Horst Buchholz: Biografia completa, filmografia completa, scheda Attore

Male

Nella lista del cast di I magnifici sette (1960), troverai diversi nomi che senza dubbio conosci bene: Charles Bronson , Steve McQueen , e Yul Brynner . Ma c’è un nome che avrai difficoltà a pronunciare, figuriamoci a identificare come un attore che hai visto prima. Quell’uomo è Horst Buchholz , ed è stato uno dei pochi attori tedeschi ad avere un notevole successo sia a Hollywood che in Europa. Difficile immaginare che sia stato cercato per recitare in uno dei film più famosi di tutti i tempi, solo per doverlo rifiutare.

Horst Buchholz è nato a Berlino, in Germania, nell’anno 1933. Suo padre era un calzolaio tedesco, mentre sua madre era nata da genitori danesi. Buccholz fu messo in una casa famiglia in Cecoslovacchia quando scoppiò la seconda guerra mondiale in Europa, ma tornò a Berlino nel momento in cui ne ebbe la possibilità. Rendendosi conto del suo talento nella recitazione, Buchholz abbandonò la scuola per perfezionare le sue capacità recitative. Dopo essersi trasferito da Berlino Est a Berlino Ovest, divenne famoso per il suo lavoro in teatro e alla radio. Nel 1952 si dedicò al cinema, e dopo una serie di piccoli ruoli, ne trovò uno più grande nel Julien Duvivier film Marianne (1955). È stato elogiato per il suo ruolo nel film romantico/drammatico Cielo senza stelle (1955) di Helmut Käutner , ma era il ruolo principale nella commedia Le confessioni del filibustiere Felix Krull (1957) che lo ha reso un affermato attore tedesco.

Ha seguito questo ruolo rivoluzionario con il film romantico Endstation Liebe (1958) e il thriller I cinque del bunker (1958), dove il bel giovane attore interpreta un ex criminale che si associa a un giornalista. Ora un volto familiare nel suo paese, Buchholz si è dedicato alla realizzazione di film stranieri. Il suo primo film non tedesco è stato il film britannico Questione di vita o di morte (1959). Il film parla di una ragazza che assiste a un marinaio di nome Korchinsky (Buchholz) uccidere la sua ragazza. Il film ha ottenuto elogi sia in Germania che in Gran Bretagna, ma è stato il prossimo film straniero di Buchholz a garantire il suo nome nella storia dei film classici. Questo film è stato il western epico I magnifici sette (1960) diretto da John Sturges . Buchholz ha interpretato Chico, il giovane messicano inesperto che vuole essere un pistolero e abbandonare il suo passato. Buchholz ha recitato accanto a leggende come Charles Bronson e Yul Brynner . entrambi avevano forti radici europee. Il film è stato un successo, prima in Europa, poi è stato ridistribuito negli Stati Uniti con un profitto molto più alto. Il film ha guadagnato un’enorme popolarità e anche ora è apprezzato come un classico.

Buchholz poteva ora trovare un lavoro valido e stabile a livello nazionale e internazionale, cosa che pochi attori potevano fare all’epoca. Ha lavorato al film romantico Fanny (1961), che si basa su una trilogia di commedie scritte dal leggendario scrittore Marcel Pagnol . Buchholz interpreta il ruolo di Marius, un giovane appassionato ma insicuro che deve scegliere tra la ragazza che ama e la vita in mare che ha sempre desiderato. Il film è stato un ottimo successo, candidato a cinque Oscar, tra cui Miglior Film e Miglior Attore per Charles Boyer (che interpreta il padre sullo schermo di Buchholz).

Fu a questo punto della sua carriera cinematografica che fu ricercato come prima scelta per interpretare il ruolo dello sceriffo Ali in Ali David Lean il film leggendario Lawrence d’Arabia (1962). Tuttavia, Buchholz ha dovuto rifiutare, poiché aveva già firmato per un altro film, che si è rivelato essere la commedia nominata all’Oscar Uno, due, tre! (1961) (regia di Billy Wilder ). Il film è stato ancora una volta un bel successo da aggiungere alla carriera di Buchholz, ma alla fine non ha ottenuto neanche lontanamente lo status di David Lean il film. Buchholz ha fatto anche il film italiano La noia (1963) in cui interpreta un artista senza talento che inizia una relazione amorosa con una giovane modella. Durante i suoi primi anni ’60, Buchholz si era fatto un nome, recitando in un film candidato all’Oscar dopo l’altro e mostrando il suo talento come attore. Tuttavia, il successo che aveva raggiunto non era destinato a durare.

Buchholz ha continuato con il film, inclusa la parodia di James Bond Colpo grosso a Galata Bridge (1965) e il film poliziesco Johnny Banco – Playboy nr. 1 (1967). Ha recitato nel fallimento del B-movie che era Le avventure e gli amori di Miguel Cervantes (1967). Buchholz ha rimbalzato con il film infuocato Il salvatore (1971) in cui interpreta un uomo che sostiene di organizzare la resistenza contro i nazisti. Ha anche interpretato Johann Strauss nel musical nominato ai Golden Globe Il grande valzer (1972). che è stato purtroppo un altro fallimento.

Il resto degli anni ’70 e i primi anni ’80 furono spesi principalmente in televisione e film usciti per la televisione, che fossero stranieri (Dead of Night (1977), Return to Fantasy Island (1978)) o tedeschi (Derrick). Buchholz ha riscosso un discreto successo quando è tornato sul grande schermo con il film di spionaggio della seconda guerra mondiale Nome in codice: Smeraldo (1985) in cui recita al fianco di star come Ed Harris e Max von Sydow . Dopo questo film, Buchholz è tornato ai film europei, come And the Violins Stopped Playing (1988) in cui un gruppo di zingari fugge dai persecutori nazisti. Dopo aver preso un ruolo secondario nel film fantasy Così lontano così vicino (1993), Buchholz recitò in uno dei suoi film più noti: il film italiano premio Oscar La vita è bella (1997), diretto e interpretato da Roberto Benigni . Buchholz ha interpretato il ruolo di un medico che fa amicizia con il personaggio di Benigni e spesso duella con lui in enigmi. Questa scelta di ruolo si è rivelata un’eco del gusto di Buchholz nella scelta dei suoi progetti negli anni precedenti; il film ha vinto come miglior film straniero quell’anno ed è stato anche nominato per il miglior film. Grazie al suo dono per le lingue, Buchholz è stato in grado di doppiarsi nelle versioni straniere del film.

Buchholz ha continuato a fare film e apparizioni televisive fino al 2002, quando aveva sessantotto anni. Morì l’anno successivo, a Berlino, di polmonite. Berlino era stata la città del suo cuore, e fu sepolta lì in onore di questo fatto. Horst Buchholz era stato un rinomato attore tedesco e aveva guadagnato credibilità negli Stati Uniti e in altri paesi. Era un attore variegato, recitava tutti i tipi di ruoli nella sua vita, ma era sempre un tedesco orgoglioso fino all’ultimo.

Luogo di nascita: Berlin, Germany
Data di nascita: 04/12/1933
Data di morte: 03/03/2003

Lascia un commento

jfb_p_buttontext