?>Recensione | American Horror Story | Recensione in continuo...

Recensione su American Horror Story

/ 20117.6318 voti

Recensione in continuo aggiornamento. / 25 maggio 2014 in American Horror Story

Stagione 1 (La Casa Stregata): voto 7, per la novità e per la sigla iniziale.

Stagione 2 (L’ospedale Psichiatrico): voto 10, per me è la più disturbante e la più macabra di tutte le serie trasmesse finora, lo splatter scorre a fiumi! Menzione speciale poi per la colonna sonora, semplicemente superba!

Stagione 3 (La Congrega): voto 7 meno. Un po’ sottotono rispetto alle altre, argomenti intriganti (stregoneria e voodoo) ma mi aspettavo qualcosina di più.

Stagione 4 (Il Circo degli Orrori): voto 9. Perfettamente all’altezza dei suoi predecessori e truculenta quasi come la stagione 2, che la batte di pochissimo.

Stagione 5 (L’hotel): voto 7. Meglio di quanto mi aspettassi: buon ritmo e storia interessante. Lady Gaga poi è stata una piacevole sorpresa, un po’ mono-espressiva magari, ma tutto sommato azzeccata nel ruolo affidatole. Per quanto mi riguarda, non fa rimpiangere la superlativa Jessica Lange.

Stagione 6 (Roanoke): voto 6 meno. Per me è la più deludente finora. Mi è piaciuto il fatto che sia stata suddivisa in due parti più o meno distinte, e le assegno una mezza sufficienza per alcune scene davvero d’effetto (ma c’è da dire che io sono una fifona, con me si vince facile), ma a parte questo devo ammettere che per la maggior parte del tempo mi sono annoiata. A parte l’elemento della casa stregata, ormai visto e rivisto, nessun personaggio mi è rimasto davvero impresso e gli attori mi sono sembrati anche abbastanza spaesati, specie Cuba Gooding Jr. e Lily Rabe. Non ci siamo, per me questa non è la strada giusta. Sono curiosa di vedere cosa si inventeranno per la stagione 7…

Stagione 7 (La setta): voto 6 meno meno. Giusto perché sono affezionata a questa serie e non mi va di mettere un 5. Deludente anche questa stagione, temi interessanti e attuali come la nuova ondata generale di intolleranza e fanatismo religioso, ma mi è sembrata troppo confusionaria, un non essere né carne né pesce. Evan Peters comunque è sempre molto bravo, così come Sarah Paulson, ma loro due da soli non bastano a salvare la baracca. Mi sa che per me AHS si chiude qui, e non in bellezza. Peccato.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext