Una buona serie animata. / 6 Aprile 2018 in L'isola della piccola Flo


Ispirato al celebre romanzo di Daniel Defoe Robinson Crusoe, questa serie animata narra la vicenda di una famiglia approdata, in seguito a un terribile naufragio, su un’isola deserta.
I Robinson(questo è il nome della famiglia composta da padre, madre e tre figli, due maschi e una femmina) dovranno lottare ogni giorno contro una natura inizialmente... continua a leggere » ostile, cercando di adattarsi a un nuovo tipo di vita.
Flo, la giovane protagonista, sembra riuscirci alla perfezione, ogni giorno per lei è una nuova scoperta, da un nuovo posto segreto in cui giocare o un nuovo strano animaletto con cui fare amicizia.
Dopo anni di permanenza sull’isola, scoprono di non essere soli, che il luogo è abitato anche da un vecchietto un po’ svanito e da un ragazzo di colore.
Grazie all’aiuto di questi ultimi, la famiglia Robinson riesce a costruire una zattera che le permette di trarsi in salvo poco prima che il vulcano dell’isola cominci a eruttare.
Un cartone animato ben realizzato, con una trama mai sopra le righe, con una grafica piuttosto curata per l’anno di produzione(era il 1981) ma la storia, dai toni a volte piuttosto stucchevoli e i personaggi, piuttosto piatti, inespressivi e stereotipati come non mai(il padre Hernest, energico e risoluto, la madre Anna, debole, emotiva, fragile e dalla lacrima facile, il fratello maggiore Franz, serio, responsabile e un po’ rompiballe come tutti i fratelli maggiori e il fratello minore Jack, piagnucolone e rompiscatole come la maggior parte dei bambini che popolano i cartoni animati) mi costringono un pochino ad abbassare il voto.
Comunque sia me lo riguardo sempre con piacere, anche adesso.