Tutti i film in concorso al Sundance 2016

Documentari e film di fiction provenienti da tutto il mondo parteciperanno al famoso festival statunitense che celebra i talenti del cinema indipendente. Dal 21 al 31 gennaio 2016.

, di

SUNDANCE 2016: TUTTI I TITOLI IN CONCORSO

Dopo aver annunciato quali film comporranno le “proiezioni di mezzanotte”, l’organizzazione del Sundance ha reso noto anche l’elenco dei film ufficialmente in competizione al Sundance Film Festival 2016 (21-31 gennaio) che si svolgerà, come accade dal 1981, a Salt Lake City, nello Utah.
La line up definitiva comprende i film delle sezioni U.S. Dramatic (film statunitensi), U.S. Documentary (documentari statunitensi), World Cinema Dramatic (film di provenienza internazionale) e World Documentary (documentari di provenienza internazionale). A queste si aggiunge anche NEXT, promossa da Adobe e dedicata all’uso di tecnologie innovative coniugate alla creatività.
Robert Redford, fondatore e presidente del Sundance Institute, ha detto: “Provenienti da ambienti, luoghi e punti di vista tra loro diversi, questi artisti indipendenti sono uniti dalla forza delle loro storie e da una visione [del cinema]. Presto, i loro film saranno lanciati sulla scena mondiale, ma cominciano il loro viaggio da qui, dalla nostra cultura. Un nuovo anno di cinema indipendente inizierà proprio da qui, in montagna, a gennaio”.

Ecco tutti i titoli in concorso al Sundance 2016 divisi per sezioni:

U.S. Dramatic

AS YOU ARE: la storia dell’amicizia fra tre adolescenti si svela durante le indagini svolte dalla polizia in merito ad un caso che li coinvolge.
Regia: Miles Joris-Peyrafitte; sceneggiatura: Miles Joris-Peyrafitte, Madison Harrison. Interpreti: Owen Campbell, Charlie Heaton, Amandla Stenberg, John Scurti, Scott Cohen, Mary Stuart Masterson.

THE BIRTH OF A NATION: ambientato nel Sud degli Stati Uniti in un periodo precedente alla Guerra Civile, il film racconta la storia di Net Turner, uno schiavo istruito che viene usato per plagiare altri schiavi attraverso la predicazione.
Regia e sceneggiatura: Nate Parker. Interpreti: Nate Parker, Armie Hammer, Aja Naomi King, Jackie Earle Haley, Gabrielle Union, Mark Boone Jr.

CHRISTINE: ispirato a fatti realmente accaduti. Nel 1974, una giornalista televisiva di Sarasota, Florida, vuole innalzare i propri standard di vita e non è disposta a sbagliare.
Regia: Antonio Campos; sceneggiatura: Craig Shilowich. Interpreti: Rebecca Hall, Michael C. Hall, Maria Dizzia, Tracy Letts, J. Smith-Cameron.

EQUITY: una donna si fa strada nel mondo di Wall Street, dove, oltre alle leggi del mercato, vigono le regole di un universo esclusivamente maschile.
Regia: Meera Menon; sceneggiatura: Amy Fox. Interpreti: Anna Gunn, James Purefoy, Sarah Megan Thomas, Alysia Reiner.

THE FREE WORLD: dopo essere stato rilasciato per aver scontato una pena per un crimine non commesso, Mo deve riabituarsi al mondo fuori dalla prigione. L’incontro con Doris, una donna misteriosa dal passato oscuro, gli permetterà di mettersi in gioco ancora una volta.
Regia e sceneggiatura: Jason Lewis. Interpreti: Boyd Holbrook, Elisabeth Moss, Octavia Spencer, Sung Kang, Waleed Zuaiter.

GOAT: un ragazzo di 19 anni intende dimostrare di essere un uomo, entrando a far parte di una confraternita in cui vigono regole terribili.
Regia: Andrew Neel; sceneggiatura: David Gordon Green, Andrew Neel, Michael Roberts. Interpreti: Nick Jonas, Ben Schnetzer, Virginia Gardner, Danny Flaherty, Austin Lyon.

THE INTERVENTETION: due coppie di amici decidono di trascorrere insieme qualche giorno di vacanza.Tutto prende una piega diversa da quanto tutti si erano prospettati, quando una delle coppie scopre che l’altra ha organizzato le cose per avere voce in capitolo sul proprio matrimonio.
Regia e sceneggiatura: Clea DuVall. Interpreti: Melanie Lynskey, Cobie Smulders, Alia Shawkat, Clea DuVall, Natasha Lyonne, Ben Schwartz.

JOSHY: Josh spera che il suo addio al celibato rappresenti un’occasione concreta per riavvicinarsi ai suoi vecchi amici.
Regia e sceneggiatura: Jeff Baena. Interpreti: Thomas Middleditch, Adam Pally, Alex Ross Perry, Nick Kroll, Brett Gelman, Jenny Slate.

LOVESONG: trascurata dal marito, Sarah decide di mettersi in viaggio con la giovane figlia e con un’amica, Mindy e tra le due si instaura un legame particolarmente forte. Qualche anno dopo, Mindy è prossima al matrimonio e Sarah tenta di ricostruire quei giorni trascorsi insieme.
Regia: So Yong Kim; sceneggiatura: So Yong Kim, Bradley Rust Gray. Interpreti: Jena Malone, Riley Keough, Brooklyn Decker, Amy Seimetz, Ryan Eggold, Rosanna Arquette.

MORRIS FROM AMERICA: il tredicenne Morris, amante dell’hip-hop, si trasferisce con la famiglia dagli Stati Uniti in Germania. Oltre a dover far fronte ai cambiamenti legati alla sua età, deve risolvere i problemi legati alla vita in un Paese di cui non conosce né lingua, né le abitudini. Si innamora di una coetanea e, per fortuna, stringe amicizia con il suo tutor scolastico che, presto, diventa anche il suo confidente.
Regia e sceneggiatura: Chad Hartigan. Interpreti: Markees Christmas, Craig Robinson, Carla Juri, Lina Keller, Jakub Gierszał, Levin Henning.

OTHER PEOPLE: David è uno sceneggiatore che recentemente rotto con la fidanzata. Torna a Sacramento, a casa dai genitori e dalle due sorelle, per accudire la madre malata, ma si sente completamente estraneo all’ambiente della sua infanzia.
Regia e sceneggiatura: Chris Kelly. Interpreti: Jesse Plemons, Molly Shannon, Bradley Whitford, Maude Apatow, Zach Woods, June Squibb.

SOUTHSIDE WITH YOU: il film racconta il primo appuntamento tra Barack Obama e la futura first lady Michelle, avvenuto in un pomeriggio estivo del 1989, nel South Side di Chicago.
Regia e sceneggiatura: Richard Tanne. Interpreti: Tika Sumpter, Parker Sawyers, Vanessa Bell Calloway.

SPA NIGHT: un giovane immigrato coreano tenta di conciliare il lavoro utile a sostentare la sua famiglia con la scoperta della propria sessualità negli ambienti underground gay di Los Angeles.
Regia e sceneggiatura: Andrew Ahn. Interpreti: Joe Seo, Haerry Kim, Youn Ho Cho, Tae Song, Ho Young Chung, Linda Han.

SWISS ARMY MAN: Hank è un uomo che non ripone più alcuna speranza nella vita ed è pronto al suicidio. Casualmente, si imbatte in un cadavere senza identità. Insieme al corpo, Hank intraprende un viaggio che gli farà assaporare il vero sapore dell’esistenza.
Regia e sceneggiatura: Daniel Scheinert, Daniel Kwan. Interpreti: Paul Dano, Daniel Radcliffe, Mary Elizabeth Winstead.

TALLULAH: una giovane sbandata decide di prendersi cura di un neonato trascurato dalla ricca madre negligente.
Regia e sceneggiatura: Sian Heder. Interpreti: Ellen Page, Allison Janney, Tammy Blanchard, Evan Jonigkeit, Uzo Aduba.

WHITE GIRL: New York, una studentessa tenta il tutto per tutto per fare in modo che il suo fidanzato tossicodipendente possa uscire di prigione.
Regia e sceneggiatura: Elizabeth Wood. Interpreti: Morgan Saylor, Brian ‘Sene’ Marc, Justin Bartha, Chris Noth, India Menuez, Adrian Martinez.

World Cinema Dramatic

BELGICA (Belgio, Francia, Olanda): nonostante profonde differenze caratteriali, una coppia di fratelli decide di gestire insieme un bar con musica dal vivo.
Regia: Felix van Groeningen; sceneggiatura: Felix van Groeningen, Arne Sierens. Interpreti: Stef Aerts, Tom Vermeir, Charlotte Vandermeersch, Hélène De Vos.

BETWEEN SEA AND LAND (Colombia): Alberto vorrebbe vedere il mare che si trova proprio di fronte a casa sua, ma una malattia fortemente invalidante gli impedisce di avere il controllo del proprio corpo.
Regia: Manolo Cruz, Carlos del Castillo; sceneggiatura: Manolo Cruz. Interpreti: Manolo Cruz, Vicky Hernandéz, Viviana Serna, Jorge Cao, Mile Vergara, Javier Sáenz.

BRAHMAN NAMAN (Regno Unito, India): la scalcinata squadra di quiz dell’Università di Bangalore riesce a gareggiare ai campionati nazionali e a competere contro quella di Calcutta. Il viaggio che condurrà i ragazzi al luogo della gara sarà contrassegnato da alcool e divertimento e dal tentativo di perdere la propria verginità ad ogni costo.
Regia: Q; sceneggiatura: S. Ramachandran. Interpreti: Shashank Arora, Tanmay Dhanania, Chaitanya Varad, Vaiswath Shankar, Sindhu Sreenivasa Murthy, Sid Mallya.

A GOOD WIFE (Serbia, Bosnia, Croazia): Mirjana, 50 anni, scopre improvvisamente due cose terribili: un cancro e il fatto che suo marito non è l’uomo perfetto che ha sempre immaginato che fosse.
Regia: Mirjana Karanovic; sceneggiatura: Mirjana Karanovic, Stevan Filipovic, Darko Lungulov. Interpreti: Mirjana Karanovic, Boris Isakovic, Jasna Djuricic, Bojan Navojec, Hristina Popovic, Ksenija Marinkovic.

HALAL LOVE (AND SEX) (Libano, Germania, Emirati Arabi): nel film, si intrecciano le storie tragicomiche di alcuni uomini e donne musulmane che tentano di vivere in maniera moderna e libera senza infrangere le regole imposte dalla propria religione.
Regia e sceneggiatura: Assad Fouladkar. Interpreti: Darine Hamze, Rodrigue Sleiman, Zeinab Khadra, Hussein Mokadem, Mirna Moukarzel, Ali Sammoury.
Prémiere internazionale.

THE LURE (Polonia): due sirene, sorelle, vivono sulla terraferma esibendosi come ballerine in un night. Tutto si complica quando una delle due si innamora di un bellissimo ragazzo.
Regia: Agnieszka Smoczynska; sceneggiatura: Robert Bolesto. Interpreti: Marta Mazurek, Michalina Olszanska, Jakub Gierszal, Kinga Preis, Andrzej Konopka, Zygmunt Malanowicz.
Prémiere internazionale.

MALE JOY, FEMALE LOVE (China): tante, tante, tante storie d’amore.
Regia e sceneggiatura: Yao Huang. Interpreti: Nan Yu, Daizhen Ying, Xiaodong Guo, Yi Sun.

MAMMAL (Irlanda, Lussembrugo, Olanda): Margaret è una donna divorziata e vive a Dublino. Ancora sconvolta per la morte del figlio adolescente, intreccia una relazione con un giovane senzatetto. Le cose precipitano quando il ragazzo si imbarca in affari decisamente poco onesti e l’ex-marito della donna, scoperto il rapporto tra la donna e il giovane, da in escandescenze.
Regia: Rebecca Daly; sceneggiatura: Rebecca Daly, Glenn Montgomery. Interpreti: Rachel Griffiths, Barry Keoghan, Michael McElhatton.

MI AMIGA DEL PARQUE (Argentina, Uruguay): due ragazze appena conosciutesi, Liz e Rosa, scappano precipitosamente da un bar senza pagare il conto. Ciascuna delle due ha con sé un neonato: Liz è la madre di Nicador, ma Rosa sarà davvero la madre di Clarisa?
Regia: Ana Katz; sceneggiatura: Ana Katz, Inés Bortagaray. Interpreti: Julieta Zylberberg, Ana Katz, Maricel Álvarez, Mirella Pascual, Malena Figó, Daniel Hendler. Prémiere internazionale.

MUCH ADO ABOUT NOTHING (Cile): un ragazzo di famiglia benestante si mette pericolosamente nei guai.
Regia: Alejandro Fernández; sceneggiatura: Alejandro Fernández, Jerónimo Rodríguez. Interpreti: Agustín Silva, Alejandro Goic, Luis Gnecco, Paulina García, Daniel Alcaino, Augusto Schuster.

