Aurélien Recoing: Biografia completa, filmografia completa, scheda Attore

Male
Aurélien Recoing

Flashback a Parigi, 5 maggio 1958. Nasce Aurélien Recoing, figlio del burattinaio Alain Recoing. Comincia ad allenarsi come attore nel 1974 al Cours Florent, oltre a studiare al Quartier d'Ivry. Nel 1977, l'attore in formazione, che parla un inglese fluente e un po 'di russo, si unisce al Conservatoire National Supérieur d'Art Dramatique di Parigi, dove studia con Jean-Pierre Miquel e Antoine Vitez. Appare in più di 30 spettacoli teatrali, oltre a dirigere spettacoli teatrali di opere di Thomas Bernhard, Fernando Pessoa e Paul Claudel. Nel 1989 riceve il Prix Gérard Philipe. Nel 1980, Aurélien Recoing muove i suoi primi passi nel mondo del cinema, in "Exploits of a Young Don Juan". Trovando che il cinema d'essai gli piace, lavora con Garrel in "Baci d'emergenza" e con Laurence Ferreira Barbosa in "Vita moderna". L'attore diventa famoso nel 2001 grazie a Laurent Cantet "Time Out" ( A tempo pieno (2001)), in cui interpreta un uomo che inventa una vita falsa per evitare di dover dire ai suoi amici e familiari che è stato licenziato dal suo lavoro. Man mano che diventa sempre più richiesto, si alterna tra film di successo come "Ruby & Quentin" e "That Woman" e film d'artista come "L'Ennemi naturel" e "Orlando Vargas". Prestando il suo talento a numerosi progetti insoliti, nel 2006 interpreta un giocatore d'azzardo 13 Tzameti (2005), Géla Babluani thriller in bianco e nero, e appare anche in "Forgive Me", il film drammatico in stile home film di Maïwenn. Nello stesso anno, l'attore fisicamente imponente si ritrova trasportato nella Francia del 1914 in Frammenti di Antonino, e poi nel 1959 in Kabylia in Intimate Enemies di Florent Emilio Siri. Nel 2008, recita in Franck Llopis è Parigi Nord Sud e in La Saison des Orphelins. L'anno seguente, viene scritturato Gilles Béhat il thriller criminale Diamant 13, e in Tomorrow at Dawn di Denis Dercourt. Recentemente è apparso in L'Orda, diretto da Yannick Dahan e Benjamin Rocher, Joseph and the Girl di Xavier de Choudens e Cargo, gli uomini perduti di Léon Desclozeaux nel 2010. Potresti averlo visto in Switch di Frédéric Schoendoerffer, così come in Olias Barco's Kill Me Please, che ha vinto il Grand Prix Marc Aurel d'Or all'International Film Festival di Roma. È apparso anche in Abdellatif Kechiche "Blue is the Warmest Colour", che ha conquistato la Palma d'oro a Cannes.

Luogo di nascita: Paris, France
Data di nascita: 05/05/1958

Lascia un commento

jfb_p_buttontext