Harry Andrews: Biografia completa, filmografia completa, scheda Attore

Male
Harry Andrews

L'attore caratterista britannico Harry Andrews aveva il tipo di viso massiccio di granito e mascella squadrata che avrebbero segnato quella carriera, ma si è distinto con un brillante lavoro teatrale e cinematografico. Si era laureato al Wrekin College nello Shropshire e poi si era trasferito sul palco, apparendo con il Liverpool Repertory nel 1933 e concentrandosi sui ruoli shakespeariani. Ha stretto amicizia con la star del teatro John Gielgud che lo invitò a New York e Broadway come parte del cast di "Hamlet" nel 1935. Al ritorno a Londra, Andrews fece una serie di spettacoli nel West End. Poi Gielgud lo invitò nella sua compagnia teatrale. Subito dopo è stato invitato nella Old Vic Company dal suo direttore Laurence Olivier . I suoi ruoli stavano diventando parti sempre più sostanziali e autorevoli per abbinare la sua consegna di linee tagliente e forte, attraverso i denti. Successivamente non ha perso l'opportunità di unirsi allo Stratford Memorial Theatre di Stratford-upon-Avon, dove ha trascorso un decennio ad affinare se stesso come attore affermato, raffinato e versatile, descritto dal controverso critico teatrale londinese Kenneth Tynan come "la spina dorsale del teatro britannico ".

Arrivò sul piccolo schermo prima del grande, dopo aver debuttato nella televisione sperimentale britannica nel 1939, seguito più di un decennio dopo con il suo debutto sulla TV americana in continua espansione e feconda nel 1952. Il suo debutto sul grande schermo avvenne l'anno successivo in un personaggio parte che avrebbe accentuato la sua carriera – dall'antico al moderno – il militare disciplinato in Berretti rossi (1953). Da lì i ruoli arrivarono a lui – tre o quattro all'anno – fino al 1979, quando la TV occupò la maggior parte del suo tempo. I suoi film sono stati trascorsi davanti alle telecamere americane o britanniche. E i ruoli militari erano sempre svolti magistralmente, che si trattasse di un sergente scortese o di un ufficiale più dignitoso. Anche se il suo noncom più famoso potrebbe essere il sergente maggiore Tom Pugh al suo fianco John Mills nel J. Lee Thompson la classica avventura Birra ghiacciata ad Alessandria (Pattuglia disperata) (1958), il suo successo come sergente maggiore Bert Wilson, il vicino psicotico martinet, di fronte Sean Connery e Ian Bannen , in The Hill (1965) è stato un tour de force esagerato. Nello stesso anno è tornato in costume – avendo ricoperto molti ruoli nobili antichi e medievali negli anni '50 – in qualcosa di diverso – interpretando il grande architetto rinascimentale Donato Bramante contro Charlton Heston come rivale Michelangelo in Il tormento e l’estasi (1965). Non una parte importante, tuttavia Andrews ha dato al ruolo una forza sottomessa e concreta che ben si adattava all'ambizioso architetto del focoso Papa Giulio II (interpretato con grande verve da Rex Harrison ). Mentre Andrews è stato eccellente anche con uno stile ironico per i ruoli comici, come nel send up, La classe dirigente (1972), eccelleva contro il tipo come un omosessuale fiammeggiante nella commedia nera Entertaining Mr Sloane (1970). Aveva detto qualcosa del tipo: "Non voglio essere una star – voglio essere un bravo attore in buone parti" – ma la sua presenza lo ha sempre reso eccezionale. Era ironico che avesse difficoltà a memorizzare le righe. Qualche tempo dopo co-protagonista Alan Bates lo riteneva molto coraggioso per il suo evidente trionfo su questo impedimento. Bates ha inoltre sottolineato che il grande senso dell'umorismo e il carattere personalizzabile di Andrews lo hanno reso uno dei preferiti dagli attori più giovani come fonte continua di incoraggiamento e di esperienze di apprendimento. Sebbene le sue parti diventassero più piccole man mano che cresceva, ha ricoperto ciascuno dei suoi ruoli, grandi o piccoli – più di 100 – con i passi di un gigante.

Luogo di nascita: Tonbridge, Kent, England, UK
Data di nascita: 10/11/1911
Data di morte: 06/03/1989

Lascia un commento

jfb_p_buttontext