uno spiraglio il sempre dibattuto conflitto tra scienza e religione, in un composto di realtà e superstizione elaborato dal meccanismo più fragile e soggetto a travisamenti: quello della comprensione umana. È infatti la paura la vera protagonista di “Regression”, e quella fobofilia che l’uomo si auto-infligge, accompagnata dalle motivazioni in base alle quali si odia il brivido di ciò che appare sconosciuto e non si riesce ad afferrare con la ragione. Il paesaggio, descritto tramite la fotografia dai toni cupi e bluastri di Daniel Aranyó, è desolato, vuoto, ambiguo, proprio come i protagonisti del film, letteralmente storditi dai loro timori, vividi ma intrappolati in corpi e situazioni più o meno incontrollabili. La “regressione” di Amenábar è, chiaramente, totale, a partire dallo stile fino ai labirinti psicologici. Magari questa sua nuova opera non sarà consacrata tra le migliori dirette dal regista spagnolo, ma non lascia scampo in termini di orrore, allucinazioni e isteria: nemmeno per la mente più lucida e ferma.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.