Udite udite: Toy Story 4 si farà!

Woody e Buzz, tra i personaggi più amati dell'universo Pixar, sono inaspettatamente pronti a tornare: l'annuncio è stato dato ieri dai vertici Disney. Passo falso o scelta azzeccata?

, di

“TOY STORY 4”: BUZZ E WOODY DI NUOVO IN PISTA

Benché con l’uscita di TOY STORY 3 la saga di Buzz e Woody sembrasse giunta ad un felice capolinea, ieri (6 novembre) Bob Iger, amministratore delegato della Disney, ha annunciato che il 16 giugno 2017 TOY STORY 4 arriverà nelle sale statunitensi [fonte: DISNEYWIKIA].

JOHN LASSETER ALLA REGIA

Il film, realizzato con tecnologia 3D, sarà diretto da John Lasseter, direttore creativo della Pixar e dei Walt Disney Studios, che ha già curato la regia dei primi due capitoli di TOY STORY.
Lasseter, quindi, si occuperà ancora della saga di maggior successo della Pixar, dopo aver affidato la regia di TOY STORY 3 – LA GRANDE FUGA (2010) alle capaci mani di Lee Unkrich.

“TOY STORY 4”: LA PIXAR PUNTA SUI PROPRI CAVALLI DI RAZZA

Il successo economico e di pubblico e la coerente conclusione della parabola narrativa di TOY STORY sembravano assodati, eppure la Disney-Pixar ha deciso di tornare sui propri passi e di proporre ancora sul grande schermo un lungometraggio avente per protagonisti alcuni tra i personaggi di maggior successo della propria scuderia a cui il pubblico internazionale sembra particolarmente affezionato.
I TOY STORY TOONS distribuiti nei cinema insieme agli ultimi lavori Disney-Pixar hanno riscosso un certo successo, scatenando l’effetto nostalgia nel pubblico.
Vacanze hawaiiane è stato proiettato in abbinamento a CARS 2 (2011), Buzz a sorpresa insieme al film I MUPPET (2011) e Non c’è festa senza Rex con la riedizione in 3D di ALLA RICERCA DI NEMO (2012).

IL RISCHIO DI UN FLOP

Benché la notizia dell’uscita di TOY STORY 4 sia in grado di far gioire i fan di Woody e Buzz, viene naturale domandarsi come mai la Pixar torni a battere una strada tanto ampiamente sfruttata, invece di tentare percorsi inesplorati, soprattutto dopo il parziale tonfo di CARS 2, un sequel che non ha soddisfatto le attese tanto quanto sono stati capaci di fare i vari seguiti di TOY STORY.
Resta da dire che la Pixar, a fronte delle citate eccezioni, non è solita praticare la formula dei sequel e il fatto che punti ancora una volta su TOY STORY lascia fortemente sperare in una sceneggiatura ponderata e particolarmente originale, capace di non inciampare nei propri passi.
Ad oggi, la sinossi del film non è ancora stata resa nota e, nonostante negli anni scorsi i doppiatori originali della saga, Tom Hanks e Tim Allen, abbiano dichiarato la loro disponibilità a partecipare ad un nuovo sequel, la loro partecipazione alla realizzazione di TOY STORY 4 non è stata ancora confermata.

[Aggiornamento 06/03/2015]

“TOY STORY 4”, UNA COMMEDIA ROMANTICA

In un’intervista rilasciata al blog DisneyLatino, il presidente dei Pixar Studio Animation Jim Morris ha recentemente dichiarato che l’atteso TOY STORY 4 non sarà una continuazione della trilogia originale: “Si tratta di una storia a parte, che a sua volta non so se sarà continuata. Mai iniziare un progetto con un’idea di questo genere in mente. (…) Sarà una storia d’amore, una commedia romantica”.

4 commenti

  1. Davide / 9 novembre 2014

    Beh spero soltanto riesca a rimanere fedele (se non fedelissimo) ai precedenti capitoli, soprattutto il capostipite e cioè il primo degli ultimi tre, che per la mia infanzia è stato uno dei film d’animazione più bello e significativo in assoluto.
    Per quanto ne riguarda il finale del terzo capitolo (che mi è piaciuto molto) probabilmente sarei in grado di immaginarmi un Andy ancora più grande, magari in età adulta e, perché no, occupato nel mondo lavorativo, con una irrefrenabile voglia “pascoliana” di ritornare fanciullo… ne uscirebbe una bella storia significativa, una sorta di riferimento alla società attuale.

  2. Stefania / 9 novembre 2014

    Secondo me, potrebbe proseguire in due modi: o con la bambina a cui Andy ha regalato i giocattoli alla fine del terzo, o tornando indietro nel tempo, ambientando la storia in un momento intermedio tra il secondo ed il terzo Toy Story.
    Il rischio di fare un gigantesco scivolone, però, è davvero altissimo. Personalmente, avrei preferito uno stop definitivo della saga.

  3. Francesco / 9 novembre 2014

    Sono piuttosto combattuto: il 3 chiudeva perfettamente il ciclo e la saga aveva evitato di strafare. Però ammetto che rivedere Woody e Buzz non mi dispiace (anche se, come dice @Stefania il rischio di uno scivolone è alto)

  4. oblivion / 9 novembre 2014

    Io sono molto perplessa: i tre episodi di Toy Story sono uno più bello dell’altro (secondo me il terzo li batte tutti) e con l’ultimo film si è chiuso il cerchio. Da dove riprenderà la storia? Avrei preferito che lasciassero stare questo capolavoro, senza rischiare di farla diventare una di quelle saghe talmente lunghe da stancare. Ovviamente lo vedrò, ma ora come ora non posso non sentirmi contrariata.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext