Il miracolo

/ 20187.515 voti
serie tvIl miracolo

Mentre l'Italia è alla vigilia di un referendum che potrebbe far uscire il Paese dall'Unione Europea, alcuni agenti di polizia impegnati in un'operazione all'interno del covo segreto di un boss della 'ndrangheta scoprono una statuetta votiva della Madonna. Dal volto della statua iniziano a sgorgare lacrime di sangue. L'evento, misterioso e inspiegabile, cambia per sempre le vite delle persone coinvolte.
Stefania ha scritto questa trama

Genere: Drama, Mini-Series
Network: , Drama, Mini-Series,

il vero miracolo: una serie senza clichè / 5 Luglio 2018 in Il miracolo

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Serie conturbante.
Sin dalle prime puntate, capisci che la vedrai tutta d’un fiato.
Gli attori sono tutti sconosciuti (almeno a me)…pochi bravissimi (Generale e Prete) , molti bravi (Primo ministro,Sandra) , qualcuno scarsuccio (Clelia, Sole)
Ma tutti molto adatti ai proprio ruoli.

Il bello della serie è che prende ogni argomento e lo sviscera in maniera maniacale, senza alcun rispetto (in senso positivo) , in maniera mai vista e del tutto originale…
Non ci sono buoni e cattivi, ma solo “personaggi” che devono fare i conti con i lati oscuri della propria esistenza. Tutti, chi più ,chi meno. Ma senza eccezioni.

Avrei apprezzato un finale più…audace. E spiegato meglio.
Ammaniti dice “le risposte ci sono già tutte”.
Assolutamente no:
– chi ha ucciso e come Beatrice?
– e perchè nessuno lo chiede a Nicolino?
– perchè il sangue era del turco? perchè “proprio” lui?
– perchè la mamma di Sandra muore dopo aver bevuto il sangue?

E non sto neanche a fare la domanda delle domande…
– chi partorirà Sandra? (stramaledettissimi finali aperti)

però nonostante tutto…
serie stupenda e …”fresca” , che sa di nuovo.

Leggi tutto

Alleluia / 30 Maggio 2018 in Il miracolo

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Come già era accaduto con una precedente produzione tv di Sky Italia (The Young Pope di Sorrentino), Ammaniti e la sua squadra sono riusciti a creare un prodotto televisivo inedito nel panorama italiano per modi e forma, pur usando temi ampiamente (ab)usati mediaticamente nel nostro Paese.
Il miracolo parla di politica, criminalità, religione, potere, sesso, amore, famiglia, ci sono esponenti del clero e delle forze armate, medici, biologi, mamme e bambini, c’è il Nord, c’è il Sud e c’è Roma capitale. Ma, fortunatamente, mancano i cliché televisivi e narrativi legati a tutti questi elementi.

Il miracolo sporca di sangue torbido i capisaldi della serialità televisiva italiana, li vena di incertezza, di ironia nera. Insomma, li fa diventare pulp. Alleluia.
Una produzione di questo tipo, infatti, dimostra che, anche nella tv italiana, è possibile allontanarsi dai binari del dramma, della comicità o della melassa consueti, usando a proprio vantaggio la materia di base collaudata da numerose fiction e film.

Già il contesto narrativo la dice lunga su quale piano si sia posto Ammaniti. Esattamente come Sorrentino, egli propone un’Italia assolutamente contemporanea, ma alternativa rispetto a quella reale. Là, c’è un Papa giovane e italoamericano che sale al soglio pontificio. Qui, c’è un referendum che potrebbe fare uscire il Paese dall’Unione Europea e dall’Euro (temi profeticamente attuali, come dimostra la cronaca politica di queste ore).
Mentre, solitamente, la fiction italiana, quando non affronta la rievocazone storica, tende a decontestualizzare il racconto, astraendolo in particolare da reali o perlomeno pertinenti problematiche politiche ed economiche, Sorrentino e Ammaniti hanno fatto qualcosa di più, levandosi dalle ambasce: hanno immaginato un presente (o un immediato futuro, fate vobis) alternativo, con i piedi piantati nella pur incerta realtà.
Dopo l’ironia caustica di una produzione cult come Boris (prodotta da Fox, distribuita guarda caso da Sky), questi progetti seriali dimostrano la vitalità, l’alterità e le possibilità espansive della tv italiana.

De Il miracolo, ho apprezzato in particolare lo sviluppo narrativo e le scelte di casting.
Nonostante una certa flessione nella seconda metà del ciclo di episodi, l’ultima puntata in particolare è stata in grado di confermare il taglio atipico della serie, esaltando lo humour oscuro di Ammaniti e spalancando la strada a ipotetici sviluppi narrativi (il destino della moglie e della figlia del premier, la scelta della biologa, ecc.) che non necessitano affatto di una seconda stagione per trovare compiutezza, ma che, nella loro sospensione, si inscrivono coerentemente nel leitmotiv del progetto.
Il filo conduttore della serie, infatti, è il dubbio.
Perché/come/quando/dove/chi? Il miracolo è un susseguirsi di domande, di scoperte, di misteri (perlopiù, irrisolti), è una storia stimolante e inquietante, che blandisce Fede, scienza e morale con un respiro pop.

Reparto tecnico notevole. Bravi scrittori (oltre ad Ammaniti, la Marciano e la Manieri), bella regia (Ammaniti, alla sua prima prova dietro la macchina da presa di una serie tv, è stato affiancato da Pellegrini e da Munzi, pluripremiato ai David per l’ottimo noir Anime nere), rimarchevole fotografia (curata da Daria D’antonio, già nel cast tecnico de La grande bellezza, per esempio, mentre, se non ho visto male, la seconda unità era capitanata da Daniele Ciprì) .
Credibili tutti gli attori, a cui sono stati affidati personaggi controversi, sfaccettati, chiaroscurali. Ho apprezzato molto il personaggio e la prova artistica di Sergio Albelli (il Generale Votta), che ha interpretato con misura un militare apparentemente atipico, cervello fino, empatico, furbo.
Curiosità: nel settimo episodio, compare Monica Bellucci. Trovo molto divertente il fatto che, in ordine di tempo, le sue ultime apparizioni artistiche (e, qui, è proprio il caso di dirlo) siano di tipo televisivo (recentemente, l’ho intravista anche in uno spot pubblicitario). Prima, nella terza stagione di Twin Peaks di Lynch. Ora, qui. Ed è curioso che, in entrambi i casi, l’attrice compaia in contesti onirici e nei panni di una guida spirituale.

Leggi tutto