Paul Kalkbrenner: Biografia completa, filmografia completa, scheda Attore

Anche se i reality show hanno cercato di dimostrare il contrario, una carriera di successo come musicista, anzi come pop star, non può essere forzata con un corso accelerato preconfezionato. A partire dal 2010, Paul Kalkbrenner ha accumulato più di 15 anni di esperienza come produttore e live act, imparando allo stesso tempo cosa significa passare intenzionalmente da un passo all’altro. Quando cadde il muro di Berlino, aveva 12 anni. La colonna sonora della sua giovinezza, e della maggior parte della sua generazione, era ancora agli inizi, in attesa della sua svolta: la musica techno.

La caduta del muro ha significato riunificazione, ma soprattutto senso di libertà. La parte orientale della città divenne il parco giochi anarchico e creativo per una gioventù euforica, ora liberata dalla burocrazia. I primi anni ’90 sono stati anche anni formativi per un giovane Paul Kalkbrenner. Alla fine, in una delle tante notti lunghe e insonni sulle piste da ballo di E-Werk, Planet e Whale, è nato il sogno di fare musica lui stesso, e qualsiasi cosa meno importante sarebbe stata messa da parte. Un lavoro come redattore televisivo lo ha portato a metà degli anni ’90 e ha finanziato la sua prima attrezzatura musicale. A questo punto Paul aveva già deciso che non voleva essere un tipico DJ che suonava i dischi di altre persone, ma piuttosto suonare solo la sua musica, dal vivo in un club. I suoi primi brani sono stati pubblicati nel 1999 per la BPitch Control di Berlino (la nuova etichetta fondata da Ellen Allien) come EP Friedrichshain, intitolato al suo quartiere natale nell’est della città. Seguirono una serie di ulteriori singoli e due full lenght (Superimpose e Time), oltre a continue esibizioni dal vivo che minacciarono di mandare in frantumi la griglia del suo calendario.

Insieme a Paul Kalkbrenner, BPitch Control ha acquisito un forte slancio. Interviste in riviste tedesche rispettate come Spex e De: Bug hanno aperto la strada a regolari prenotazioni internazionali. Il feticista di Lufthansa era ormai diventato un frequent flyer. Il terzo album di Paul Self (2004) segnerà l’inizio di una nuova era. Il suo suono melodico, con la sua affinità per i grandi gesti emotivi, obbediva alla logica della pista da ballo, ma Self ha introdotto un’estetica narrativa, fungendo da colonna sonora per un film che non esisteva (almeno, non ancora…). Era l’album più musicale e maturo di Paul fino ad oggi, anche se prendeva ancora spunto dalla dancefloor e dalla cultura rave, offrendo un primo assaggio di ciò che doveva ancora venire. “Gebrünn Gebrünn”, pubblicato un anno dopo, divenne un successo crossover che si trovava nella borsa dei dischi di ogni DJ e alla fine consolidò lo status di Paul come MVP Techno.

All’inizio del 2006, il regista tedesco Hannes Stöhr, un fan accanito di Self, ha deciso di entrare in contatto con Kalkbrenner. La sua idea era quella di produrre un film su un musicista a Techno City durante il nuovo millennio, e Paul avrebbe composto la colonna sonora. I due si sono conosciuti, scambiati idee ed esperienze e poco dopo hanno iniziato a lavorare alla prima bozza della sceneggiatura. Nel corso del loro scambio, Hannes si è reso conto che Paul non avrebbe dovuto solo contribuire alla musica, ma che sarebbe stato la scelta perfetta come star del film. Senza esitazione, Paul accettò l’offerta. Hanno deciso di intitolare il film Berlin Calling. Per la produzione della colonna sonora, Paul e il suo amico (e collega di BPitch) Sascha Funke hanno trascorso sei mesi nella città natale di Cézanne, Aix-En-Provence, nel sud della Francia.

Liberato dal freddo e grigio inverno berlinese, Paul si è dedicato interamente all’aspetto musicale del progetto. Una canzone aveva già un titolo: “Sky and Sand” con la voce del fratello di Paul, Fritz. Al ritorno di Paul a Berlino nel 2007, le riprese sono iniziate e il lavoro finito è stato portato nei cinema tedeschi nell’ottobre 2008. Berlin Calling e la prima performance di Paul hanno ricevuto recensioni positive e il film, grazie alla sua autentica rappresentazione della scena dei club di Berlino e la cultura della droga, sono diventati, lentamente ma inesorabilmente, un classico di culto.

La colonna sonora e soprattutto il singolo “Sky and Sand” hanno battuto tutti i record di vendita. Quel brano in particolare è andato d’oro in Belgio, dove è rimasto nella Top Ten delle classifiche per settimane. L’uscita in DVD del film nel 2009 ha portato Paul a un nuovo pubblico molto più vasto in tutto il mondo. Entro la fine dell’anno, Paul si separò con BPitch Control dopo una relazione decennale per fare da solo i passi successivi della sua carriera. All’inizio del 2010 Paul ha completato un tour di concerti dal vivo in dodici città in tutta Europa (con oltre 50.000 biglietti venduti in poche settimane), seguito da molte apparizioni da headliner ai festival estivi. Altri tour e nuove sfide lo aspettano.

Luogo di nascita: Leipzig, Germany
Data di nascita: 11/06/1977

Lascia un commento

jfb_p_buttontext