SAND STORM (Israele): nel momento in cui la loro vita sembra irrimediabilmente compromessa, due donne di una tribù beduina cercano di cambiare le regole, ciascuna a suo modo e coi propri mezzi.
Regia e sceneggiatura: Elite Zexer. Interpreti: Lamis Ammar, Ruba Blal-Asfour, Hitham Omari, Khadija Alakel, Jalal Masrwa.

WILD (Germania): una giovane anarchica decide di rompere il proprio tacito legame con la civiltà propriamente detta e di vivere una vita senza ipocrisie, né scorciatoie.
Regia e sceneggiatura: Nicolette Krebitz. Interpreti: Lilith Stangenberg, Georg Friedrich.

U.S. Documentary

AUDRIE & DAISY: dopo essere state aggredite sessualmente da alcuni ragazzi che credevano fossero loro amici e dopo essere state pesantemente perseguitate su internet, due ragazze tentano il suicidio e una di loro riesce nel proprio drammatico intento. Il documentario offre il punto di vista dei ragazzi coinvolti nella vicenda.
Regia: Bonni Cohen, Jon Shenk.

AUTHOR: THE JT LEROY STORY: il documentario tenta di far luce su JT LeRoy, caso letterario a soli 16 anni, una cratura così perfetta da far dubitare della sua reale esistenza.
Regia: Jeff Feuerzeig.

THE BAD KIDS: in una scuola situata nel deserto del Mojave, gli insegnanti tentano di creare empatia con i propri studenti, ragazzi a rischio per via del contesto degradato in cui vivono.
Regia: Keith Fulton, Lou Pepe.

GLEASON: appena trentaquattrenne, Steve Gleason, difensore della squadra di basket del New Orleans, ha dovuto rinunciare allo sport, dopo che gli è stata diagnosticata la SLA e i medici gli hanno diagnosticato solo cinque anni di vita.
Regia: Clay Tweel.

HOLY HELL: negli anni Ottanta, conclusi gli studi al college, un giovane filmaker di West Hollywood entra a far parte di una comunità spirituale guidata da un leader particolarmente carismatico. Venti anni dopo, il gruppo viene drammaticamente sciolto. Il documentario si basa sul materiale d’archivio raccolto dal filmaker.
Regia: anonimo.

HOW TO LET GO OF THE WORLD (AND LOVE ALL THE THINGS CLIMATE CAN’T CHANGE): abbiamo ancora qualche speranza di fermare i disastri legati ai mutamenti climatici, oppure è già troppo tardi per fare qualcosa?
Regia: Josh Fox.

JIM: il filmato dell’esecuzione del giornalista americano James Foley ad opera dei militanti dell’ISIS ha scosso l’opinione pubblica internazionale. Ma chi era Foley? Il documentario spiega che non è stato solo un uomo vestito di arancione.
Regia: Brian Oakes.

KATE PLAYS CHRISTINE: l’attrice Kate Lyn Sheil si prepara ad interpretare il ruolo di Christine Chubbuck, una conduttrice televisiva statunitense della Florida suicidatasi nel 1974, durante una trasmissione in diretta.
Regia: Robert Greene.

KIKI: il documentario offre uno sguardo all’interno di una sorta di spazio neutro creato e organizzato da alcuni giovani LGBTQ di colore che chiedono alla società solo felicità e riconoscimenti politici.
Regia: Sara Jordenö.

LIFE, ANIMATED: Owen Suskind, un ragazzo autistico rimasto muto per anni, emerge lentamente dal suo isolamento per immergersi totalmente nel mondo dei film animati della Disney. Usando queste pellicole come una sorta di mappa, Owen trova la strada per comunicare con la propria famiglia e con il resto del mondo.
Regia: Roger Ross Williams.

NEWTOWN: il documentario racconta come la comunità di Newtown ha tentato di riprendersi dopo lo shock causato da una delle sparatorie più efferate della recente storia degli Stati Uniti compiuta all’interno di un doposcuola scolastico.
Regia: Kim A. Snyder.

NUTS!: il dottor John Romulus Brinkley è stato un vero e proprio genio, particolarmente eccentrico, che, negli anni Venti, costruì il proprio impero economico su una cura contro l’impotenza maschile.
Regia: Penny Lane.

SUITED: Bindle & Keep è un negozio di sartoria di Brooklyn che realizza abiti per un sempre maggior numero di clienti anticonformisti e spregiudicati.
Regia: Jason Benjamin.

