Buoni a nulla

/ 20146.131 voti
Buoni a nulla

A Gianni mancano solo sei mesi per andare in pensione e la vita in ufficio si trascina pigramente nell'attesa dell'agognato traguardo. Una modifica delle leggi in materia, però, sposta improvvisamente in là nel tempo la fine della sua carriera lavorativa: ben tre anni! Improvvisamente, la vita di Gianni viene sconvolta: viene spostato in un ufficio decentrato e gli vengono affidate mansioni che non è in grado di svolgere, la sua ex moglie lo assilla e sua figlia, alla ricerca di un appartamento, vorrebbe appropriarsi di casa sua. Ansie, preoccupazioni e maleducazione diffusa lo assillano.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Buoni a nulla
Attori principali: Gianni Di GregorioGianni Di GregorioMarco MarzoccaMarco MarzoccaMarco MesseriMarco MesseriValentina LodoviniValentina LodoviniDaniela GiordanoDaniela GiordanoGianfelice Imparato, Camilla Filippi, Anna Bonaiuto, Valentina Gebbia, Eugenia Tempesta, Ugo Gregoretti, Giovanna Cau, Michele Di Mauro, Barbara Chiesa, Jean Michel Danquin, Andrea Davì, Samantha Fantauzzi, Maurizio Lombardi, Miriam Masi, Robin Mugnaini, Paola Sotgiu, Mostra tutti

Regia: Gianni Di GregorioGianni Di Gregorio
Sceneggiatura/Autore: Gianni Di Gregorio
Colonna sonora: Enrico Melozzi
Fotografia: Gian Enrico Bianchi
Produttore: Angelo Barbagallo
Produzione: Italia
Genere: Commedia
Durata: 87 minuti

Dove vedere in streaming Buoni a nulla

Incerto / 13 Novembre 2015 in Buoni a nulla

Rispetto ai precedenti lavori di Di Gregorio, Buoni a nulla non mi ha convinta affatto: la leggerezza dolente che è stata la cifra dei primi due lungometraggi qui diventa quasi forzata surrealtà che allontana decisamente dall’ambito del possibile le pur plausibili vicende che coinvolgono i vari protagonisti.

Gli spunti sono ottimi (la ribellione deve essere misurata o può causare tanti danni quanto l’acquiescenza) e alcune parentesi del film sono riuscite (l’arrivo di Gianni nel nuovo ufficio, effettivamente straniante; l’apatia che travolge il collega Marco e la sua definitiva esplosione davanti all’ennesima seppur banale imposizione), ma nel complesso reputo questo come un passo falso, oserei dire incerto, nell’altrimenti apprezzabile carriera “solista” del bravo Gianni.

Leggi tutto

17 Aprile 2015 in Buoni a nulla

Un film che puntava al 9, per garbo, delicatezza e simpatia.
Un “classico” impiegato statale, tra un quotidiano e un caffè, viene rilocato in una nuova sede, fuori zona, con l’assurda pretesa che si lavori.

Film non divertente, ma piacevole, se non fosse per l’immancabile (e ci sta) lieto fine, troppo esagerato.

inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.