Maximilian Schell: Biografia completa, filmografia completa, scheda Attore

Male
Maximilian Schell

Maximilian Schell è stato l'attore di lingua tedesca di maggior successo nei film in lingua inglese da allora Emil Jannings , il vincitore del primo premio Oscar per il miglior attore. Come Jannings, Schell ha vinto l'Oscar, ma a differenza di lui, era un antinazista dedicato. Anzi, ad eccezione di Maurice Chevalier e Marcello Mastroianni , Schell è stato senza dubbio l'attore straniero non anglofono di maggior successo nella storia del cinema americano.

Schell è nato a Vienna, in Austria l'8 dicembre 1930, ma è cresciuto a Zurigo, in Svizzera. (L'Austria divenne parte della Germania dopo il Anschluss del 1938), poi fu occupata dagli alleati dal 1945 al 1955, quando si unì di nuovo alla famiglia delle nazioni.) Imparò la sua arte sul palco a partire dal 1952, e si guadagnò la reputazione con apparizioni in film e televisione in lingua tedesca. È un ottimo attore shakespeariano e ha avuto un enorme successo con "Richard III" (è anche apparso come l'omonimo principe in una versione in lingua tedesca di "Amleto").

Schell ha debuttato a Hollywood nel 1958 nel film sulla Seconda Guerra Mondiale I giovani leoni (1958) quasi per caso, poiché i produttori avevano voluto assumere sua sorella Maria Schell , ma le linee di comunicazione si incrociarono, e lui era quello assunto. Colpì i produttori americani a sua volta come amico del soldato tedesco Marlon Brando , e successivamente ha valutato il ruolo dell'avvocato difensore tedesco nel dramma televisivo Vincitori e vinti (1961) in "Playhouse 90" nel 1959. È stato anche scelto per il remake sul grande schermo, per il quale ha vinto l'Oscar del 1961 come miglior attore, battendo la co-star Spencer Tracy per l'Oscar. Ha anche vinto un Golden Globe e il New York Film Critics Circle Award per il ruolo. Schell alla fine vinse altre due nomination agli Oscar per la recitazione, nel 1976 come miglior attore per The Man in the Glass Booth (1975) e nel 1978 come miglior attore non protagonista per Giulia (1977) (che gli è valso anche il New York Film Critics Circle Award come miglior attore non protagonista). È stato nominato due volte per un Emmy per il suo lavoro televisivo e ha vinto il Golden Globe nel 1993 per la migliore interpretazione di un attore in un ruolo secondario in una serie, mini-serie o film per la TV per Stalin (1992).

Schell ha anche diretto film e il suo film del 1974 Il pedone (1973) ("The Pedestrian"), che Schell ha scritto, prodotto, diretto e interpretato, è stato nominato per l'Oscar come miglior film straniero e ha vinto il Golden Globe nella stessa categoria. Il suo documentario su Marlene Dietrich, Marlene (1984), è stato ampiamente salutato come un capolavoro del genere non-fiction e ha ottenuto i suoi produttori una nomination all'Oscar come miglior documentario nel 1985. Nel 2002, Schell ha pubblicato Meine Schwester Maria (2002) (Mia sorella Maria), un documentario sulla carriera e il suo rapporto con Maria Schell . Dagli anni '90, Schell è apparso in molti film realizzati in lingua tedesca per la TV, come il film del 2003 Alles Glück dieser Erde (2003) (All the Luck in the World) e nella mini-serie The Return of the Dancing Master (2004), basato sul romanzo di Henning Mankell. Ha anche continuato ad apparire sul palco, apparendo in doppio ruolo nella produzione di Broadway del 2000 della versione teatrale di "Judgment at Nuremberg", e più recentemente in Robert Altman La produzione londinese di Arthur Miller "Resurrection Blues" nel 2006. È morto il 31 gennaio 2014, a 83 anni, a Innsbruck, in Austria.

Luogo di nascita: Vienna, Austria
Data di nascita: 08/12/1930
Data di morte: 01/02/2014

Lascia un commento

jfb_p_buttontext