Recensione su Luna Nera

/ 20205.07 voti

“Fantaghirò” sorpassato di pochissimo / 3 Febbraio 2020 in Luna Nera

Niente, continuano a non doppiare in italiano gli attori italiani, che sono molto, molto lontani dal saper parlare come attori decenti. Un giorno è Piétro, il giorno dopo Piètro, poi si cambia di nuovo, in barba a tutte le regole della dizione. E poi biascicano, non scandiscono, mormorano pure quando non serve e fanno smorfie esagerate per riuscire a pronunciare parole che chiaramente non sono abituati a pronunciare.
La colonna sonora è completamente sbagliata, dalla sigla ai titoli di coda.
La trama è infantile, un insipido fantasy storico di serie C buono per intrattenere qualche adolescente… forse.
La protagonista non sa recitare, non c’è altro modo per dirlo. Stesso dicasi per lo pseudo-fidanzato, il succitato Pietro.
I dialoghi sono forzati, finti, artefatti, il che non mi fa vedere i personaggi che parlano ma gli attori che provano a calarsi nella parte senza riuscirci una volta.
Tutto questo non riguarda le brave Lucrezia Guidone, Federica Fracassi e Adalgisa Manfrida, rispettivamente Leptis, Janara e Persepolis, che non conoscevo e che non hanno nulla da spartire con gli altri attori di questa serie.
Sei puntate, sei di troppo.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext