Tom Hollander: Biografia completa, filmografia completa, scheda Attore

Male
Tom Hollander

Tom Hollander è nato il secondo figlio di genitori istruiti, entrambi insegnanti. È cresciuto a Oxford, (Regno Unito).

Hollander attribuisce la felice atmosfera della Dragon School con la sua introduzione all'infanzia alla recitazione. Lì, incoraggiato da un influente insegnante di nome Andrew Roberts, vinse il ruolo di protagonista in "Oliver". I suoi studi continuarono ad Abingdon, così come la sua ricerca della recitazione. A questo punto, ha vinto un posto al National Youth Theatre, un'organizzazione britannica per giovani nel campo del teatro musicale, con sede a Londra, e successivamente al Children's Music Theatre. Fu durante "The Leaving of Liverpool" di CMT (1981) che venne all'attenzione della televisione della BBC, e in seguito si ritrovò al centro della scena come giovane protagonista in un John Diamond (1981), basato sul famoso romanzo d'avventura di Leon Garfield. Aveva solo quattordici anni.

Altri primi progetti includevano due ruoli in "The Caucasian Chalk Circle" di Bertholt Brecht (1985) per il National Youth Theatre e "A Midsummer Night's Dream" per la Dramatic Society dell'Università di Oxford.

Hollander ha frequentato l'Università di Cambridge quasi contemporaneamente al suo amico d'infanzia Sam Mendes in una messa in scena visivamente audace (e ben ricordata) di "Cyrano de Bergerac" (1988). Altre collaborazioni con Mendes sono seguite, incluso il lavoro alla produzione nel West End di "The Cherry Orchard" (1989, con Judi Dench ), e il Chichester Festival Theatre (1989), nonché una messa in scena a Toronto di "Kean" (1991) con Derek Jacobi . È apparso anche nel Cambridge Footlights Revue (1988).

Dopo la laurea, Hollander sperava di ottenere l'accesso alla scuola di recitazione, ma si trovò deluso. La svista non ha fatto nulla per scoraggiare una carriera di successo già ben avviata: ha ottenuto un Ian Charleson Award per il suo turno come Witwould in "The Way of the World" (1992), è stato nuovamente nominato per una performance "splendidamente sinistra, maniacale" come "Tartuffe" (1996), e ancora una volta come finalista del suo Khlestakov ("una performance di vigore e impudenza ideali"), in "The Government Inspector" (1997) di Gogol. Inevitabilmente, Hollander fu invitato a provare film, e apparve in due film già nel 1996. True Blue – Sfida sul Tamigi (1996) (alias "Miracle at Oxford") lo trovò in un ruolo piccolo ma memorabile come cox per il noto "equipaggio ammutinato" di Oxford del 1987 che vinse la gara in barca di quell'anno contro Cambridge, e in un ruolo ingrato in Una scelta d’amore (1996), un sobrio dramma su un sicario dell'IRA, nel ruolo di un rappresentante Thatcher.

La carriera di Hollander ha caratterizzato una serie di ruoli gay memorabili. I suoi fan sono particolarmente affezionati al Darren più grande della vita Camere e corridoi (1998), una commedia romantica con quella che un critico ha definito la "scena della camera da letto più divertente dell'anno" che coinvolge il personaggio di Hollander e Hugo Weaving . Il Darren esagerato era così convincente che alcuni spettatori presumevano che Hollander fosse gay. "A volte mi definisco un imitatore omosessuale professionale", ha detto a un intervistatore all'epoca, aggiungendo rapidamente, "si potrebbe dire che … Sir Ian McKellen e Rock Hudson recitano attori diretti". L'anno seguente, avrebbe assunto un tipo molto diverso di ruolo "gay", interpretando il famigerato "Bosie" (Lord Alfred Douglas) contro Liam Neeson Oscar Wilde ne "Il bacio di Giuda" (1998).

"Martha – Meet Frank Daniel and Laurence" (aka Martha da legare (1998), con Joseph Fiennes e Rufus Sewell , ha portato riconoscimenti per il suo ruolo straordinario come Daniel, un difficile dirigente musicale. Variety, colpito, lo ha notato per "lavoro legittimo nel Regno Unito" e lo ha definito il "colpo indiscusso della foto".

2001 ha portato Gosford Park (2001), Robert Altman Il mistero dell'omicidio, magistralmente stilizzato, in cui ha interpretato il silenzioso e disperato Anthony Meredith Michael Gambon le paterfamilie insensibilmente indifferenti. Il nome di Hollander figura in una mezza dozzina o più di "Best Ensemble" per questo film complesso e multipiano.

