Recensione su Breaking Bad - Reazioni Collaterali

/ 20088.9925 voti

13 Gennaio 2014

Walter White è un professore di chimica dalle grandi potenzialità. Quando scopre di avere un tumore ai polmoni, decide di produrre metanfetamina insieme al suo ex alunno Jesse Pinkman, per poter lasciare un fondo per la sua famiglia al momento della sua morte. Man mano che produce met, aumenta la purezza del prodotto e quindi la richiesta, innescando così un meccanismo all’interno dell’impero della droga di Gus Fring, apparente uomo timido, direttore della catena Los Pollos Hermano. A complicare le cose è suo cognato, Hank Schrader, agente della DEA che inizia ad indagare sulla nuova metanfetamina blu, tanto in voga ad Albuquerque.

Ogni stagione è sempre più avvincente, l’evoluzione di Walter White da uomo insoddisfatto e noioso, a produttore di grandi quantitativi di droga alle dipendenze di Gus, fino ad arrivare alla trasformazione completa, che evitiamo di specificare per non spoilerare troppo, anche se si può ben intuire. A pari passo va anche il rapporto non sempre idilliaco con Jesse, che diventa quasi un figlio per Walt, lo educa all’arte culinaria simpaticomimetica, lo aiuta, lo protegge, forse anche più di quello che fa con la sua famiglia.

L’escalation finale di tutti questi elementi si ha nella quinta ed ultima stagione: la prima metà forse pecca di lentezza, ma la seconda metà vale tutte le stagioni precedenti, caratterizzata da un continuo salire di avvenimenti, emozioni e colpi di scena, per arrivare alla tanto attesa conclusione che conferma le caratteristiche che si sono venute a delineare nel corso delle vicende.

Partita in sordina e come esperimento, la serie ormai è diventata di culto da inserire tra le migliori profotte fino ad ora. Bryan Cranston, che abbiamo conosciuto in Malcolm, impareggiabile e immenso, ha portato al limite ogni suo interpretazione, regalando al pubblico un personaggio del quale ci si scorderà difficilmente e che alla vista di un camper ci faccia dire “Let’s cook!” con il sorriso sulle labbra.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext