Danny Boyle: scheda regista con i suoi film e la biografia completa

Male
Danny Boyle

Daniel Boyle, noto come Danny Boyle, è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico inglese.
Boyle inizia a lavorare in teatro appena diciottenne. A vent’anni, è regista per la Joint Stock Theatre Company e, poi, diventa direttore artistico del Royal Court Theatre di Londra.
Nel 1987, Boyle inizia a lavorare in televisione come regista e produttore.
Esordisce come regista cinematografico nel 1994, con il thriller “Piccoli omicidi tra amici”, in cui dirige per la prima volta l’attore scozzese Ewan McGregor che, in seguito, diventa protagonista di altri suoi film: “Trainspotting” (1996, una nomination agli Oscar per la miglior sceneggiatura non originale, firmata da John Hodge), “Una vita esagerata” (1997), “T2 Trainspotting” (2017). Nel 1996, Boyle dirige il videoclip musicale “Lust For Life” di Iggy Pop, brano incluso nella colonna sonora di “Trainspotting”.
La filmografia di Boyle è molto eterogenea e spazia fra i generi e i toni. Fra i titoli più famosi: “The Beach” (2000), con Leonardo DiCaprio e Tilda Swinton; “28 giorni dopo” (2002) con Cillian Murphy; “127 ore” (2010, 6 nomination agli Oscar) con James Franco; “In trance” (2013) con James McAvoy, Vincent Cassel e Rosario Dawson; “Steve Jobs” (2015) con Michael Fassbender e Kate Winslet, entrambi candidati agli Oscar.
Nel 2008, esce il film “The Millionaire”, che si aggiudica 8 Oscar 2019, fra cui quelli per la miglior regia e il miglior film, 4 Golden Globe 2019, 5 BAFTA 2009 e il Premio del Pubblico agli European Film Award 2009.
Nel 2012, Boyle è il regista della cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Londra.
Nel 2018, per FX, Boyle torna alla regia di una serie tv, dirigendo Donald Sutherland, Hilary Swank e Luca Marinelli in “Trust”, ricostruzione del rapimento di John Getty III.

Luogo di nascita: Manchester, England, UK
Data di nascita: 20/10/1956

    Regista (26)

    Lascia un commento

    jfb_p_buttontext