King Vidor: scheda regista con i suoi film e la biografia completa

Male
King Vidor

King Vidor era un regista, produttore cinematografico e sceneggiatore americano di origini ungheresi. È nato a Galveston, in Texas, dal boscaiolo Charles Shelton Vidor e sua moglie Kate Wallis. Il nonno paterno del re Károly (Charles) Vidor era fuggito dall'Ungheria come rifugiato in seguito alla fallita rivoluzione ungherese del 1848 (1849-1849). Il regno di Ungheria aveva tentato di ottenere l'indipendenza dall'impero austriaco, ma le truppe rivoluzionarie fallirono contro gli eserciti alleati dell'Impero austriaco e dell'Impero russo. Dopo il ripristino del potere asburgico, l'Ungheria fu soggetta alla brutale legge marziale. Karoly fuggì dal paese e si stabilì a Galveston, in Texas, all'inizio del 1850.

Durante la sua infanzia, il re Vidor fu testimone dell'uragano Galveston del 1900, il più mortale disastro naturale nella storia degli Stati Uniti. L'uragano ha causato tra 6.000 e 12.000 vittime negli Stati Uniti, sulla base di stime variabili. La maggior parte di questi decessi avvenne nelle vicinanze di Galveston. Ogni casa della città ha subito danni, circa 3600 case sono state completamente distrutte e circa 10.000 persone sono rimaste senzatetto, su una popolazione di circa 38.000. Il re Vidor avrebbe in seguito reso un racconto in qualche modo fittizio della sua esperienza di uragano in un'intervista del 1935.

All'inizio degli anni '10, Vidor lavorava come cameraman e cineoperatore cinematografico freelance. Nel 1913, ha diretto il cortometraggio "The Grand Military Parade", il suo debutto alla regia. Nel 1915, Vidor si trasferì a Hollywood, in California, e fu assunto come sceneggiatore e regista di cortometraggi dal giudice Willis Brown (1881-1931), proprietario della Boy City Film Company di Culver City. Brown aveva guadagnato la fama di giudice della Utah Juvenile Court e di un progressivo esperto di riforma dei ragazzi, ma era stato espulso dal servizio quando si scoprì che in realtà non aveva una laurea in legge. Brown si era affermato come produttore cinematografico al fine di produrre film che descrivessero le sue principali preoccupazioni per la società americana: delinquenza giovanile e discriminazione razziale. Vidor è stato sceneggiatore e regista di almeno 10 film con questi argomenti, mentre lavorava per Brown.

Nel 1919, Vidor ha diretto il suo primo lungometraggio: "The Turn in the Road". È stato un film drammatico silenzioso, raffigurante un uomo d'affari che perde la sua fiducia in Dio e qualsiasi interesse per l'industria, quando la sua amata moglie muore durante il parto. Il primo grande successo di Vidor fu il film "Peg o 'My Heart" (1922), un adattamento di un popolare spettacolo teatrale di Broadway. A seguito di questo successo, Vidor ha firmato un contratto a lungo termine per lo studio Goldwyn Pictures. Lo studio era sotto l'amministrazione del produttore polacco-americano Samuel Goldwyn (1879-1974). Nel 1924, Goldwyn Pictures si fonde con Metro Pictures e Louis B. Mayer Pictures in una nuova società: Metro-Goldwyn-Mayer. Vidor rimase in contratto con questa nuova società.

Negli anni 1920, i film muti più famosi di Vidor furono il film di guerra "The Big Parade" (1925), il film drammatico nominato all'Oscar "The Crowd" (1928), la commedia "Show People" "(1928), e il commedia drammatica "The Patsy" (1928). Il suo primo film sonoro è il film drammatico "Hallelujah" (1929), sulla vita dei mezzadri. È stato uno dei primi film di Hollywood con un cast composto interamente da afroamericani. Vidor espresse interesse a "mostrare il negro meridionale come è" e tentò di rappresentare la vita afroamericana al di là degli stereotipi popolari dell'epoca.

Vidor non affrontò alcun problema nel passaggio dal cinema muto al film sonoro e continuò a lavorare regolarmente ai film fino alla fine degli anni '50. Il suo ultimo film importante è stato il romanzo biblico "Solomon and Sheba" (1959), con amore, intrighi di corte e invasioni militari durante il regno del leggendario Salomone, re di Israele (stimato nel X secolo a.C.). Successivamente ha lavorato a cortometraggi e documentari, il suo ultimo film è stato il documentario "La metafora" (1980). L'86enne Vidor ha scelto di ritirarsi dal cinema nel 1980.

Nel 1982, Vidor morì nel suo ranch a Paso Robles, in California, per una malattia cardiaca non specificata. Aveva 88 anni e ben oltre il suo apice. I suoi resti furono cremati e le sue ceneri furono disperse nel suo ranch.

Vidor è stato nominato 5 volte per l'Oscar come miglior regista, senza mai vincere. È stato nominato per i film "La folla" (1928), "Alleluia" (1929), "Il campione" (1931), "La cittadella" (1938) e "Guerra e pace" (1956). Ha vinto un Oscar Honorary Award nel 1979. Parte della sua fama moderna si basa su una parte non accreditata come assistente alla regia. Vidor ha diretto le scene ambientate in Kansas per il romanzo adattamento "Il mago di Oz" (1939).

Luogo di nascita: Galveston, Texas, USA
Data di nascita: 08/02/1894
Data di morte: 01/11/1982

    Regista (50)

    Lascia un commento

    jfb_p_buttontext