2011
16 Recensioni su

Black Mirror

/ 20118.5514 voti
Black Mirror

Altro Capolavoro / 15 Gennaio 2019 in Black Mirror

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Credo che l’unica puntata che non mi sia piaciuta sia quella in bianco e nero coi cani robot, quella puntata è l’unica che non mi ha lasciato nulla. Ho capito il significato ma niente di più. Mentre il resto è pura poesia, puro genio! Tutto è bellissimo, commovente a volte e agghiacciante in altri momenti. Da vedere!

Uno specchietto per le allodole / 1 Ottobre 2018 in Black Mirror

Se si parla di Black Mirror di certo non si può negare l’attenzione per ogni dettaglio che viene messa in ogni puntata, in ogni singola storia… inoltre la serie gode di una fotografia, una regia, una recitazione e qualsiasi altro tecnicismo perfetti. Ma allora perché non mi è piaciuta questa serie? Perché non mi ha coinvolto? La risposta è semplice: per quanto ogni puntata goda di una sceneggiatura perfetta e non risulti mai noiosa, con risvolti invece sempre in grado di sorprendere lo spettatore, rimane di fondo un problema veramente grande, che va a intaccare ogni puntata, ogni stagione e lo spirito dell’intera serie televisiva: i messaggi di fondo che vogliono lasciare gli episodi, queste piccole lezioni, queste morali, o a volte queste predizioni del futuro dettato dalla nostra società o dalla tecnologia, altro non sono che delle immense idiozie, delle cose assolutamente non vere, delle invenzioni della serie tv che cerca di demonizzare qualsiasi cosa finendo, a mio parere, con il ridicolizzarsi da sole. Nella prima puntata della prima stagione in realtà la morale sarebbe anche corretta (ma al contrario qui troviamo lo svolgimento che è completamente assurdo), se non fosse che è una cosa scontata, si mostra semplicemente una reazione normalissima che il genere umano avrebbe e anche se molti dicono che è una cosa degradante, io credo che ogni persona in quella puntata abbia vissuto questa esperienza (di cui non farò spoiler) con asprezza e che quindi il cuore ce lo abbiamo tutti, è il cervello che manca a chi crede che un futuro del genere possa arrivare. Insomma, le allodole sono gli spettatori e quelli che scrivono queste puntate probabilmente sono dei geni che prevedono non il futuro ma le reazioni degli spettatori più facilmente suggestionabili.

Leggi tutto

Recensione a seguito della visione di 4×01 / 2 Gennaio 2018 in Black Mirror

Seguo BLACK MIRROR sin dall’esordio della serie, in lingua originale. Ricordo ancora dopo la visione della prima puntata di aver esclamato: HOLY SHIT! e continuato a guardare la seconda puntata. Le prime due serie ti prendono e ti catapultano in un mondo parallelo dove cose fuori dal normale (contemporaneo) accadono e capisci purtroppo che ciò che accade è soltanto una esagerazione di ciò verso cui la società sta andando in contro. La serie enfatizza fino alla esagerazione molte delle caratteristiche della società moderna, presentando allo spettatore un “universo parallelo” che pone la nostra mente a quesiti, pensieri e riflessioni che senza dubbio non possono passare inosservati.
Alcune storie della terza stagione, per me, non hanno mostrato abbastanza carattere e soltanto pochi episodi hanno creato le stesse sensazioni di malessere e riflessione scatenate dagli episodi precedenti. Sono rimasta colpita dalla cattiveria mista a “divertimento” espressa dalla trama dell’episodio Shut up and dance, che può senz’altro impressionare il pubblico con la perfidia intrinseca del racconto.
Ed oggi, dopo aver guardato il primo episodio della 4° stagione, posso nuovamente esclamare “AH!” in cui il malessere e la ritrovata ansia fanno da padroni. [to be continued…]

Leggi tutto

Capolavoro (a parte la 5 stagione) / 25 Settembre 2017 in Black Mirror

scopiazzo da @stefania per fare i miei voti :

Prima stagione
The National Anthem: 10 (giusto x iniziare col botto)
Fifteen Million Merits: 7 (originalissimo)
The Entire History of You: 10 (geniale)

Seconda stagione
Be Right Back: 8 ( Lacrimoni)
White Bear: 5 – (unica insufficienza dei primi sei)
The Waldo Moment: 9 (Movimento 5 Orsi)

Episodio speciale
White Christmas: 4 – c’ho capito poco io o è mal spiegato

Terza stagione
Nosedive: 10 (e ci arriveremo presto)
Playtest: 9 (un voto in più perchè sono cresciuto a pane e Resident Evil !)
Shut Up and Dance:10 (veramente scioccante)
San Junipero: 9 ( Lacrimoni – bis .Anche qui un voto in più perchè “Heaven is a place on earth” sul finale , è qualcosa più che un semplice un colpo di genio)
Men Against Fire: 5 (seconda insufficienza)
Hated in the Nation: 9 ( da 10 se il finale della biondina fosse stato…”diverso”)

Quarta Stagione
USS Callister 10 ( altro inizio col botto)
Arkangel 6 (sufficienza stiracchiata)
Crocodile 4 (forse l’episodio peggiore mai fatto)
Hang the DJ 5 ( non mi ha lasciato nulla)
Metalhead 5 (non mi è piaciuto il total black&white e l’episodio non ha ne capo ne coda.Troppo comodo)
Black Museum 9 ( stiamo esagerando con le “forzature” tecnologiche, ma ci sta. Gran chiusura)

Quinta stagione:
Striking Vipers 5 (si vabbè…quindi? )
Smithereens 7 (l’unico dei tre nuovi con ancora qualcosa di “blackmirroresco”)
Rachel, Jack e Ashley Too 3 ( schifo totale : trama, target, recitazione, clichè)

(Stag 1-4)
La quarta stagione mi ha dato l’impressione che inizino a essere un pò a corto di idee….
Che può starci.
Passo da 10 a 9 , come voto totale…
(Stag 5)
La quinta stagione mi ha confermato la sensazione che avevo dopo la 4 : le idee , scarseggiano o sono finite.
E non per Miley Cyrus , non me ne frega niente se c’è Miley Cyrus. Fa proprio schifo l’episodio,insieme alla pochezza di tutta la stagione (salvata solo in parte da Smithreens)

A livello generale : serie imperdibile su dove ci potrebbero portare (o ci porteranno?) le nuove tecnologie e/o i loro usi a scopi destabilizzanti / criminali
W Black Mirror , vorrei un episodio a settimana!

Leggi tutto

Che merda / 3 Settembre 2017 in Black Mirror

Fa cagare, penoso e da evitare manco fosse la peste bubbonica

Apice delle serie televisive / 11 Gennaio 2017 in Black Mirror

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Questa è una di quelle serie televisive che fa toccare con mano il raggiungimento del cinema da parte del piccolo schermo. E lo fa tramite una serie di mini-film, in effetti: ogni puntata è indipendente dalle restanti, connesse tra loro soltanto dal tema uomo-tecnologia/téchne, uno dei capisaldi della riflessione filosofica di tutti i tempi,
Maggior merito della serie è mostrare l’imminenza del cambiamento: non vi è un futuro lontano, un uomo scaraventato secoli al di là del presente; si parla di ora, la società attuale, o di poco cambiata. La maggior parte delle puntate è centrata in effetti in un singolo cambiamento tecnologico, e le conseguenze che esso apporta. Non è lontana dalla realtà la maggior parte delle innovazioni mostrate: sugli impianti mnemonici, ad esempio, si è al lavoro; e i fenomeni derivanti dai social network sono già palpabili (e per questo ho adorato Nosedive e Hated in the Nation ). Delicati temi bioetici sono rappresentati sullo schermo, per un grande pubblico attento: dalla clonazione (Be Right Back), alla Singolarità (non a caso citata nel corso della puntata, Playtest), alla ancor più controversa possibilità di staccare la mente dal corpo, per un “mind uploading” in un mondo virtuale (San Junipero).
Al di là di questo già grande merito, siamo dinanzi a puntate ben congegnate nel lato tecnico, registico, fotografico. L’unica pecca che mi viene da contestare è la prevedibilità di alcune puntate (ad es. in White Christmas, o Men Against Fire), ma per i temi mostrati andrebbe usato da base per un corso di filosofia e tecnica.

Leggi tutto

Il meglio / 13 Novembre 2016 in Black Mirror

Non una serie tv ma una raccolta di cortometraggi di durata variabile e indipendenti l’uni dall’altro. Si tratta di piccoli capolavori che fanno riflettere su quello che molto probabilmente sarà il futuro prossimo con evidenti riferimenti a situazioni già in essere. Ho appena finito la terza serie ed è stata magnifica. Da vedere.

Splendida distopia / 22 Ottobre 2016 in Black Mirror

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Prime due stagioni da sturbo: ho incrociato Black Mirror quasi per caso, diversi anni fa, sentendo ampiamente parlare delle “profezie” politiche dell’episodio The Waldo Moment.
Mai avrei creduto, ai tempi, di trovarmi di fronte ad una serie tv di tale qualità: sceneggiature, suggestioni, scenografie, design sfiorano l’eccellenza.
Ciò che amo di più in questo prodotto televisivo è il senso di disagio suggerito da ogni vicenda autoconclusiva coniugato al senso di fascinazione estetica che sottende la serie: pur ambientati in un futuro non meglio precisato, tutti gli episodi suggeriscono che il sopravvento tecnocratico è dietro l’angolo, se non già in atto, grazie anche ad una rappresentazione dei congegni tecnologici futuribile, ma “accettabile”, plausibile, insomma.

Nel 2015, alla notizia che il suo creatore, Charlie Brooker, aveva accettato di scrivere ben 12 nuovi episodi per Netflix, mi sono allarmata: 12 episodi? Tutti d’un botto? Ciascuna delle prime due stagioni ne annovera solo 3. L’ultimo episodio, l’extra natalizio con Jon Hamm, risale al 2014.
Brooker riuscirà a mantenere alta la qualità della serie tv, senza scadere in ripetizioni, appiattimenti, semplificazioni?
Alla luce del primo episodio della terza stagione, le mie paure si sono dissolte, per fortuna: Nosedive è entrato di gran carriera tra gli episodi di Black Mirror che apprezzo di più.

Prima stagione
The National Anthem: 9
Fifteen Million Merits: 9
The Entire History of You: 10

Seconda stagione
Be Right Back: 10
White Bear: 8
The Waldo Moment: 7 e 1/2

Episodio speciale
White Christmas: 10

Terza stagione
Nosedive: 10
Playtest: 7 e 1/2
Shut Up and Dance: 8
San Junipero: 7 e 1/2
Men Against Fire: 8
Hated in the Nation: 8 e 1/2

Quarta stagione
(in ordine di visione)
Arkangel: 8 e 1/2
Al di là della tecnologia usata, basata su un sofisticatissimo impianto neurologico, siamo davvero vicinissimi a quanto descritto in questo episodio. Proprio in questi giorni, in tv, passa la pubblicità di una nota compagnia di telecomunicazioni che parla di “aggeggi” da attaccare a figli, animali domestici, borse e veicoli per rintracciarli a distanza. Paiura!
Nota: mi pare che l’interfaccia usata per consultare la “cronologia” della mente della ragazzina sia estremamente simile a quella dell’episodio The Entire History of You: mi sbaglio? 🙂

Crocodile: 8
Bel thriller, quasi un western, grazie alla mano di John Hillcoat, che sfrutta il contesto islandese, fatto di ghiacci e ampi spazi aperti, per sottolineare l’alienazione e la progressiva perdita di umanità della protagonista. Curioso che la tecnologia, qui, pur molto avanzata (a dispetto del visore di ricordi, quasi un visore per diapositive vintage) sia abbastanza defilata: sì, ha il suo peso, ma, a dispetto di altri apparati tecnologici, mi è sembrato molto relativo, dato che le indagini dell’assicuratrice sembrano basarsi decisamente sulle sue capacità intuitive. Il finale mi ha ricordato quello del film Malice – Il sospetto (1993) di Harold Becker https://www.nientepopcorn.it/film/malice-il-sospetto/

USS Callister: 8 e 1/2
(spoiler spoiler spoiler)
Col suo tono surreale, questo è, finora, l’episodio di Black Mirror che mi ha divertito di più: è una specie di Toy Story in cui i giocattoli sono sostituiti da cloni digitali coscienti. Però, mi ha ricordato anche i temi di Westworld, per via della possibilità di “fare quello che si vuole” coi cloni.
L’insieme è ironico, anche per via della scelta di citare l’estetica di un cult sci-fi come Star Trek, ma l’ho trovato altamente inquietante, perché mette in scena le frustrazioni (sociali, emotive, sessuali) di una persona intelligente, ma succube dei piccoli maltrattamenti che subisce quotidianamente, capace di vendicarsi in maniera puerile ma crudele, a testimonianza e a riprova della sua immaturità psicologica.
Il finale, poi, è davvero tragico. Se, da un lato, si gioisce per un motivo, dall’altro… ci scappa il morto (o il comatoso, sul destino del giocatore non sono sicurissima).

Hang the DJ: 7
Metalhead: 7 e 1/2
Black Museum: 7

Quinta stagione
(in ordine di visione)
[Aggiornamento del 12 giugno 2019]
Striking Vipers: 7
Smithereens: 8
Rachel, Jack and Ashley Too: 5

Faccio un breve ragionamento complessivo sull’intera stagione.
In questo ciclo di episodi, mi pare evidente che la realtà si stia appaiando pericolosamente alla fantasia (e viceversa). Black Mirror ha perso la sua aura profetica e vaticinante, perché mi pare resti molto poco da immaginare sull’uso (e abuso) che l’uomo sta facendo della tecnologia, a partire dalle sue forme più elementari (vedi, Smithereens, secondo me l’episodio migliore del terzetto). Questo “spettro” era emerso fin dalla terza stagione, come emerge dai commenti in coda a questa recensione… in progress. L’elemento più spiazzante e caratterizzante della serie di Brooker (che temeva questo momento già diversi anni fa) era la capacità di unire tecnologie raffinate a paure “semplici”. Adesso, il futuro è qui e a Black Mirror non resta che farcelo notare, come un “banale” telefilm di cronaca. Credo che Rachel, Jack and Ashley Too sia l’esempio più lampante di questo appiattimento/di questa coincidenza. La tecnologia digitale, qui, non è pervasiva in maniera inquietante (neanche quando ha applicazioni “mediche”), ma è un elemento che connota il quotidiano andandoci a braccetto: il pupazzo di Miley Cyrus è un gadget che, nonostante le sue caratteristiche sopra la norma, non stupisce particolarmente né i personaggi dell’episodio, né il pubblico, perché funziona come un feticcio della fantascienza tradizionale, come una specie di C3-PO (relativamente familiare, quindi) e nulla più. Tanto che la struttura stessa dell’episodio (pieno di -spero volute e non involontarie e quindi sconfortanti- semplificazioni narrative) ricorda quella della puntata pilota di un vecchio telefilm anni Ottanta/Novanta.
Penso che il progetto possa fermarsi qui. Ha assolto pienamente il suo compito e credo che questa didascalica stagione sia la non affatto deludente conclusione di un’epoca.

Leggi tutto

. / 1 Giugno 2016 in Black Mirror

Stavo cercando delle nuove serie TV HORROR da guardare e, naturalmente, sono capitata sul sito sbagliato, che non ha la più pallida idea di cosa sia un horror. A me il genere fantascientifico non piace (eccetto in rarissimi casi), soprattutto se è ai limiti del surreale come questa. Se poi sono ricchi di luoghi comuni mi piacciono ancora meno.
Visto il primo episodio, che è pure accettabile, e visti il secondo e il terzo, che sono noiosi in modo snervante, metto la parola “fine” con questa miniserie.
«Se guardate “Black Mirror” non dormirete la notte» diceva il sito in cui l’ho trovato. Strano, io mi sono addormentata guardandolo!

Leggi tutto

Interessante da far riflettere / 14 Maggio 2016 in Black Mirror

Ottima intuizione,non mi stupisco che sia inglese,il fatto che siano episodi a se la rende anche più interessante

Black Mirror – Nero riflesso dell’animo umano / 6 Maggio 2016 in Black Mirror

E’ sicuramente una delle cose più innovative degli ultimi anni. Ogni singolo spettatore può anche decidere di iniziare dall’ultimo episodio della seconda stagione o dallo speciale di Natale, non ha importanza. Il comun denominatore che lega i singoli episodi non è la storia ma la tecnologia; un sottile filo che tuttavia tiene salda l’intera seria, più forte di alcune serie classiche. Inoltre gli scenari non sono irreali o distopici ma del tutto plausibili in un prossimo futuro dove la tecnologia diventa padrona di muovere la realtà. La satira sociale penetra ogni episodio, si diffonde pian piano per poi devastarti nei minuti conclusivi dove le situazioni non sono così lontane dal nostro stato attuale. Oggi tutti noi in un certo senso siamo di fronte ad uno “specchio nero”, lo schermo di uno smartphone, di un computer, di un tablet, di una TV, non sono altro che strumenti che trasformano l’irreale in qualcosa di reale. Black Mirror diventa un profeta al riguardo analizzando prima ciò che oggi siamo, quello che stiamo per diventare e quello che inevitabilmente saremo. La tecnologia non è mai positiva; anche quando sembra recare una sorta di vantaggio o sollievo in realtà risulta una vera e propria tortura fisica e mentale. Le alternative sono liberarsene o conviverci.

Articolo completo: http://nextreviews.altervista.org/black-mirror-nero-riflesso-animo-umano/

Leggi tutto

Un capolavoro / 22 Maggio 2015 in Black Mirror

Credo che sia la miglior serie tv inglese. Per me segna il crocevia delle serie tv distopiche!Charlie Brooker si è davvero superato in questa opera.

11 Aprile 2015 in Black Mirror

Black Mirror è una serie composta da due serie (da tre episodi l’una) più uno speciale di Natale scritta da Charlie Brooker e girata da molteplici registi, ognuno impiegato in una diversa puntata.
Black Mirror “Lo specchio nero”, trasmesso in Italia su Sky Cinema 1, si arma di un taglio fantascientifico per raccontare le nuove tecnologie e il loro rapporto con la società e l’uomo moderno. Una serie televisiva intrigante, intelligente e a tratti persino cinica, che riesce con ogni episodio (probabilmente i più fiacchi sono il 1×01 e il 2×03) a cogliere nel segno tutto il potenziale distruttivo e malato di questi congegni sulla vita delle persone. Esperienze di 45 minuti circa, ricche di pathos, empatia e un colpo di scena finale che lascia puntualmente senza fiato.

Leggi tutto

Da un bah a un wow! / 27 Marzo 2015 in Black Mirror

Lo devo ammettere la prima puntata è quella che mi è piaciuta meno: okay, l’ho guardata con il mio ragazzo che si stava annoiando e mi voleva distrarre, ma, detto ciò, non mi è piaciuta. Beh, solo quella, però. Le altre, tutte, nessuna esclusa, le ho trovate semplicemente pazzesche e stupende. In particolare 15 Milioni di Celebrità. Assolutamente la migliore, sebbene tutte le successive puntate vadano viste per apprezzarne la bellezza.
Vi consiglio vivamente di guardare questa seria, per comprendere meglio come la nostra stessa società odierna sia devastante per il genere umano, sebbene la tecnologia ci sia molto utile.
Black Mirror è un perfetto specchio di una realtà completamente tecnologica e imperfetta.

Leggi tutto

Ho paura per quanto è realistica. / 29 Gennaio 2015 in Black Mirror

Voto puntate:
PRIMA STAGIONE -Puntata 1: voto 9
-Puntata 2: voto 10
-Puntata 3: voto 8

SECONDA STAGIONE -Puntata 1: voto 8
-Puntata 2: voto 10
-Puntata 3: voto 8

-Puntata speciale natalizia: voto 10

TERZA STAGIONE: -Puntata 1: voto 9
-Puntata 2: voto 8
-Puntata 3: voto 9
-Puntata 4: voto 8
-Puntata 5: voto 7
-Puntata 6: voto 8

Serie praticamente perfetta, di come la tecnologia ci ucciderà e ci sta già uccidendo tutt’oggi. Capolavoro.

Leggi tutto

21 Luglio 2013 in Black Mirror

A legare fra loro i vari episodi di Black Mirror non sono i media e la tecnologia in quanto tematica, ma in quanto prospettiva o punto di vista: essi rappresentano lo “specchio” più fedele per l’uomo del nuovo millennio, capace di mostrare le ombre che si annidano in ognuno di noi (l’immagine dello specchio vuole coinvolgerci in maniera diretta, personale, intima) in quanto anesteticamente immersi nella società. Leggiamo allora Black Mirror non come mera critica alla società di massa – benché essa rappresenti in effetti il nemico, l’alterità (nella forma del volto o della maschera), il mostro costante di tutti gli episodi –, ma come spietato riflesso della problematica creatura sociale che siamo.
Viene sfruttato un meccanismo preciso e ben gestito, che consiste nel forzare le logiche della comunicazione fino a distorcerle e a farle esplodere nella loro paradossalità. Ecco perché il genere proprio di questa serie – non per le tematiche trattate ma in quanto dimensione di senso – è quello fantascientifico, meglio capace di veicolare la logica dell’assurdo: “15 Millions of Merits” stupisce proprio per la pervasività del suo immaginario distropico, mentre “The National Anthem” e “The Waldo Moment” sono gli episodi meno potenti sia da un punto di vista estetico-espressivo, sia tematico, proprio perché ambientati in una realtà troppo vicina alla nostra e meno adatta a ergersi a specchio deformante. “15 Millions of Merits” rappresenta dunque, a mio parere, il miglior episodio della serie, nonché quello maggiormente capace di esprimerne i pregi sopraddetti e alcune debolezze di base: una presentazione troppo esplicita delle tematiche proposte; uno stile che si vuole tragico-solenne e che troppo spesso scivola nel moralismo, soffocando ogni traccia di ironia – ingrediente pericoloso e difficile da gestire, ma è proprio quanto mi sarei aspettato dal genio di Charlie Brooker.
Ironia e assurdo dovrebbero essere le parole chiave di questa operazione, perché Black Mirror è soprattutto questo: il paradosso di una potente denuncia ai mezzi di comunicazione veicolata proprio da una serie tv, da internet e da questa stessa recensione.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.

Stagione 1

1x1 - Messaggio al primo ministro

ll primo ministro inglese Michael Callow viene svegliato con delle pessime notizie: la principessa Susannah è stata rapita. Come se non fosse già di per sé una cosa terribile i rapitori hanno una richiesta incredibilmente particolare e umiliante.

GUEST STAR: Rory Kinnear, Lindsay Duncan, Tom Goodman-Hill, Donald Sumpter, Lydia Wilson, Anna Wilson-Jones, Alastair MacKenzie
AUTORE: Charlie Brooker
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2011-12-04

1x2 - 15 milioni di celebrità

In un futuro lontano la gente è costretta a vivere all'interno di una sorta di prigione collettiva, confortevole e tecnologicamente avanzata, con il solo compito di pedalare ogni giorno su delle cyclette, guadagnando punti da spendere in viveri o in oggetti virtuali privi di valore.

GUEST STAR: Julia Davis, Rupert Everett, Daniel Kaluuya, Jessica Brown-Findlay, Allen Leech, Ashley Thomas, Paul Popplewell
AUTORE: Charlie Brooker, Konnie Huq
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2011-12-11

1x3 - Ricordi pericolosi

Grazie all'impianto di un microchip immediatamente dietro le orecchie è possibile recuperare un determinato ricordo e riprodurlo su un dispositivo multimediale. Succede a Liam, che ha appena sostenuto un colloquio di lavoro e non è convinto di aver fatto una buona impressione. Lo stesso giorno, a una cena, comincia ad accorgersi che sua moglie Ffion ha ristabilito una certa intimità con un suo vecchio fidanzato, Jonas.

GUEST STAR: Toby Kebbell, Jodie Whittaker, Tom Cullen
AUTORE: Jesse Armstrong
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2011-12-18

Stagione 2

2x1 - Torna da me

Martha e Ash sono una giovane coppia che si trasferisce in un cottage fuori città. Il giorno dopo il trasloco, quando Ash sta restituendo il furgone affittato per spostare i mobili viene assassinato. Al funerale l'amica di Martha, Sarah, le parla di un servizio in grado di mantenere i contatti con i defunti. Usando tutte le comunicazioni online e i profili sui social network di Ash, l'agenzia può creare un nuovo Ash. All'inizio Martha trova l'idea terribile e sconcertante, ma in un momento di debolezza decide di parlare al nuovo Ash..

GUEST STAR: , Domhnall Gleeson, Hayley Atwell,
AUTORE: , Charlie Brooker,
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2013-02-11

2x2 - Orso bianco

Victoria si sveglia una mattina e scopre di non ricordare niente della sua vita. Tutti quelli che incontra si rifiutano di darle informazioni e si divertono a riprendere il suo stato confusionale con i loro telefoni cellulari. Victoria incontra Jem, che le spiega cosa sta succedendo: in seguito all'emissione di un segnale, la maggior parte della popolazione si è trasformata in una sorta di involucri vuoti. Questo stato delle cose ha generato la nascita dei "cacciatori", persone che non subiscono il segnale, che si divertono a tormentare chi invece è come Victoria e Jem. Le due uniscono le loro forze per distruggere il trasmettitore, ma riusciranno nel loro intento? E soprattutto, potranno riavere indietro la loro vita?

GUEST STAR: , Lenora Crichlow, Michael Smiley, Ian Bonar, Tuppence Middleton,
AUTORE: , Charlie Brooker,
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2013-02-18

2x3 - Vota Waldo!

Waldo è un orso blu, un cartone CGI protagonista di uno show per bambini, in realtà Waldo è un personaggio anarchico di un programma satirico che va in onda in seconda serata. Dietro le quinte Waldo è controllato da Jamie Salter, un comico fallito. Quando il network decide di affidare a Waldo una serie tutta sua, la produzione organizza una sfida politica tra Waldo e una delle sue "vittime", Liam Monroe. Ma Jamie non si sente a suo agio nell'ambiente politico, vede sé stesso come un clown, purtroppo una volta che l'ingranaggio è in moto non c'è verso di fermarlo.

GUEST STAR: , Daniel Rigby, Tobias Menzies, Jason Flemyng, Chloe Pirrie, Daniel Tatarsky,
AUTORE: , Charlie Brooker,
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2013-02-25

Stagione 3

3x1 - Caduta libera

Una donna determinata a scalare la classifica dei social media fa bingo quando è invitata a un matrimonio alla moda. Peccato che le cose non vadano come previsto.

GUEST STAR: , Bryce Dallas Howard, Alice Eve, James Norton,
AUTORE: , Rashida Jones, Mike Schur,
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2016-10-21

3x2 - Giochi pericolosi

Quando uno squattrinato viaggiatore americano si offre di testare un nuovo e rivoluzionario videogame, scopre che gli effetti sono oltremodo reali.

GUEST STAR: , Wyatt Russell, Hannah John-Kamen,
AUTORE: Charlie Brooker
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2016-10-21

3x3 - Zitto e balla

Quando il suo computer è infettato da un virus, un ragazzo deve scegliere se eseguire gli ordini ricevuti per sms o rischiare che i suoi intimi segreti siano rivelati.

GUEST STAR: , Jerome Flynn, Alex Lawther,
AUTORE: Charlie Brooker
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2016-10-21

3x4 - San Junipero

1987, in una località marittima, una giovane donna introversa sviluppa con un'esuberante coetanea un legame che sfida le leggi dello spazio e del tempo.

GUEST STAR: , Gugu Mbatha-Raw, Mackenzie Davis,
AUTORE: Charlie Brooker
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2016-10-21

3x5 - Gli uomini e il fuoco

Dopo il primo scontro con un nemico sfuggente, un soldato è vittima di sensazioni sconosciute e strani difetti di funzionamento.

GUEST STAR: , Michael Kelly, Malachi Kirby, Madeline Brewer,
AUTORE: Charlie Brooker
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2016-10-21

3x6 - Odio universale

La morte di una giornalista al centro di una tempesta sui social porta un'esperta detective e il suo braccio destro high-tech a una scoperta agghiacciante.

GUEST STAR: Kelly MacDonald, Faye Marsay
AUTORE: Charlie Brooker
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2016-10-21

Stagione 4

4x1 - USS Callister

Il capitano Robert Daly guida il suo equipaggio con coraggio e saggezza, ma la sua nuova recluta presto scopre che nulla è come sembra su quell'astronave.

GUEST STAR: Jesse Plemons, Cristin Milioti, Jimmi Simpson, Michaela Coel
AUTORE: Charlie Brooker, William Bridges
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2017-12-29

4x2 - Arkangel

Marie, madre single, è preoccupata per la sicurezza della sua bambina e si serve di un dispositivo ultratecnologico per controllarne i movimenti... e non solo questo.

GUEST STAR: Rosemarie DeWitt, Brenna Harding, Owen Teague
AUTORE: Charlie Brooker
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2017-12-29

4x3 - Crocodile

L'architetta Mia fa di tutto per non svelare un terribile segreto, mentre l'investigatrice assicurativa Shazia raccoglie i ricordi di varie persone su un incidente.

GUEST STAR: Andrea Riseborough, Andrew Gower, Kiran Sonia Sawar
AUTORE: Charlie Brooker
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2017-12-29

4x4 - Hang the DJ

Dopo essere stati abbinati da un programma che mette una data di scadenza di ogni relazione, Frank e Amy incominciano a dubitarne della logica di questo sistema.

GUEST STAR: Georgina Campbell, Joe Cole, George Blagden
AUTORE: Charlie Brooker
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2017-12-29

4x5 - Metalhead

Alcune persone in cerca di provviste in un magazzino abbandonato incontrano uno spietato nemico e, per mettersi in salvo, fuggono attraverso una landa desolata.

GUEST STAR: Maxine Peake, Jake Davies, Clint Dyer
AUTORE: Charlie Brooker
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2017-12-29

4x6 - Black Museum

Una persona in viaggio su un'autostrada polverosa visita per caso un museo che mette in mostra rari cimeli criminali e un'attrazione principale davvero inquietante.

GUEST STAR: Douglas Hodge, Letitia Wright, Babs Olusanmokun
AUTORE: Charlie Brooker
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2017-12-29

Stagione 5

5x1 - Striking Vipers

Quando gli ex compagni di studi Danny e Karl si ritrovano in una versione VR del loro videogioco preferito, le lunghe partite notturne portano ad una scoperta inaspettata.

GUEST STAR: , Anthony Mackie, Nicole Beharie, Yahya Abdul-Mateen II, Pom Klementieff, Ludi Lin,
AUTORE: , Charlie Brooker,
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2019-06-05

5x2 - Smithereens

Un autista di car sharing londinese scatena una crisi internazionale quando rapisce un dipendente di una società di social media.

GUEST STAR: , Andrew Scott, Topher Grace, Damson Idris,
AUTORE: , Charlie Brooker,
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2019-06-05

5x3 - Rachel, Jack e Ashley Too

Un'adolescente solitaria è ossessionata dalla bambola robot con le sembianze della sua pop star preferita, Ashley O, mentre la vita della vera Ashley comincia a sgretolarsi.

GUEST STAR: , Miley Cyrus, Susan Pourfar, Angourie Rice, Madison Davenport,
AUTORE: , Charlie Brooker,
DATA DELLA PRIMA MESSA IN ONDA 2019-06-05