TRAPPED: le cliniche americane dove è possibile praticare l’aborto stanno letteralmente lottando contro la propria chiusura, a causa di leggi sempre più restrittive sull’argomento.
Regia: Dawn Porter.

UNCLE HOWARD: venticinque anni dopo la realizzazione del film Burroughs: The Movie che catturò il fermento culturale della New York dei primi anni Ottanta, il suo regista, Howard Brookner, è stato stroncato dall’AIDS. Suo nipote ha deciso di creare un montaggio dei lavori di Brookner per creare una sorta di elegia cinematica dell’eroe della sua infanzia.
Regia: Aaron Brookner.

WEINER: il documentario rivela i retroscena della carriera di Anthony Weiner e degli scandali che lo hanno coinvolto, minandone carriera politica e reputazione personale, insistendo sul concetto che gli uomini politici contemporanei hanno un’insana passione per lo spettacolo.
Regia: Josh Kriegman, Elyse Steinberg.

World Documentary

ALL THESE SLEEPLESS NIGHTS (Polonia): come ci si sente ad essere incredibilmente lucidi in un mondo che sembra dormire con gli occhi aperti?
Regia: Michal Marczak.

A FLAG WITHOUT A COUNTRY (Iraq): il documentario segue separatamente le vicende della cantante Helly Luv e del pilota Nariman Anwar. Entrambi sono una fonte di forza ed energia per la società in cui vivono, continuamente vessata da problemi legati alla guerra e alla presenza dell’ISIS.
Regia: Bahman Ghobadi.

HOOLIGAN SPARROW (Cina, Stati Uniti): attraversando la Cina meridionale, un gruppo di attivisti guidati da Ye Haiyan, noto anche come Hooligan Sparrow, protesta contro un preside che ha abusato sessualmente di sei studenti. Sparrow è un nemico dello Stato, ma gli arresti, gli interrogatori e varie espulsioni dal Paese non hanno impedito alla protesta di diventare virale, diffondendosi in tutto il mondo.
Regia: Nanfu Wang.

THE LAND OF THE ENLIGHTENED (Belgio): in Afghanistan, un gruppo di bambini Kuchi è impegnato nel recuperare vecchie mine sovietiche affinché altri bambini le impieghino per estrarre preziosi lapislazzuli da una miniera.
Regia: Pieter-Jan De Pue.

THE LOVERS AND THE DESPOT (Regno Unito): dopo la fine della loro nota storia d’amore, un celebre regista e la sua ex-moglie vengono rapiti da Kim Jong-il, dittatore appassionato di cinema, affinché rimettano in sesto la loro relazione.
Regia: Robert Cannan, Ross Adam.

PLAZA DE SOLEDAD (Messico): per oltre 20 anni, la fotografa Maya Goded ha documentato le vite di una piccola comunità di prostitute di Città del Messico.
Regia: Maya Goded.

THE SETTLERS (Francia, Canada, Israele, Germania): il documentario offre uno sguardo sugli insediamenti ebrei in Cisgiordania.
Regia: Shimon Dotan.

SKY LADDER: THE ART OF CAI GUO QIANG (Stati Uniti): l’artista Cai Guo-Qiang è uno dei maggiori artisti cinesi contemporanei e il documentario ne racconta la vita, dalla Cina di Mao in poi.

SONITA (Germania, Iram, Svizzera, Germania): se potesse, la diciottenne Sonita vorrebbe avere per genitori Michael Jackson e Rihanna e sarebbe una rapper che, con le sue canzoni, racconterebbe la storia delle donne afgane e il destino delle spose-bambine. Invece, è appena stata venduta dalla sua famiglia ad un uomo sconosciuto, per 9000 dollari.
Regia: Rokhsareh Ghaem Maghami.

WE ARE X (Regno Unito, Stati Uniti, Giappone): sorta di sopravvissuto del miglior glam rock, gli X Japan hanno rivoluzionato la scena musicale giapponese dei tardi anni Ottanta con il loro metal melodico. Vent’anni dopo, il leader della band, Yoshiki, combatte ancora i pregiudizi, pur di riuscire a diffondere in Occidente la sua musica.
Regia: Stephen Kijak.

WHEN TWO WORLDS COLLIDE: un leader indigeno tenta di opporsi alla distruzione dell’Amazzonia. Condannato all’esislio e a vent’anni di prigione, la sua lotta mette in evidenza le contraddizioni che stanno condizionando il destino dell’Amazzonia e il clima dell’intero pianeta.
Regia: Heidi Brandenburg, Mathew Orzel.

NEXT

THE 4TH: Los Angeles, 4 luglio. Jamie, un illustratore con qualche problema economico, prova ad organizzare un pranzo in giardino, mentre il suo antipatico coinquilino è via di casa, ma tutto sembra andare per il verso sbagliato.
Regia e sceneggiatura: Andre Hyland. Interpreti: Andre Hyland, Johnny Pemberton, Eliza Coupe, Yasmine Kittles, Anna Lee Lawson, Paul Erling Oyen.

DARK NIGHT: sei sconosciuti, tra cui il vero attentatore, trascorrono una giornata all’interno di un cinema multisala, prima che si scateni l’inferno.
Regia: Tim Sutton. Interpreti: Robert Jumper, Anna Rose, Rosie Rodriguez, Karina Macias, Aaron Purvis, Eddie Cacciola.

THE EYES OF MY MOTHER: una giovane e solitaria donna si consuma all’ombra dei suoi più oscuri desideri, dopo che una tragedia colpisce la sua famiglia.
Regia: Nicolas Pesce. Interpreti: Kika Magalhães, Will Brill, Paul Nazak, Flora Diaz, Clara Wong, Diana Agostini. World Premiere

FIRST GIRL I LOVED: la diciassettenne Anne si è appena innamorata di Sasha, la ragazza più popolare della scuola. Quando lo rivela a Clifton, il migliore amico di Sasha, da sempre innamorato di lei, Anne capisce che è arrivato il momento di darsi da fare.
Regia: Kerem Sanga. Interpreti: Dylan Gelula, Brianna Hildebrand, Mateo Arias, Jennifer Prediger, Tim Heidecker, Pamela Adlon.

THE FITS (Stati Uniti, Italia): quando il team di danza di Cincinnati viene improvvisamente colpito da una strana epidemia di svenimenti, l’undicenne Toni, notoriamente un maschiaccio, non sa bene che fare: deve cedere o no al suo desiderio di essere accettata?
Regia: Anna Rose Holmer; sceneggiatura: Anna Rose Holmer, Saela Davis, Lisa Kjerulff. Interpreti: Royalty Hightower, Alexis Neblett, Da’Sean Minor, Lauren Gibson, Makyla Burnam, Inayah Rodgers.

HOW TO TELL YOU’RE A DOUCHEBAG: cosa succede quando un misogino si innamora?
Regia e sceneggiatura: Tahir Jetter. Interpreti: Charles Brice, DeWanda Wise, William Jackson Harper, Alexander Mulzac, Jenna Williams, Tonye Patano.

JACQUELINE (Argentina, Stati Uniti)
Regia e sceneggiatura: Bernardo Britto. Interpreti: Camille Rutherford, Wyatt Cenac, James Benson, Martin Anderson, Sarah Willis, Enrique Dura.

THE LAND: quattro adolescenti decidono di dedicare un’intera estate al proposito di diventare skateboarder professionisti, ma la loro fratellanza viene messa a dura prova e quella che si prospettava un periodo di vacanza come gli altri potrebbe essere l’ultimo della loro gioventù.
Regia: Steven Caple Jr. Interpreti: Jorge Lendeborg Jr., Moises Arias, Rafi Gavron, Ezri Walker, Erykah Badu, Michael K. Williams.

OPERATION AVALANCHE (Stati Uniti, Canada): 1967. Quattro agenti della CIA vengono ingaggiati dalla NASA per fingersi membri di una troupe impegnata a girare un documentario. I quattro scopriranno una delle più grandi cospirazioni della storia americana.
Regia: Matt Johnson; sceneggiatura: Matt Johnson, Josh Boles. Interpreti: Matt Johnson, Owen Williams, Josh Boles, Ray James.

SLEIGHT: dopo che sua madre è morta, un ragazzo appassionato di giochi di prestigio deve prendersi della sorellina minore e, per guadagnare più soldi in fretta, finisce in un brutto giro di spaccio e si mette nei guai con il suo capo che, per vendicarsi, gli rapisce la sorella. Per trarsi d’impaccio, il ragazzo deve ricorrere a tutto il proprio buonsenso e a qualche trucco di magia.
Regia: JD Dillard; sceneggiatura: JD Dillard, Alex Theurer. Interpreti: Jacob Latimore, Dulé Hill, Seychelle Gabriel, Storm Reid, Sasheer Zamata, Cameron Esposito.

CATEGORIE: FestivalPremi

Lascia un commento

jfb_p_buttontext