Recensione su Shtisel

/ 20139.05 voti

Piccola finestra sul mondo haredim / 20 Aprile 2020 in Shtisel

Sulla scia di Unorthodox, incuriosita da questa cultura così lontana, ho visto questa serie ambientata in uno dei quartieri ultra ortodossi di Gerusalemme. Racconta, con estrema delicatezza, la vita della famiglia Shtisel. Presenza ingombrante è Shulem, il patriarca, che manovra le vite degli altri membri della famiglia perlopiù attraverso le sue storie piene di insegnamenti morali, il più delle volte, inventate di sana pianta. Akiva è il figlio minore, l’outsider, che ha un vero talento per la pittura, attività mal vista all’interno del mondo haredim, e che cerca il suo posto all’interno della comunità cercando però di rimanere fedele a se stesso. Viviamo con Akiva, ma anche con il resto della famiglia, le loro delusioni, frustrazioni, colpe, sforzandoci di comprendere le loro decisioni, dettate così spesso dai precetti religiosi. E vi è anche molto di non detto, si potrebbe avere la sensazione di perdersi qualcosa, di non avere i riferimenti culturali per comprendere appieno certe cose. Un ulteriore ostacolo potrebbe essere la lingua originale (o le lingue, visto che i protagonisti parlano sia ebraico che yiddish), ma sarebbe un vero peccato perdersi questo piccolo gioiellino di serie e non conoscere gli Shtisel. A me già mancano un po’ e spero in una terza stagione.

2 commenti

  1. Stefania / 20 Aprile 2020

    A maggio 2019, è stata annunciata la terza stagione di Shtisel, ma, da allora, non ci sono state altre novità: https://jewishnews.timesofisrael.com/shtisel-renewed-for-third-series-hit-show-writer-confirms/
    Se non l’hai ancora visto, per completare il cerchio, ti consiglio anche il documentario One of Us, anche questo disponibile su Netflix: https://www.nientepopcorn.it/film/one-of-us-1509467545/

Lascia un commento

jfb_p_buttontext