1991

Lanterne rosse

/ 19918.0182 voti
Lanterne rosse
Lanterne rosse

Cina, 1920. La giovane Song Liang, morto il padre, si ritrova a dover prendere una difficile decisione: lasciare l'università per diventare la quarta moglie di Chen Zuoqin, il ricco erede di un'antica dinastia; nonostante il suo spirito combattivo non sarà facile per lei affrontare l'ostilità delle altre mogli, decise ognuna a suo modo a conquistare i privilegi della 'favorita' del padrone di casa, primo su tutti quello di avere alla propria porta le rituali lanterne rosse. Leone d'Argento -Premio speciale per la regia- alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1991.
laschizzacervelli ha scritto questa trama

Titolo Originale: 大红灯笼高高挂
Attori principali: Gong LiMa Jing-WuHe SaifeiCao CuifenKong LinJin Shu-Yuan, Chu Xiao, Ding Wei-Min, Cao Zeng-Yin, Cui Zhi-Gang, Li Bao-Tian, Xu Wei
Regia: Zhang Yimou
Sceneggiatura/Autore: Ni Zhen
Colonna sonora: Naoki Tachikawa, Jiping Zhao
Fotografia: Zhao Fei
Produttore: Fu-Sheng Chiu, Hou Hsiao-hsien, Wenze Zhang
Produzione: Cina, Hong Kong, Taiwan
Genere: Orientale, Drammatico
Durata: 125 minuti

Lo scandalo della tradizione / 4 Giugno 2015 in Lanterne rosse

Il film di Zhang Yimou punta tanto all’estetica dell’immagine quanto alla denuncia sociale, in un delicato e orientale equilibrio. Lo scenario del Complesso della Famiglia Qiao, splendido e imponente palazzo nobiliare della dinastia Qing, tra cortili, terrazze e grondaie intagliate garantisce un notevole impatto fotografico, come nella scena del canto di gelosia della Terza moglie in una livida alba azzurra.
Splendida Gong Li in un ruolo difficile, per niente univoco in cui convivono elementi di ribellione e di adattamento al feroce clima di complotto tra mogli e allo scandaloso sistema di “tradizioni” umilianti che ancora oggi molte donne subiscono in tante parti del mondo.

Leggi tutto

26 Agosto 2013 in Lanterne rosse

Film di denuncia, tratto dal romanzo del premio Nobel Su Tong (autore anche di Sorgo Rosso), Lanterne rosse è un elegante e sferzante ritratto della Cina dei primi anni ’20 ed, in particolare, della condizione della donna in quel periodo.
Il significato del film si avvicina molto a quello di pellicole recenti (vedi la bicicletta verde) che intendono denunciare la catena di vessazioni domestiche che trasformano una moglie in una concubina.
Zhan Yimou rivela una maestria stilistica ed un tratto registico encomiabili, sfrutta al meglio la fotografia in toni rossi delle lanterne e si muove con delicatezza all’interno dei 4 spazi che caratterizzano le 4 sorelle spose.
L’intento di denuncia è chiaro fin dalla prima battuta quando una meravigliosa Gong Li dice chiaramente che una moglie è una concubina e tutto il film segue la difficile armonia che (non) si viene a creare dentro le mura di una casa in cui la sex ratio è tutta spostata sulla parte femmmile, mentre il centro del potere è unicamente maschile.
Bravissima Gong Li, una delle attrici più belle e intelressanti del panorama cinese.

Leggi tutto

19 Luglio 2013 in Lanterne rosse

“Tutto è rappresentazione, se reciti bene inganni gli altri, se reciti male inganni te stessa, se non sai nemmeno ingannare te stessa non ti restano che i fantasmi…”
“tra gli uomini e i fantasmi, la sola differenza è il respiro…”

Tratto dal romanzo “Mogli e concubine” di Su Tong, “Lanterne rosse” di Zhang Yimou è uno straordinario affresco della condizione femminile nella Cina degli anni 20’…(ma implicitamente costituisce una condanna anche alla società cinese attuale, anche oggi come allora, morbosamente attaccata a delle assurde tradizioni). Una tragica sinfonia in rosso, suddivisa in atti corrispondenti alle varie stagioni, in cui si assiste dall’inizio alla fine della pellicola ad una escalation di disperazione, follia, morte. Con questa pellicola Zhang Yimou ha presentato la propria Cina all’intero mondo, ce l’ha sbattuta in faccia con tutte le sue contraddizioni. Un dramma da camera che non può non ricordare il bellissimo “Sussurri e Grida” di Bergman. Anche qui poche stanze, quattro personaggi femminile ed il colore rosso che con violenza domina le immagini.
La protagonista del film è la giovanissima Song Lian, che per fronteggiare la miseria, nella quale è precipitata la sua famiglia dopo la morte del padre, decide di interrompere gli studi ed andare in sposa ad un ricco signore, diventando così una delle quattro mogli (concubine) del nobile Chen. Sin dalla prima inquadratura, siamo catapultati nella sofferenza della giovane ragazza. Il primo piano sui suoi occhi stracolmi di tristezza, non lascia alcuna possibilità di interpretazione. Song Lian è disperata, non ha scelta, non ha alternative. La tragedia si consuma già nei suo occhi, nel suo volto che prova ad essere impassibile, ma non ce la fa a celare il dramma personale. La vediamo poi arrivare all’abitazione del padrone e da lì in poi tutto il film si svolge tra le mura di quella casa, così simile ad una prigione. Ognuna delle quattro mogli ha la propria stanza ed una propria serva, ma ogni giorno, soltanto una delle quattro può ambire a passare la notte con il signor Chen. Il rituale è sempre lo stesso: il padrone sceglie con quale concubina dormire ed allora vengono portate le lanterne rosse a quella abitazione e viene offerto un massaggio ai piedi alla signora prescelta. Così quella routine diventa quasi snervante: l’urlo del servo “Laaaanteeerne alla quaarta caasa” è il triste leit motiv di tutto il film. Così come il rumore dei ferri per il massaggio ai piedi, l’unica gentilezza riservata alle signore, che appaiono come delle serve, degli oggetti indifesi al servizio del marito, utili soltanto per il sesso e per dare figli (maschi perché “una femmina non serve a niente”). Quel massaggio diventa tristemente il loro unico scopo, l’unica ragione di vita. E così ben presto ci accorgiamo che la luce rossa di quelle lanterne non è un simbolo di amore, ma di morte. Comprendiamo che in quella abitazione regna inesorabilmente un clima di odio, veleno ed invidia tra le quattro mogli, tutte in competizione tra loro per ricevere quelle poche attenzioni che vengono loro riservate dal signor Chen, che con un ottima scelta registica di Zhang Yimou non viene mai inquadrato da vicino, quasi a voler rimarcare il totale distacco, lo sentiamo soltanto parlare, senza nemmeno sapere le sue fattezze fisiche. D’altronde non avrebbe alcuna importanza.
E’ quindi un dramma soffocante, che si consuma lentamente, tra doppi giochi, falsità ed inganni. Il rosso in questo caso non è il colore del sangue, ma è comunque colore di violenza, una violenza più subdola, psicologica. Le quattro signore sono costrette dalla condizione in cui si trovano a competere tra loro per avere un minimo d’amore e fanno di tutto per prevaricare l’una sull’altra… Vederle architettare piani crudeli soltanto per quel massaggio ai piedi e quelle lanterne in camera, diventa asfissiante anche per lo spettatore. Vediamo, infatti, progressivamente la giovane Song Lian restare imprigionata in questo vortice, la vediamo crollare, diventare anch’essa parte del crudele meccanismo, costretta ad ingannare le altre per sopravvivere.
Bellissimo anche il personaggio della serva di Song Lian, una schiava (quindi di condizione ancora più inferiore, quasi pari allo zero), che sogna di diventare un giorno una concubina e così si rinchiude in camera con le lanterne rosse, chiude gli occhi, alza le gambe e si immagina di ricevere il massaggio ai piedi… Oppure quello della terza signora, forse il personaggio più complesso, ma anche più affascinante, una ex cantante lirica di indole ribelle, libera ed eccentrica. Il suo canto assume i connotati di un stridulo urlo di disperazione e solitudine.

Il tutto è narrato con una regia magistrale. Visivamente, è uno splendore. La fotografia infatti ci regala delle immagini stupende, ed assistiamo al contrasto tra le stanze illuminate dalla luce rossa delle lanterne, ed il grigio quasi nero dei muri delle abitazioni, fino ad arrivare al bianco gelido della neve. Ogni primo piano è azzeccato, ogni dialogo è denso di straordinaria sensibilità. Non c’è una musica sbagliata, non c’è un colore fuori posto.
E’ quasi un Horror psicologico. Si vedono solo poche gocce di sangue, ma la violenza, seppur silenziosa e celata, è sempre presente.
Un film che fa riflettere ed emozionare. Che ci fa incazzare, ma anche commuovere. Impossibile non sentirsi in empatia con le quattro signore ed alla fine è anche impossibile persino biasimare i loro comportamenti più malvagi.
Indimenticabile: ti si imprime nella mente e nel cuore e non ti abbandona più.

Menzione d’onore per la straordinaria Gong Li, che in questa pellicola, nel suo ruolo di triste eroina, è veramente una dea.

Leggi tutto

Claustrofobico / 21 Giugno 2013 in Lanterne rosse

Bella la storia, bella la fotografia, stupenda la recitazione… un vero e proprio insieme di storia da incubo e storia di solitudine. L’unica pecca è che ogni tanto si perde il filo della narrazione ed è un peccato, ma resta comunque un bel film.