Considerato il personaggio-attore-di-scelta per ruoli con qualità comiche, Hollander ha sfidato ipotesi sulla sua capacità affrontando personaggi difficili e travagliati come il re ferito George V in Stephen Poliakoff The Lost Prince (2003) per la BBC e il demente fascista dittatore Maximillian II in Land of the Blind (2006). Lo stesso Hollander è particolarmente orgoglioso del film Lawless Heart (2001), una commedia drammaticamente ironica e sapientemente costruita raccontata da tre punti di vista. Il personaggio di Hollander, il cuore del film, è un uomo decente, devastato dalla morte del suo partner e addolorato privatamente mentre le storie di amici e familiari si svolgono attorno a lui. Studio del desiderio, della lealtà e del coraggio, il film è stato molto ben recensito e molto rispettato.

Il lavoro cinematografico più recente lo ha portato all'attenzione del pubblico cinematografico tradizionale, che ora lo conosce come il magnifico tiranno Lord Cutler Beckett nella seconda e terza puntata del film Disney "Pirati dei Caraibi", Pirati dei Caraibi – La maledizione del forziere fantasma (2006) e Pirati dei Caraibi – Ai confini del mondo (2007). Questo ruolo ha portato a un altro tipo di successo: Hollander ora poteva dire che era stato commemorato in una forma da action figure da collezione.

Ha lavorato tre volte con il regista Joe Wright , a cominciare dalla signorina Collins, ma stranamente simpatica Orgoglio e pregiudizio (2005), come violoncellista classico all'oscuro in un ruolo purtroppo troncato Il solista (2009), e come Issacs, lo scagnozzo tedesco in Hanna (2011).

Con In the Loop (2009), Hollander ha portato una tensione perfettamente insopportabile e delicata al ruolo di Simon Foster, il "Segretario di Stato britannico per lo sviluppo internazionale" seriamente incapace che dice la cosa sbagliata nel momento esatto. Il film ha agito come una specie di pezzo compagno dell'acclamato dalla critica The Thick of It (2005) su BBC2, la furiosa satira politica di Armando Iannucci sulle macchinazioni della guerra e dei media. Il contributo di Hollander all'espansione della storia è stato apparentemente così ben accolto che è stato "riportato" (ma in un ruolo completamente diverso) dal film alla televisione per un'apparizione a sorpresa nella serie 3, che ha deliziato i fan dello spettacolo.

Un recente lavoro in televisione gli ha offerto l'opportunità di espandere la sua speciale capacità di trasmettere personaggi sfumati e contraddittori. Ha vinto un premio come miglior attore al Festival internazionale della televisione FIPA per la sua interpretazione di Guy Burgess in Cambridge Spies (2003), e ha ottenuto elogi per la mostruosamente maleducata e stranamente tenera Leon nella satira Freezing (2008), con Hugh Bonneville e Elizabeth McGovern ) per la BBC. È stato indimenticabile in un ritratto elegantemente breve ma molto commovente di re Giorgio III per la HBO John Adams (2008).

Il 2010 ha portato Hollander all'attenzione diffusa con Rev. (2010), con cui ha co-creato James Wood . Lo spettacolo, inizialmente descritto in termini che si presume fossero familiari ("vicario", "commedia") è diventato qualcosa di completamente nuovo: "… un'esplorazione dell'ipocrisia britannica e un personaggio interpretato calorosamente", ha scritto Giles Fraser, Cancelliere Canon nella Cattedrale di St Paul in un pezzo per The Sunday Telegraph. Il Rev. era molto più di quello che appariva: le recensioni lo definivano intelligente, realistico e molto divertente, con un cast stellare guidato da Hollander come vicario simpatico e molto umano, Adam Smallbone. Lo spettacolo avrebbe ottenuto un BAFTA nel 2011 per la migliore situazione comica, tra gli altri premi e riconoscimenti.

Hollander sostiene una varietà di cause benefiche in modi innovativi. Nel 2006 ha corso la sua prima gara per la linea diretta Childline Crisis e nel 2007 ha corso per Teenage Cancer Trust. È un sostenitore di vecchia data della Helen and Douglas House di Oxford, che fornisce assistenza Hospice per i bambini e continua a sostenere organizzazioni di beneficenza contribuendo con letture e altre apparizioni durante tutto l'anno. Hollander è un patrocinatore della BIFA, British Independent Film Awards, e ha sostenuto gli sforzi del galà "24 Hour Plays New Voices" di Old Vic, che anticipa la causa dei giovani scrittori per il palcoscenico britannico.

Hollander continua a diversificarsi con i ruoli di voicework in radio, leggere audiolibri, fare doppiaggio e sul palco. È apparso nella produzione di Old Vic di "A Flea in Her Ear" (2010) di Georges Feydeau, interpretando un duplice ruolo impegnativo: l'eccezionale Victor Emmanuel Chandebise e Poche. Le recensioni la chiamavano "follia" e la sua esibizione "una combinazione mozzafiato di precisione fisica fulminante e confusione incredibilmente vera".

Hollander è in produzione per la serie 2 della commedia vincente Rev. (2010).

Luogo di nascita: Oxford, Oxfordshire, England, UK
Data di nascita: 25/08/1967

Lascia un commento

jfb_p_buttontext