Steve McQueen: Biografia completa, filmografia completa, scheda Attore

Male
Steve McQueen

Era la star del cinema maschile ultra cool degli anni '60, ed è cresciuto da un giovane travagliato trascorso nelle scuole di riforma per diventare l'attore più popolare del mondo. Oltre 25 anni dopo la sua prematura scomparsa a causa del mesotelioma nel 1980, Steve McQueen è ancora considerato alla moda e alla moda e resiste come un'icona della cultura popolare.

McQueen è nato a Beech Grove, nell'Indiana, da Julia Ann (Crawford) e William Terence McQueen, un pilota acrobatico. Il suo primo ruolo da protagonista è stato nel film di fantascienza a basso budget Fluido mortale (1958), rapidamente seguito da ruoli in Gli occhi del testimone (1959) e Sacro e profano (1959). Il giovane McQueen è apparso come Vin, a fianco Yul Brynner , in pieno di stelle I magnifici sette (1960) e dirottò efficacemente il comando della stella più grande assicurandosi che quasi sempre facesse qualcosa in ogni colpo in cui lui e Brynner si trovavano insieme, come ad esempio aggiustarsi il cappello o la cintura della pistola. Successivamente ha segnato con il pubblico con due spettacoli interessanti, prima nel dramma della seconda guerra mondiale L’inferno è per gli eroi (1962) e poi in Amante di guerra (1962). Cavalcando un'ondata di popolarità, McQueen ha suscitato un altro gradimento nella folla nei panni di Hilts, il re del freddo, nel film POW della seconda guerra mondiale La grande fuga (1963), con il suo famoso salto sul filo spinato su una motocicletta mentre veniva inseguito dalle truppe naziste (in realtà, tuttavia, l'acrobazia fu effettivamente eseguita dal suo buon amico, stunt rider Bud Ekins ).

Successivamente McQueen è apparso in diversi film di qualità mista, tra cui Soldato sotto la pioggia (1963); Strano incontro (1963) e L’ultimo tentativo (1965). Tuttavia, non sono riusciti a catturare davvero l'attenzione del pubblico, ma il suo ruolo di Eric Stoner in Cincinnati Kid (1965), a fianco della leggenda dello schermo Edward G. Robinson e Karl Malden , hanno avuto i fan del cinema di nuovo nei cinema per vedere la gelida McQueen che amavano. Era tornato in un altro occidentale, Nevada Smith (1966), di nuovo con Malden, e poi diede quella che molti considerano la sua migliore interpretazione drammatica come il solitario marinaio della US Navy Jake Holman nella superba Quelli della San Pablo (1966). McQueen era un'autentica proprietà calda e poi apparve con Faye Dunaway nel dramma provocatorio del crimine Il caso Thomas Crown (1968), accanto a quello che molti considerano il suo ruolo caratteristico, quello di un poliziotto detective taciturno nel mega hit Bullitt (1968), famoso per la sua famosa sequenza di inseguimenti attraverso San Francisco tra la Ford Mustang di McQueen e il Dodge Charger nero del killer.

È interessante notare che il prossimo ruolo di McQueen è stato un totale allontanamento dal genere d'azione, mentre interpretava il ruolo di Southerner Boon Hogganbeck nel film per famiglie Boon il saccheggiatore (1969), basato sul popolare William Faulkner romanzo. Non sorprende che il film non sia andato particolarmente d'accordo con il pubblico, anche se era una produzione divertente e ben fatta, e McQueen ha mostrato un lato comico interessante dei suoi talenti come attore. Tornò in un territorio più familiare, con il film di gara Le 24 ore di Le Mans (1971), un esercizio piuttosto indulgente, e la sua lenta trama ha contribuito alla sua performance piuttosto scarsa nei cinema. Non è stato fino a molti anni dopo che è diventato una specie di film di culto, principalmente a causa delle riprese della Porsche 917 che ruggivano intorno alle piste in Francia. McQueen ha quindi collaborato con il regista anticonformista di Hollywood Sam Peckinpah recitare nel moderno Western L’ultimo buscadero (1972), su una famiglia di cavalieri di rodeo, e di nuovo con Peckinpah nel ruolo del rapinatore di banche Doc McCoy nel violento Getaway! (1972). Entrambi hanno fatto buoni affari al botteghino. Il prossimo ruolo di McQueen fu una sorpresa rinfrescante e Papillon (1973), basato sul Henri Charrière romanzo con lo stesso nome, è stato ben accolto da fan e critici. Interpreta un detenuto contro una colonia penale francese in Sud America che persiste nel tentativo di scappare dai suoi rapitori e sente la loro ira quando i suoi tentativi falliscono.

Gli anni '70 sono un decennio ricordato per una serie di film "disastrosi" e McQueen ha recitato probabilmente nel più grande dei tempi, L’inferno di cristallo (1974). Ha condiviso la stessa fatturazione in alto con Paul Newman e una serie impressionante di co-protagonisti tra cui Fred Astaire , Robert Vaughn e Faye Dunaway . McQueen non appare fino a circa metà del film, quando il capo dei pompieri di San Francisco, Mike O'Halloran, si batte per spegnere un inferno in un grattacielo di 138 piani. Il film fu un successo mostruoso e stabilì il punto di riferimento per altri film di disastri che seguirono. Tuttavia, è stato l'ultimo ruolo cinematografico di McQueen per diversi anni. Dopo una pausa di quattro anni ha sorpreso i fan, ed era quasi irriconoscibile sotto i capelli lunghi e la barba, come un ambientalista ambientalista Un nemico del popolo (1978), basato sul Henrik Ibsen giocare.

Gli ultimi due spettacoli cinematografici di McQueen erano nell'insolito western Tom Horn (1980), poi ha interpretato il cacciatore di taglie della vita reale Ralph "Papa 'Thorson ( Ralph Thorson ) nel Il cacciatore di taglie (1980). Nel 1978, McQueen sviluppò una tosse piccola ma persistente che non sarebbe scomparsa. Ha smesso di fumare e ha subito trattamenti antibiotici senza miglioramenti. La mancanza di respiro divenne più pronunciata e il 22 dicembre 1979, dopo aver completato il lavoro su "The Hunter", una biopsia rivelò il mesotelioma pleurico, un raro tumore polmonare associato all'esposizione all'amianto per il quale non esiste una cura nota. Si pensava che l'amianto fosse nelle tute protettive indossate nei suoi giorni di guida in auto da corsa, ma in realtà le tute da corsa che McQueen indossava erano fatte di Nomex, una fibra aramidica resistente al fuoco DuPont che non contiene amianto. McQueen in seguito ha rilasciato un colloquio medico in cui credeva che l'amianto fosse utilizzato nell'isolamento del palcoscenico del film e che potessero essere coinvolti tute e caschi protettivi dei piloti, ma ha ritenuto più probabile che la sua malattia fosse il risultato diretto di un'esposizione massiccia durante la rimozione amianto che si ritarda dai tubi a bordo di una nave truppa mentre si trovava nei marines statunitensi.

Nel febbraio 1980, c'erano prove di metastasi diffuse. Mentre cercava di mantenere segreta la condizione, il National Enquirer rivelò di avere un "cancro terminale" l'11 marzo 1980. A luglio, McQueen si recò a Rosarito Beach, in Messico, per un trattamento non convenzionale dopo che i medici americani gli dissero che non potevano fare nulla per prolungare la sua vita. La polemica sorse durante il viaggio messicano di McQueen, perché McQueen cercava un trattamento non tradizionale del cancro chiamato Gerson Therapy che utilizzava clisteri di caffè, lavaggi frequenti con shampoo, iniezioni giornaliere di liquido contenente cellule vive di mucche e pecore, massaggi e laetrile, un presunto "naturale" "farmaco anticancro disponibile in Messico, ma non approvato dalla Food and Drug Administration americana. McQueen ha pagato da solo questi trattamenti medici non convenzionali con pagamenti in contanti che si dice abbiano costato un aumento di $ 40.000 al mese durante il suo soggiorno di tre mesi in Messico. McQueen fu curato da William Donald Kelley, la cui unica licenza medica era stata (fino alla revoca nel 1976) per ortodonzia.

McQueen tornò negli Stati Uniti all'inizio di ottobre 1980. Nonostante le metastasi del cancro attraverso il corpo di McQueen, Kelley annunciò pubblicamente che McQueen sarebbe stato completamente guarito e sarebbe tornato alla vita normale. Le condizioni di McQueen peggiorarono presto e si svilupparono "enormi" tumori nell'addome. Alla fine di ottobre, McQueen è volato a Ciudad Juarez, Chihuahua, in Messico, per far rimuovere un tumore addominale sul suo fegato (del peso di circa cinque chili), nonostante gli avvertimenti dei suoi medici americani che il tumore fosse inoperabile e che il suo cuore non potesse resistere all'intervento. McQueen entrò in una clinica Juarez sotto lo pseudonimo di "Sam Shepard", dove i medici e il personale messicani locali nella piccola clinica a basso reddito non erano a conoscenza della sua vera identità.

Steve McQueen è deceduto il 7 novembre 1980, all'età di 50 anni dopo l'intervento chirurgico per il cancro che si diceva avesse successo. Fu cremato e le sue ceneri furono disperse in mare. Si è sposato tre volte e ha amato per tutta la vita le corse automobilistiche, una volta osservando che "Correre è vita. Tutto ciò che prima o dopo sta solo aspettando".

Luogo di nascita: Beech Grove, IN
Data di nascita: 24/03/1930
Data di morte: 07/11/1980

Lascia un commento

jfb_p_buttontext