La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

James Bond, l'agente 007, è la spia più famosa della storia del cinema: film, attori, colonne sonore, curiosità sulla filmografia di 007, da Sean Connery a Daniel Craig.

, di
La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

I film di James Bond: il successo della saga di 007

I film che raccontano le avventure di James Bond, l’agente segreto più conosciuto del mondo, sono un classico del cinema. E solo i classici si sanno rinnovare con stile e personalità.
Tutta la saga di Bond è un po’ come il cocktail preferito del suo protagonista, citato anche in una delle battute più famose di James Bond: “Un vodka Martini agitato, non mescolato”.
I film di 007 sono parte della cultura massmediale globale, perché da decenni James Bond non si mescola alle mode ma le detta, agitando i rumours su cast, registi, Bond Girl. Cambia il mondo, ma non cambiano la curiosità e l’attesa per il prossimo film di James Bond.
Indossato il nostro miglior abito scuro, vi racconteremo la storia e alcune storie di 007. Conoscete già tutta la filmografia (ufficiale e non) di 007, a partire dal primo film di James Bond distribuito nel 1962? Se non vedete l’ora che esca BOND 25 diretto da Cary J. Fukunaga e atteso nel 2020, iniziamo subito.

“Il mio nome è Bond, James Bond”: la storia

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

La copertina (particolarmente vissuta) di una prima edizione italiana Garzanti di ‘Casino Royale’ (‘Casinò Royal’, 1963)

La saga di James Bond è una serie di spionaggio nata dai romanzi e dai racconti dello scrittore inglese Ian Fleming che, pubblicati tra il 1953 e il 1970, raccontano le avventure dell’agente segreto con codice 007. Il mitico doppio zero sta per agente con licenza di uccidere. Bond lavora per l’MI6, il controspionaggio inglese che lotta contro organizzazioni nemiche internazionali come la SP.E.C.T.R.E (SMERSH, nei romanzi di Fleming). All’interno della gerarchia del controspionaggio di Sua Maestà, i codici identificativi sono ricorrenti. Per esempio, il boss di Bond si chiama M e il genio autore di tutti i suoi gadget ultra tecnologici è Q.
Tutta la saga di 007 si sviluppa intorno alle più svariate località del mondo, dalla Giamaica visitata nel primo film di James Bond, LICENZA DI UCCIDERE (Dr. No, 1962), passando per Turchia, Svizzera, Bahamas, Giappone, Brasile e Thailandia, fino al Messico e al Sudafrica del più recente SPECTRE. (2015).
Bond viaggia moltissimo e le sue storie creano un genere cinematografico dal respiro internazionale. Nella storia del cinema, ci sono molte tracce evidenti della sua influenza. Un esempio su tutti: il villain Ernst Stavro Blofeld è una figura-stereotipo del cattivone. Lui, la sua flemma diabolica e il suo gatto bianco sono stati anche oggetto di parodia. Ricordate Boss Artiglio e il suo gatto Satanasso nella serie tv animata franco-canadese-statunitense L’ISPETTORE GADGET (1983-1986) e nel live movie Disney con Matthew Broderick (1999)? Oppure, il Dottor Male della saga cinematografica di AUSTIN POWERS con Mike Myers iniziata nel 1997?

Le origini di 007: il James Bond di Ian Fleming

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

Ian Fleming nel 1963. Photo: CBS

Chi era Ian Fleming e da chi venne ispirato per caratterizzare il personaggio di James Bond? Di origini aristocratiche, Fleming (1908-1964) era un ragazzaccio di buona famiglia, figlio (e orfano dal 1917) di un deputato e ufficiale. Fin dalla giovinezza, il futuro scrittore è un giovane indisciplinato che la madre preferisce iscrivere il prima possibile all’Accademia Militare. I suoi risultati accademici non sono buoni, perché Fleming preferisce le donne e le avventure ai libri di scuola. Alla lista delle sue passioni, Fleming aggiunge presto le auto sportive e l’alcol. Come non cogliere in questi atteggiamenti i primi, precoci sintomi di jamesbondismo?
Si fa espellere dall’Accademia e la madre decide di spedirlo in Austria, dove si distrae con sport invernali e paesaggi di alta quota che, non a caso, ritorneranno nelle sue future ambientazioni letterarie.
A vent’anni, Fleming riprende con profitto gli studi e inizia a lavorare come giornalista, prima per l’Agenzia Reuters, poi come corrispondente estero per il Times. Ian è maturato ma trova il tempo di fondare il club di gioco d’azzardo Le Circle, non proprio un circolo di intellettuali. In LICENZA DI UCCIDERE, questo club è proprio il luogo della prima apparizione cinematografica di James Bond.

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

Ian Fleming e Sean Connery in Giamaica, sul set di ‘Licenza di uccidere’ (1962). Photo: Danjaq, LLC and United Artists Corporation

Fleming sperimenta sulla sua pelle alcune reali avventure di spionaggio, perché, nel 1939, diventa agente dei servizi segreti della Marina Britannica. Nel 1952, in viaggio di nozze, Fleming ruba qualche ora di tempo alla moglie Anne Geraldine Rothermere per scrivere Casino Royale, il primo dei suoi dodici libri su 007. Dieci anni dopo, esce il primo dei film per il cinema dedicati a James Bond. Solo due anni dopo, nel 1964, Fleming muore di infarto.
La sua è stata una vita ricca e spericolata, degna del personaggio che ne ha fatto uno scrittore di successo. E pensare che, all’epoca in cui Fleming elaborava il suo eroe, il James Bond più famoso non era 007 ma… un ornitologo! Infatti, Bond non è il primo nome a cui Ian Fleming aveva pensato durante la stesura di Casino Royale. Il protagonista avrebbe dovuto chiamarsi James Secretan, ma, in seguito, lo scrittore preferì dargli un nome più facile da memorizzare. Così, decise di copiare il nome di un ornitologo americano del ‘900 di cui era lettore. Il suo nome era proprio Bond, James Bond.

La filmografia ufficiale di James Bond: 1962-1971, Sean Connery è il primo 007

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

‘Licenza di uccidere’: è il 1962 e con Sean Connery in smoking nasce il mito cinematografico di James Bond

Con l’eccezione rappresentata da George Lazenby, l’attore australiano protagonista di un solo film della saga, AGENTE 007 – AL SERVIZIO SEGRETO DI SUA MAESTÀ (On Her Majesty’s Secret Service, 1969), i primi anni della filmografia di James Bond hanno il volto di Sean Connery. L’attore scozzese è lo 007 dei primi cinque titoli della saga ufficiale e il suo aspetto è quello che ha definito i canoni fisici del James Bond cinematografico.
Il primo film di 007, LICENZA DI UCCIDERE, si rivela un successo mondiale e segna l’inizio delle fortune della EON Production, la casa di produzione americana fondata da Albert R. Cubby Broccoli e Harry Saltzman nel 1961 per portare al cinema i romanzi di Fleming. Ancora oggi, la EON diretta da Barbara Broccoli, figlia di Cubby, produce tutti i film di 007.

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

Sean Connery e l’Aston Martin di Bond in ‘Missione Goldfinger’ (1964)

Dopo aver messo sotto contratto per cinque film l’inesperto ma talentuoso Connery, la EON decide di continuare ad adattare su pellicola le avventure di Bond scritte da Fleming. Dopo molta gavetta e lavori umili, il trentenne Connery (che circa dieci anni prima si era classificato terzo alle selezioni di Mister Universo), diventa un sex symbol e una star del cinema grazie a 007. Poco importava alle fan se, per via della calvizie, avesse recitato in quello e nei seguenti film con un toupet. Per eleganza, fascino e magnetismo dimostra di incarnare alla perfezione lo stile dell’agente più famoso e desiderato del mondo. Lo confermano anche i film successivi, DALLA RUSSIA CON AMORE (From Russia with Love, 1963) e MISSIONE GOLDFINGER (Goldfinger, 1964).
Il rapporto tra EON e l’attore di Edimburgo continua con THUNDERBALL: OPERAZIONE TUONO (Thunderball, 1965), attuale record al botteghino per la saga di 007, e SI VIVE SOLO DUE VOLTE (You Only Live Twice, 1967).

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

L’ultima apparizione (ufficiale) di Sean Connery con il tuxedo di Bond: ‘Una cascata di diamanti’ (1971)

Dopo avere passato il testimone a Lazenby per il sesto film di James Bond, Connery è di nuovo 007 in UNA CASCATA DI DIAMANTI (Diamonds Are Forever, 1971), a furor di popolo e per l’ultima volta in una produzione EON. Sean Connery sarebbe tornato a interpretare Bond? È proprio il caso di dire MAI DIRE MAI (Never Say Never Again), perché, nel 1983, Connery è ancora Bond nel film diretto da Irvin Kershner, uno dei film di 007 extra-EON incluso nella lista dei titoli unofficial all’interno della filmografia di James Bond.

1973-1989: gli 007 di Roger Moore e Timothy Dalton

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

Roger Moore e una giovane Jane Seymour in ‘Vivi e lascia morire’ (1973)

Nel 1971, una lunga trattativa sul contratto aveva fatto tornare Sean Connery su un set nei panni di Bond, ma non era un’avventura destinata a durare. Resisteva la voglia del pubblico di vedere al cinema nuovi film dell’agente 007. Nel 1973, un nuovo attore accetta di interpretare James Bond: è Roger Moore.
Il 45enne londinese esordisce nella filmografia di 007 con VIVI E LASCIA MORIRE (Live and Let Die, 1973) : il ruolo sembra fatto apposta per lui. Moore interpreta la parte in maniera più leggera di Connery, ma pubblico e critica, dapprima scettici come per la parentesi Lazenby, lo premiano, decretando per il suo Bond un enorme successo. Arriva un super incasso al botteghino: ben 161,8 milioni di dollari.
Partecipando a 7 film della saga, fra gli attori che hanno interpretato James Bond al cinema per più volte, Moore batte tutti. Nell’arco di pochi anni, recita ne L’UOMO DALLA PISTOLA D’ORO (The Man with the Golden Gun, 1974), LA SPIA CHE MI AMAVA (The Spy Who Loved Me, 1977) e MOONRAKER – OPERAZIONE SPAZIO (Moonraker, 1979). Ormai, James Bond è diventato un’icona che travolge come uno tsunami tutta la produzione del cinema d’azione anni ‘60 e ‘70.

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

Timothy Dalton è per l’ultima volta James Bond in ‘Vendetta privata’ (1989)

Negli 80’s, SOLO PER I TUOI OCCHI (For Your Eyes Only, 1981), il primo film della saga che non viene tratto da un romanzo di Fleming, OCTOPUSSY – OPERAZIONE PIOVRA (Octopussy, 1983) e BERSAGLIO MOBILE (A View to a Kill, 1985), registrano un leggero declino.
Il ruolo di 007 passa a un altro attore inglese, Timothy Dalton, che recita in due film diretti da John Glen, ZONA PERICOLO (The Living Daylights, 1987) e VENDETTA PRIVATA (Licence to Kill, 1989).
Una fase di stop dell’impegno della EON e una trattativa fallimentare per il rinnovo del contratto di Dalton, rimandano il ritorno del nuovo 007 alla metà degli anni ‘90.

1995 – 2002: il rilancio della serie di James Bond con “The O’Bond”, lo 007 di Pierce Brosnan

Abbiamo visto che, nel 1983, usciva MAI DIRE MAI, l’ultimo film con Sean Connery/James Bond. In quegli anni, tra l’82 e l’87, un attore irlandese recitava con successo in una serie investigativa americana chiamata MAI DIRE SÌ (Remington Steele). Titoli italiani simili: si trattava di un segnale? Decisamente! Perché quell’irlandese era Pierce Brosnan.

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

Un nuovo corso per James Bond: Pierce Brosnan è 007 in ‘GoldenEye’ (1995)

L’attore aveva già rifiutato di prendere il testimone di Roger Moore prima che la parte di James Bond fosse assegnata a Dalton. Dopo lo stop alla produzione della serie cinematografica ufficiale nell’89, Brosnan vuole tornare sui suoi passi e raccogliere l’importante eredità. 007 sta bussando alla sua porta: il rilancio della serie cinematografica viene fatto in grande stile con GOLDENEYE (1995).
Da questo momento, James Bond non è più quello a cui il pubblico si è abituato. La Guerra Fredda è finita, gli antagonisti e le atmosfere sono profondamente cambiate. L’assegnazione del ruolo a Brosnan, poi, desta perplessità per via della nazionalità del protagonista. Nessuno crede che il suo accento irlandese sia adatto per vestire i panni dell’inglese 007. Preoccupazioni esagerate: il nuovo O’Bond (così la critica britannica degli anni Novanta apostrofava con sarcasmo lo 007 di Brosnan) funziona. Il film vince al botteghino e Brosnan viene riconfermato per i due film successivi, IL DOMANI NON MUORE MAI (Tomorrow Never Dies, 1997) di Roger Spottiswoode e IL MONDO NON BASTA (The World Is Not Enough, 1999) di Michael Apted.

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

Halle Berry e Brosnan in ‘La morte può attendere’ (2002)

Il pubblico ripaga ampiamente la scommessa-Brosnan e decreta il successo del nuovo 007 in una veste rinnovata. Nel 2002, esce LA MORTE PUÒ ATTENDERE (Die Another Day) diretto da Lee Tamahori, ma, ormai, Brosnan è troppo vecchio per continuare a interpretare la parte di Bond.
Si decide di ripartire con un nuovo attore più giovane e il reset di tutta la trama della serie. James Bond non smette mai di stupire, aggiornarsi, cambiare.

2006 – 2015: Daniel Craig è il nuovo James Bond

L’ultimo film di 007 con Brosnan permette alla serie di raggiungere il traguardo dei 40 anni. C’è bisogno di un altro cambio di look. Da quale attore ripartire? La scelta non è facile. Al fianco di EON, entra in gioco la Sony e, forse, il cambio è il più radicale tra quelli fatti finora. E non solo nella trama.
È importante trovare un nuovo Bond che sia in grado di interpretare le novità attese dal mercato. La produzione fa un casting con oltre duecento attori. Tra i candidati, ci sono Eric Bana, Hugh Jackman, Gerard Butler e Clive Owen. Quest’ultimo sembra il più quotato, ma alla fine la spunta Daniel Craig.

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

Si cambia ancora: in ‘Casino Royale’ (2006), il nuovo James Bond è Daniel Craig

Con Craig, James Bond è di nuovo interpretato da un attore inglese, ma non è un ritorno che fa pensare allo stile disincantato di Roger Moore. Craig è un attore teatrale, conosciuto dalla critica, ma non altrettanto noto fra il grande pubblico. Il primo film di 007 con Daniel Craig è CASINO ROYALE (2006), diretto da Martin Campbell, già dietro la macchina da presa di GOLDENEYE con Brosnan. Il regista è un esperto nel rivisitare James Bond e, anche questa volta, Campbell vince la scommessa.
La trama di CASINO ROYALE riparte letteralmente dalle origini, dal primo titolo della serie di libri di 007 di Fleming, quello in cui Bond riceve la licenza di uccidere, e fa da reboot della saga, facendo spazio a un primo sequelQUANTUM OF SOLACE di Marc Forster esce nel 2008, consolidando l’appeal del Bond di Craig. Il nuovo Bond è molto diverso dai suoi predecessori: prima di essere una spia, lo 007 di Craig è un uomo che, nonostante la sua presenza di spirito e le sue abilità, è particolarmente reale e realistico, perché gli capita di fallire e soffrire. Con i film della saga interpretati da Craig, il pubblico apprende l’esistenza di un passato tormentato nella storia privata di Bond.

Daniel Craig è ancora James Bond in ‘Spectre’ (2015). Photo: Empire

Nel 2012, il cinquantesimo compleanno di James Bond si celebra davvero alla grande. Il 5 ottobre, in occasione del Global James Bond Day, su iTunes viene pubblicata la canzone originale del nuovo film, SKYFALL (2012) diretto da Sam Mendes), scritta da Thomas Newman, interpretata da Adele e premiata con Golden Globe e Oscar 2013. Il nuovo film di James Bond è un successo commerciale, musicale, cinematografico. Per la realizzazione del film, si spendono circa 200 milioni di dollari, ma gli incassi in tutto il mondo superano il miliardo. La critica è buona, Mendes viene confermato per girare il film successivo, SPECTRE (2015), e il budget per la realizzazione si alza ancora. Nonostante il calo degli incassi al di fuori dagli U.S.A., James Bond continua ad avere respiro internazionale e viene confermata la produzione del nuovo film di 007, BOND 25 (2020), con Craig ancora protagonista.
La dimensione industriale e culturale di 007, prima di quella strettamente cinematografica, è quella di un mito. Perché i miti non hanno confini, né nazionalità. E nemmeno capitoli conclusivi.

007: amici e nemici di James Bond

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

James Bond (Sean Connery) e Miss Moneypenny (Lois Maxwell)

Il mestiere della spia è difficile, perché è piena di zone d’ombra e, come se non bastasse, è affollata di doppiogiochisti. Le persone di cui Bond può fidarsi ciecamente sono poche, ma si tratta di alleati incredibili, come M (interpretato da attori come Judi Dench e Ralph Fiennes), Q (Desmond Llewelyn batte a mani basse John Cleese e Ben Whishaw, timbrando il cartellino in ben 17 film) e Bill Tanner (la sua ultima incarnazione è quella di Rory Kinnear) e, talvolta insospettabili, come la fedele e innamorata Miss Moneypenny, interpretata per la prima volta nel 1962 da Lois Maxwell.

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

James Bond (Roger Moore) e Squalo (Richard Kiel) in ‘La spia che mi amava’ (1977)

Ma sono i villain di 007 e i loro sgherri senza pietà a fare la fortuna della saga, quasi quanto il loro protagonista. Come dimenticare Squalo, interpretato da Richard Kiel, il tirapiedi coi denti d’acciaio al servizio di Karl Stromberg ne LA SPIA CHE MI AMAVA e di Hugo Drax in MOONRAKER, oppure l’imperturbabile Oddjob (Harold Sakata) di GOLDFINGER, che con la sua bombetta letale minaccia l’incolumità di statue di marmo e di Bond?
La lista di cattivi di 007 è molto eterogenea e abbonda di attori particolarmente famosi. Christopher Walken, Jonathan Pryce, Robert Carlyle, Mads Mikkelsen, Mathieu Amalric, Javier BardemChristoph Waltz sono solo alcuni degli antagonisti più perversi di Bond.

Le più famose Bond Girl della saga di 007

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

Ursula Andress e un bikini bianco che ha fatto la storia del cinema: ‘Missione Goldfinger’ (1965)

Ian Fleming e il suo agente segreto 007 gravitano intorno alle belle donne e all’avventura. La lunga filmografia di James Bond va ripercorsa anche attraverso i suoi personaggi femminili. Le 87 Bond Girl della saga di 007 hanno avuto ruoli centrali dentro il mito dell’agente con licenza di uccidere. Molte di loro vengono salvate da 007, altre sono nemiche di James Bond. Ma tutte sono veloci, intelligenti, affascinanti, letali, un elemento fondamentale della filmografia di Bond.
La prima Bond Girl del cinema è Eunice Gayson, ma Ursula Andress e il suo bikini bianco in GOLDFINGER sono impressi a fuoco nella storia del cinema e nell’immaginario collettivo.

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

Eva Green è Vesper Lynd in ‘Casino Royale’ (2006)

Dal 1962, sono cambiate le mode, i look, i canoni di bellezza, ma le attrici scelte per interpretare le Bond Girl di turno sanno sempre mozzare il fiato e mettere nei guai James Bond. La loro bellezza non ha latitudine: da quella mediterranea di Monica Bellucci a quella dell’ucraina Olga Kurylenko, dalle francesi Léa Seydoux, Corinne Clery Sophie Marceau alle americane Kim Basinger e Halle Berry, passando per l’androgina Grace Jones. Non esiste uno stereotipo di Bond Girl. Il loro peso narrativo è sempre controverso, ma il fascino e la bellezza sono unici. Avete presente lo sguardo assassino di Eva Green alias Vesper Lynd in CASINO ROYALE?

Attrici e attori italiani in 007

Tranquilli, non ci siamo dimenticati di Caterina Murino, Daniela Bianchi o Maria Grazia Cucinotta, killer spietato in IL MONDO NON BASTA.
Fin dagli anni ’60, James Bond è legato al cinema italiano non solo per via delle affascinanti Bond Girl. Anche diversi attori italiani hanno lavorato in ruoli di rilievo nella saga di 007. Giancarlo Giannini, per esempio, interpreta René Mathis, un alleato di James Bond prima in CASINO ROYALE, dove compare anche Claudio Santamaria, e, poi, in QUANTUM OF SOLACE , in cui recita anche Lucrezia Lante della Rovere.

Adolfo Celi è il perfido Emilio Largo in ‘Thunderball: operazione tuono’ (1965)

Pure l’eclettico attore e regista Adolfo Celi ha fatto parte della saga di 007. Per gli appassionati di commedia all’italiana, è impossibile non ricordarlo nella trilogia cinematografica di AMICI MIEI iniziata nel 1975. E come si possa passare dalla parte di Emilio Largo di THUNDERBALL al Professor Sassaroli è una curiosità per cui non troviamo risposte adeguate. Celi è stato un artista capace di lavorare in 90 film che spaziano dal cinema di autore di Luis Buñuel alle commedie di Monicelli e Steno, fino al blockbuster ante-litteram all’interno della serie di James Bond. Chissà se ci sarà mai un James Bond italiano… Noi ci accontenteremmo di avere un nuovo Adolfo Celi, e voi?

James Bond: remake, spin off e film non ufficiali su 007

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

Sean Connery è un attempato James Bond in ‘Mai dire mai’ (1983), film non ufficiale della saga di 007

MAI DIRE MAI con Sean Connery è il remake di THUNDERBALL, sempre con Connery, il film di maggior successo al botteghino tra quelli ufficiali della saga di James Bond. Ma perché c’è stato bisogno di girare di nuovo un film così riuscito, a distanza di pochi anni dal primo? Per colpa (e merito) di una battaglia legale sui diritti di James Bond, che è un’altra costante della serie e riguarda gli aspetti produttivi ed economici della saga di 007. Gli eredi di Ian Fleming vogliono maggiore voce in capitolo nella realizzazione dei film. La EON è potente ma poco efficace, e il brand 007 sta calando progressivamente di valore. Ci vuole una sterzata decisa: ne è artefice il regista Irvin Kershner. Sean Connery aveva deciso che non sarebbe stato mai più James Bond e il titolo del film in cui veste ancora il tuxedo di 007 (MAI DIRE MAI, appunto) è un ironico riferimento alla sua decisione. Dopo dodici anni di insistenze, i produttori di Taliafilm fanno cambiare idea all’attore scozzese con un’offerta economica convincente. MAI DIRE MAI è il più famoso tra i film non ufficiali di James Bond non prodotti da EON.

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

Peter Sellers (James Bond) e Ursula Andress (Vesper) in ‘Casino Royale’ (1967). Photo: Metro Goldwyn Mayer

In precedenza, anche la spy comedy CASINO ROYALE del 1967 con David Niven, Peter Sellers, Orson Welles, un giovane Woody Allen e ancora la Andress aveva riscosso un certo successo. Dal film con Connery, quindi, è nato uno spin-off parodistico che, con il tempo, ha dimostrato che, rispetto ad altre saghe cinematografiche, James Bond non teme confronti neanche sul versante degli omaggi e delle imitazioni.
Moltissimi film hanno ripreso le gesta di 007. Basti pensare alla trilogia italiana dell’AGENTE 077 alias Dick Mallory diretto da Sergio Grieco con lo pseudonimo di Terence Hathaway iniziata nel 1965, o ad AGENTE 777 – OPERAZIONE MISTERO (1965) e AGENTE 777 – INVITO A UCCIDERE (1966) di Enrico Bomba, pardon Henry Bay.
Anche se con stili e ambientazioni diversi, tutti raccontano le gesta di un agente segreto con evidenti richiami ai romanzi di Fleming e ai primi film su 007. A loro volta, sull’onda del successo delle spy story di Bond, questi film sono stati copiati, ma avete mai provato a fare una copia di una fotocopia? Ecco, non viene male, ma è una cosa ben diversa rispetto all’originale.

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

Rowan Atkinson è l’agente speciale britannico pasticcione Johnny English in due film

Non mancano gli emuli pasticcioni di Bond, come Johnny English, l’imbranata spia inglese interpretata da Rowan Atkinson nei film JOHNNY ENGLISH (2003) e JOHNNY ENGLISH COLPISCE ANCORA (Johnny English Strikes Again, 2018), l’americano Maxwell Smart/Agente 86 interpretato da Steve Carell nella commedia AGENTE SMART – CASINO TOTALE (Get Smart, 2008) e l’analista della CIA Susan Cooper/Melissa McCarthy che aspira all’azione in SPY (2015) al fianco dell’elegantissimo agente segreto Bradley Fine/Jude Law, palesemente modellato sui canoni di Bond.

Lo stile 007: brand, gadget e musica

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

La prima gunbarrel di James Bond nei titoli di testa di ‘Licenza di uccidere’ (1962)

La saga di James Bond è questione di feeling con il pubblico, ma anche di stile. La sequenza videomusicale delle scene di apertura è un marchio di fabbrica della serie. Sai cos’è la gunbarrel? Nei titoli di testa di tutti i film ufficiali di 007, c’è un’inquadratura che riproduce l’interno della canna di una pistola che punta verso Bond. L’arma sta per fare bang, ma, quando il mirino è al centro, l’elegantissimo James Bond spara in camera, uccidendo il killer-osservatore. Declinata con attori e mood diversi, questa sequenza ha fatto storia insieme al celebre tema musicale di 007 composto da Monty Norman per LICENZA DI UCCIDERE che ricorre in tutto l’elenco dei film di 007. Le colonne sonore dei film di 007 sono attese quasi quanto il film stesso. Oggi, possiamo parlare di brani à la James Bond che catapultano immediatamente l’ascoltatore nelle atmosfere delle spy story tradizionali. Nel corso degli anni, gli artisti comparsi nelle colonne sonore di 007 sono tanti. Oltre al grande successo del premio Oscar Adele, ricordiamo i temi interpretati da Shirley Bassey, la mitica cantante del brano portante di GOLDFINGER, MOONRAKER e UNA CASCATA DI DIAMANTI, Duran Duran, Madonna, Nancy Sinatra, Paul McCartney & The Wings, A-ha, Tom Jones, Tina Turner, Sam Smith, Garbage, Chris Cornell.

La saga di James Bond: la lista di tutti i film di 007

Daniel Craig e la Regina Elisabetta II nel video delle Olimpiadi 2012. Photo: BBC

Musica, estetica, gadget in stile 007: ogni dettaglio del mondo di Bond è selezionato con cura, al punto da essere diventato un brand, un universo con un codice semantico preciso che, però, non fatica a entrare nel mondo reale, come dimostra una famosa clip realizzata per le Olimpiadi di Londra 2012 con Daniel Craig. I film di James Bond, soprattutto i più recenti, sono come una catena di hotel a cinque stelle con formula all-inclusive. Niente è lasciato al caso, prima, durante e dopo il film. Anche l’annuncio del cast e la presentazione della nuova canzone di 007 è sempre un evento mediatico presentato in diretta streaming in tutto il mondo. James Bond è una vetrina di lusso che espone status symbol come le mitiche automobili Aston Martin o gli orologi Rolex e Omega. Esiste perfino un e-commerce dedicato ai fan di 007, in grado di soddisfare il loro desiderio di sentirsi Bond anche nella realtà. E, se questo non dovesse bastare, si può vivere un’esperienza immersiva nel mondo di 007 anche grazie ai videogame dedicati alla saga.
La saga di James Bond è commerciale, nel senso più autentico del termine: è pura pubblicità (e fa pubblicità). Diamonds are forever è il titolo di un libro di Fleming. Per caso, vi ricorda uno slogan famoso? Non è un caso.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext