Recensione su Buoni a nulla

/ 20146.131 voti

Incerto / 13 Novembre 2015 in Buoni a nulla

Rispetto ai precedenti lavori di Di Gregorio, Buoni a nulla non mi ha convinta affatto: la leggerezza dolente che è stata la cifra dei primi due lungometraggi qui diventa quasi forzata surrealtà che allontana decisamente dall’ambito del possibile le pur plausibili vicende che coinvolgono i vari protagonisti.

Gli spunti sono ottimi (la ribellione deve essere misurata o può causare tanti danni quanto l’acquiescenza) e alcune parentesi del film sono riuscite (l’arrivo di Gianni nel nuovo ufficio, effettivamente straniante; l’apatia che travolge il collega Marco e la sua definitiva esplosione davanti all’ennesima seppur banale imposizione), ma nel complesso reputo questo come un passo falso, oserei dire incerto, nell’altrimenti apprezzabile carriera “solista” del bravo Gianni.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext