14 luglio 2013 in Happy Days

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Quando Ron Howard aveva una chioma da pubblicità dello shampoo Vidal, quando una giacca di pelle era quella di Fonzie e non quella di Renzi(e), quando "Heeey" era sinonimo di figaggine, quando tutti desideravamo entrare in una paninoteca (con il drive in!) come l' "Arnold's", con il juke box e i tavoli con i divanetti a spalliera alta, quando "La loggia... continua a leggere »