?>Recensione | True detective | inutilmente complessa

Recensione su True detective

/ 20148.6420 voti

inutilmente complessa / 1 agosto 2017 in True detective

Ho visto questa serie un anno fa, all’inizio ero gasatissima poi con il passare del tempo ho cambiato il mio pensiero.
Sento in molti lodare questa serie ma io (pur apprezzandone regia, racitazione e scrittura), ho fatto fatica a finirla e a seguire il caso stesso;
i personaggi sopratutto il tanto osannato Rustin Cole parlano di filosofia, fanno grandi disquisizioni belle che a volte poco c’entrano con la storia,ma tutto questo fumo ti porta lontano dal punto focale svelare i colpevoli. il Cio è il fatto, secondo me,alla base dei difetti di questa serie: una trama che non è né originale né ben costruita condita con grandi discorsi e bella caratterizzazione dei protagonisti principali.
Ciò è già presente nella prima stagione ma vine offuscato “Dall’impacchettamento” e dalla figura di Metthew Mccounaghey ma rispunta fuori nella seconda stagione:senza Rustin Cole il fumo scompare e rimane il nulla.
Il mio 8 è riferito esclusivamente alla prima stagione, (la seconda è da 5), interessante ma a distanza di un anno non riesco a ricordarmi chiaramente il caso, o un qualcosa che mi abbia colpito, i flashback o flashforword continui sono una tecnica interessante ma già vista, alla fine pure il detective è una copia carbone di Dupen di Poe (1800!!) quindi non capisco questo gridare al capolavoro…

Lascia un commento

jfb_p_buttontext