?>Recensione | Girlboss | La Robertson non basta

Recensione su Girlboss

/ 20176.342 voti

La Robertson non basta / 7 maggio 2017 in Girlboss

Prima stagione
Splendida Britt Robertson, una specie di cartone animato in carne e ossa (già in Tomorrowland aveva mostrato ampiamente questa “potenzialità”) con un musetto da schiaffi, dominatrice assoluta della scena, e bravi anche gli attori di contorno (RuPaul senza parrucca, però, è come un cielo senza stelle).

Per il resto, a parte un paio di guizzi narrativi (godibilissimi gli episodi con Melanie Lynskey, nei panni della nemesi della Robertson: in particolare, ho apprezzato molto quello in cui compare il forum di amanti del vintage), la serie non offre grandi attrattive: narrativamente, si tratta di una soap incentrata su una ragazza iperattiva e sopra le righe dalle abitudini alimentari un po’ discutibili che cerca di dimostrare: 1. a sé stessa, di essere in grado di cavarsela in maniera autonoma e 2. al mondo, di essere un boss (appunto) del marketing online.
Personalmente, avrei preferito vedere più episodi come Ladyshopper99, nel quale si assiste alle difficoltà affrontate per portare a termine una vendita, piuttosto che assistere ai suoi tira e molla con il fidanzato (de gustibus, eh).

Colonna sonora godibilissima. Qui, la playlist: http://bit.ly/2qdEpGv

Pare sia prevista una seconda stagione. Per me, però, potrebbe fermarsi qui.

Voto prima stagione: 5.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext